News :
wamiz-v3_1

TEST: Che razza di cane fa per te?🐶🐶

Pubblicità

Come insegnare al cucciolo il comando del fermo?

cane-cucciolo-seduto-ai-piedi-del-padrone advice
© Pixabay

Costanza, tempo, interesse reciproco: ecco tutti gli ingredienti per capire come insegnare al cucciolo il fermo, come motivarlo e premiarlo dei suoi successi.

Di Clara Amodeo

Sapere come insegnare al cucciolo il fermo non è una cosa da poco: si tratta infatti di uno dei comandi di base, forse tra i più importanti, che può venire utile in diverse occasioni e specie se il cane ha un carattere iperattivo ed è, appunto, ancora cucciolo. Per esempio?

Prendiamo alcuni casi: se hai ospiti in casa e non vuoi che il cane salti loro addosso ogni volta, spaventandoli o mettendoli in imbarazzo, è bene che tu sappia impartire (e che il cane sappia recepire) il comando del fermo.

Lo stesso vale quando stai trasportando qualcosa di grosso e pesante e il cane non deve interferire nei tuoi movimenti, o quando c’è un pericolo in strada e il cane ha bisogno di starti accanto (ed è utile, quindi, anche per salvargli la vita!). In tutti questi casi è importante che l’animale stia al tuo comando ma, giunti a questo punto, la domanda sorge spontanea: come insegnare al cucciolo il fermo? Scopriamolo in questo articolo.

Con cosa iniziare per insegnare il "fermo" al cane?

Prima ancora di vedere come insegnare al cucciolo il fermo, è importante ricordarsi un paio di buone pratiche che predispongono voi e il vostro cucciolo all’insegnamento e all’apprendimento: 

  • Aspettare che sia voi sia i vostri amici pelosi siate dotati di tempo e di attenzione necessari a svolgere questo tipo di attività. I cuccioli, infatti, tendono a distrarsi e a pensare ad altro, anche durante le sessioni di allenamento;
  • Adottare un comportamento normale e naturale che, tuttavia, deve essere bilanciato dalla vostra presenza e dalla vostra voce in modo costante.

Come impostare l'educazione del cucciolo?

Allo stesso tempo, è buona cosa impostare delle sessioni che non siano troppo lunghe (ti annoieresti tu, ma si annoierebbe anche il cucciolo) ma che, al contrario, siano brevi e ripetute nel tempo: per evitare il rischio che il cane si dimentichi quanto appreso nella precedente lezione, è dunque utile che queste durino solo pochi minuti e siano distribuite in modo uniforme nel corso della settimana. Due sessioni da cinque minuti al giorno, poi, sono meglio di una sola sessione da un'ora il sabato.

Come motivare il cucciolo?

Ultimo ma non meno importante punto da considerare prima di capire come insegnare al cucciolo il fermo è quello di comprendere al meglio quali sono le ricompense che il cane apprezza di più. L’addestramento, infatti, richiede molti rinforzi positivi che nel caso dei cani prendono la forma di bocconcini di cibo o dei giocattoli.

Scoprire cosa piace di più al proprio cucciolo lo invoglierà a lavorare meglio, dandogli la motivazione giusta per compiere l'azione desiderata, in questo caso restare fermo.

Come insegnare al cucciolo il fermo?

Partiamo dall’inizio: è importante fare sedere il cane (motivo per cui è bene insegnargli anche il comando “seduto” o “terra”). Da questa posizione, fai un passo indietro, tendi la mano con il palmo aperto verso di lui e pronuncia la parola “fermo” con un tono basso e deciso, utilizzando il contatto visivo. La combinazione dell'ordine verbale e di quello impartito con la mano aiuterà l'animale ad associare i comandi con il rimanere fermo. Se, dopo cinque secondi, il cane resta fermo, è bene tornare da lui prima che si muova dalla sua posizione, premiarlo ed elogiarlo.

L’allenamento, tuttavia, non finisce qui: aumentando gradualmente il tempo del “fermo” e la tua distanza da lui, l'animale, almeno per le prime volte, si alzerà e ti seguirà non appena gli hai impartito l'ordine.

Che fare se il cucciolo non sta al comando?

Come sempre in queste occasioni, alzare la voce, urlare o muoversi di scatto non serve a nulla: al contrario, quando comincia a muoversi, correggilo con un "No", con un tono più deciso di quello che hai usato per il comando “fermo”.

Ancora una volta, è buona cosa elogiarlo quando si risiede e riprendere un tono di voce allegro quando resta fermo o torna a sedersi dopo che l'hai corretto. Il tutto va ripetuto per più volte, senza fermarsi alla prima buona riuscita del cucciolo nell’apprendimento del comando.

Come far venire il cucciolo da me?

Infine, quando l'animale domestico ha imparato a stare fermo, puoi completare l'addestramento facendolo venire da te. Scegliere una parola che gli indichi che può lasciare la posizione seduta è la cosa migliore per non lasciarlo “imbambolato”, senza che capisca il vero fine ultimo dell’addestramento.

Il segnale più comune è l’"Ok", in abbinamento alla caduta della mano. Ancora una volta, quando ti raggiunge è bene dargli dagli un bocconcino ed elogiarlo.

Ricorda, però, di non esagerare nelle ricompense per evitare di stravolgere l’alimentazione del tuo cucciolo.

Leggi anche