Scopri qui se il tuo cane è obeso!🐶

Pubblicità

I cani possono mangiare i funghi?

cane-mangia-funghi advice

Scopri se i cani possono mangiare i funghi.

© Shutterstock

I cani possono mangiare i funghi? Meglio evitare, visto che anche molti di quelli che non sono velenosi per noi, potrebbero esserlo per loro. In questo articolo vi spieghiamo perché.

Di Nina Segatori

Pubblicato il 25/09/20, 16:53

I funghi sono un alimento molto amato dagli esseri umani, anche se molte qualità sono da evitare perché tossiche e velenose. Ma i cani possono mangiare i funghi?

Vegetale dalla natura ancora piuttosto misteriosa, che lo rende non appetibile per tutti, ma soprattutto non sempre sicuro, il fungo non è assolutamente da considerare un alimento da includere nell’alimentazione degli amici a quattro zampe.

I funghi non sono indicati per il cane, qualunque qualità esso sia. Chiedete sempre il parere del veterinario prima di darne, ma nel dubbio evitate di darli al vostro animale domestico.

Funghi ai cani: sì o no?

La risposta è preferibilmente no, il cane è meglio che non mangi i funghi. I costituenti dei funghi sono, per natura, difficilmente digeribili e metabolizzabili per Fido.

L'ingestione moderata può provocare al massimo una lieve dissenteria, del vomito o dolori addominali, nulla che possa compromettere la vita del soggetto.

Il discorso cambia se il fungo rientra in una delle specie definite nocive o velenose. In quel caso qualunque essere vivente assuma funghi velenosi (a parte rare eccezioni) può riscontrare gravi conseguenze di salute che possono condurre addirittura alla morte.

Cosa accade se un cane mangia i funghi?

Se l’animale ingerisce un fungo che il suo metabolismo non elabora per bene e soprattutto se non è uno di quelli più sicuri, anzi uno di quelli tossici per i cani, possono insorgere tutta una serie di conseguenze fastidiose o addirittura mortali, in caso di intossicazione o avvelenamento da funghi.

Mai funghi selvatici ai cani

Non è consigliato dare dei funghi al proprio cane, ma se la situazione lo richiede (per un motivo o per un altro) scegliamo solo i funghi selezionati.

Per funghi selezionati si intendono quelli coltivati, raccolti e commercializzati dalla grande distribuzione la quale garantisce i criteri sanitari e qualitativi. 

Il discorso è diverso quando si tratta di funghi selvatici, che un occhio inesperto non sa distinguere tra commestibili e velenosi. In caso di ingestione di funghi tossici si possono verificare episodi di diarrea e vomito, che compaiono dopo 2, 3 ore.

Poi ci sono casi più gravi in cui la tossicità del fungo crea problemi solo dopo 12 ore e sono questi i casi più gravi, perché può provocare la sindrome falloidea, che agisce sul metabolismo epatico e la sindrome orellanica che colpisce a livello renale. Possono portare alla morte.

Come avviene l'addestramento del cane da funghi?

La domanda sorge spontanea, soprattutto tra gli allevatori: il cane da funghi come può cercarli senza avere problemi di salute?

L’addestramento di questo tipo di cani avviene in maniera sicura, non richiede l’; ingestione dell’alimento e soprattutto è specifico per un tipo particolare di fungo, il porcino. Questa qualità è sicura per il cane quindi anche se dovesse accidentalmente mangiarlo non avrebbe problemi di salute.

I cani mangiano i funghi quando li cercano?

In ogni caso il cane è addestrato a odorare il fungo e riconoscerlo senza toccarlo, anche perché si rovinerebbe e sarebbe, quindi, immangiabile.

Non c’è nessun pericolo nell’insegnare il cane a trovare funghi, purché si lavori bene sul fatto che non debba assolutamente mangiarli, ma che soprattutto si tenga alla larga da quelli velenosi. Il discorso, quando si tratta di questi vegetali, è sempre molto delicato e non va sottovalutato alcun dettaglio.

Cosa non possono mangiare i cani?

I funghi, in conclusione, possono essere velenosi per i cani, ma non sono gli unici cibi tossici per loro.

Altri che fanno parte di quelli da evitare sono primo fra tutti il cioccolato, che in (neppure troppe) elevate quantità può essere mortale, così come l’alcol, che può davvero danneggiare l’organismo del nostro fedele amico a 4 zampe.

Ci sono poi alcuni alimenti che sono insospettabilmente tossici, come:

  • L’aglio;
  • L’uvetta e l'uva;
  • Le spezie;
  • Lo zucchero e i dolci in generale;
  • Le ossa di pollo e di coniglio: anche se non sono tossiche in senso stretto, risultano in ogni caso pericolosissime a causa del fatto che spezzandosi risultano molto appuntite e possono provocare ulcere e perforazioni.
  • Il sale, pericoloso perché colpisce i reni e provoca diversi disturbi come ad esempio attacchi epilettici (se ingerito in grandi quantità).
  • L’avocado, molto salutare per l’uomo, ma velenoso per il cane, a causa della molecola Persin, che contiene, che provoca problemi all’apparato digerente.