Scopri qui se il tuo cane è obeso!🐶

Pubblicità

I cani possono mangiare le lenticchie? Ecco la verità

lenticchie sul cucchiaio advice

I cani possono mangiare le lenticchie, ma senza esagerare.

© Pixabay

I cani possono mangiare le lenticchie? La risposta è positiva, ma è bene non esagerare con le dosi. Ecco spiegato perché e come fare attenzione all'alimentazione del cane.

Di Nina Segatori

aggiornato il 13/02/20, 11:20

Lenticchie sì o lenticchie no? Questo è il dilemma di chi vorrebbe sapere se dare al cane la possibilità di sfruttare i benefici dei legumi e in particolar modo di questo nello specifico. Il punto è che essendo un alimento particolarmente ricco di fibre, la preoccupazione è che possa provocare fastidi all’animale.

Il discorso è ampio e in linea di massima si può affermare che i cani possano mangiare le lenticchie, a patto che si abbiano le dovute attenzioni e si mantengano determinate accortezze. In questo modo mangiare lenticchie sarà solo un bene per il nostro amico a 4 zampe, soprattutto se prima di integrarle nella sua dieta, venga consultato il parere del veterinario.

Lenticchie al cane

Le lenticchie, come ogni legume, possono essere un ottimo alimento da dare al cane, perché ricco di proteine e fibre, elementi fondamentali per una dieta sana e bilanciata. Soprattutto in alcuni casi specifici le lenticchie risultano utilissime per evitare l’obesità, perché povere di zuccheri nonostante siano molto nutrienti, e per controllare il diabete. Inoltre, quasi tutti i cani amano questo legume, per il suo sapore deciso soprattutto se cotte senza condimento.

Aggiunte nell’alimentazione quotidiana del proprio amico peloso, daranno il giusto apporto di energie e saranno perfette per quei cani che a causa di gastriti e intolleranze devono evitare le proteine animali che causano spesso diarrea e vomito agli intestini più delicati. Ideali anche per gli animali più anziani.

I pro del mangiare lenticchie

Mangiare lenticchie ha i suoi vantaggi. Essendo ricche di proteine e fibre sono un bene per il cane, che ne guadagnerà in salute. Questo legume è inoltre fonte di:

  • vitamine B;
  • magnesio;
  • fosforo;
  • potassio;
  • rame;
  • zinco;
  • ferro;
  • acido folico.

Inoltre agiscono sull’organismo riducendo il livello di colesterolo e il rischio di malattie cardiache, combattono la pressione alta e aiutano a perdere peso.

I contro delle lenticchie

Di contro, però, essendo cariche di fibre, possono risultare poco digeribili, anzi tra i legumi sono proprio quelle che si digeriscono più difficilmente, soprattutto se il cane ha già problemi legati all’apparato gastrointestinale.

Inoltre, come tutti i legumi, possono causare aerofagia, con conseguenti dolori alla zona addominale. I problemi che insorgono con le lenticchie, soprattutto se crude, non finiscono qua. Questo alimento contiene lecitina, che è una glicoproteina, causa spesso del male assorbimento intestinale e della crescita di batteri nell’intestino. Cuocendole la lecitina diminuisce di molto, quindi evitate di dare le lenticchie crude al cane.

Legumi ai cani

Ci sono pareri contrastanti per quanto riguarda l’integrazione dei legumi nella dieta del cane. Questo perché se da una parte sono molto salutari, dall’altra possono provocare gonfiore e aria nella pancia.

Prima di decidere, quindi, se farli mangiare al proprio cane è bene consultare il veterinario.

In ogni caso, anche se il medico vi desse il via libera ai legumi è sempre meglio non esagerare con le dosi, perché potrebbero comunque dare fastidi. Non sempre, infatti, sono facilmente digeribili e la stesa regola che vale per gli esseri umani, è valida anche per gli animali.

Alimenti adatti ai cani

Tra gli alimenti adatti ai cani i legumi sono senz’altro nella lista, anche se con tutte le accortezze del caso. Altri cibi che il cane può mangiare tranquillamente sono:

  • le zucchine,
  • i fagiolini;
  • il petto di pollo e di tacchino, ma anche il manzo e le proteine animali in generale.

La cosa importante, oltre a servire alimenti adatti a lui, è quella di seguire una dieta bilanciata, che non abbondi di carboidrati o esageri con le fibre. Se decidete di cucinare per il vostro cane, senza comprare crocchette o scatolette di umido, fatevi prima consigliare dal veterinario per quanto riguarda quantità e porzioni.

In questo caso l’alimentazione cambia man mano che l’animale cresce, proprio per questo è necessario essere seguiti da un medico.
Leggi anche