Belle le vacanze con i pet? Rispondi🐶

Pubblicità

A cosa stare attenti nel mese di maggio se si ha un cane?

cane-sull-erba dog-serious

 I pericoli per i cani nel mese di maggio.

© Modern Design / Shutterstock

La primavera e i mesi successivi possono nascondere dei pericoli per i nostri cani. Scopriamo a cosa stare attenti durante il mese di maggio.

Di Ilenia Colombo

Pubblicato il 05/05/21, 13:30, aggiornato il 21/06/21, 17:14

A maggio siamo a primavera inoltrata e ci avviamo quindi verso un clima più caldo, giornate più lunghe e colorate dei più bei fiori e piante.

La maggior parte dei proprietari di cani si chiedono come vivono i loro amici a quattro zampe questo periodo dell'anno e quali sono gli eventuali pericoli a cui stare attenti.

Noi di Wamiz abbiamo pensato di spiegarvi a cosa fare attenzione e quale frutta e verdura di stagione scegliere per il nostro fedele amico.

Fiori e piante di maggio tossiche per i cani

Ogni anno, tra aprile e maggio la natura si risveglia e le giornate diventano più lunghe e calde. Elementi perfetti per passare del tempo all'aperto in compagnia di Fido.

In questo periodo dell'anno ci sono fiori e piante che, pur essendo molto belli, possono essere velenosi per i cani.

Oltre a giacinto, giglio, iris, rododendro, ficus e oleandro già elencati per il mese di aprile, tra maggio e giugno principalmente, occorrerà fare attenzione anche a:

  • Azalea: contiene, come il rododendro, composti tossici per i cani come le graianotossine. Una volta ingerite, possono causare depressione del sistema nervoso centrale oltre che vomito, salivazione eccessiva e diarrea. Nei casi di avvelenamento più gravi si può andare incontro a coma e a collasso cardiovascolare.
  • Ricino: questa pianta, i cui chicchi sono pieni di ricina, può causare perdita di appetito, forti dolori addominali, vomito, bava, disidratazione e sete eccessiva. L’avvelenamento da ricino può causare il coma e persino la morte.
  • Crisantemo: contiene sostanze velenose chiamate piretrine che causano bava, vomito e diarrea. Se il cane ne consuma in eccesso, può andare incontro a debolezza e perdita di coordinazione.

  • Cycas revoluta (chiamata anche palma del Sago): La parte più velenosa della palma del sago sono i suoi semi. Un paio di questi possono portare a vomito, diarrea, convulsioni e insufficienza epatica. Non sono solo i semi ad essere velenosi: l’ingestione di foglie o di corteccia può anche portare a debolezza generale e problemi gastrointestinali.

Tenete quindi Fido alla larga da tutte queste piante sopracitate!

Quale frutta e verdura di stagione scegliere per il cane?

Per un'alimentazione varia ed equilibrata anche i nostri animali domestici hanno bisogno di mangiare frutta e verdura.

Tra la frutta tipica di questo periodo e adatta a Fido troviamo:

E tra la verdura:

Tuttavia, è bene fare attenzione anche agli alimenti tossici o da evitare, come aglio, albicocche (con moderazione le albicocche si possono dare, ma bisogna sempre togliere il nocciolo perché tossico), pompelmo, cipolla, ciliegie.