News :

Scopri qui se il tuo cane è obeso!🐶

Pubblicità

Posso dare al mio cane dei medicinali per umani?

Il-cane-prende-la-pillola advice

Posso dare al mio cane un farmaco destinato all'uso umano?

© Shutterstock

Posso dare al cane farmaci per uso umano o è pericoloso per la sua salute? I farmaci ad uso veterinario vengono spesso formulati con gli stessi principi attivi di un farmaco destinato all’uomo. Allora come mai il costo dei medicinali veterinari è più elevato? 

Di Flavia Chianese

Pubblicato il 17/01/20, 19:50

Esiste, in ambito farmaceutico, una gran varietà di molecole e combinazioni: alcuni principi attivi utilizzati nei farmaci umani, funzionano bene anche sui nostri animali da compagnia, cani in particolare, ma è comunque di fondamentale importanza conoscere il dosaggio corretto.

Altri medicinali invece, da noi comunemente utilizzati, risultano estremamente tossici per Fido e Micio, anche a dosaggi molto bassi. 

Dunque si può dare al cane un medicinale per umani? Facciamo chiarezza su questa questione scoprendo quali sono i farmaci umani utilizzati in ambito veterinario e quando è possibile somministrarli agli animali.

Farmaco veterinario o farmaco ad uso umano?

Il motivo principale per cui alcuni padroni tendono ad “insistere” che il veterinario prescriva al loro cane farmaci utilizzati da noi umani, è sostanzialmente il costo ridotto al quale è possibile reperirli. I farmaci ad uso veterinario infatti, possono arrivare a costare ben 10 volte più di un farmaco umano equivalente che utilizza comunque gli stessi principi attivi. Scopriamo perché.

Perché i farmaci veterinari costano così tanto?

I farmaci veterinari costano molto in quanto l’assistenza veterinaria, compresa la prescrizione dei farmaci, non è a carico del Sistema Sanitario Nazionale pubblico, quindi tutto ciò che ne deriva non può passare “per la mutua”, utilizzando la classica ricetta del medico di base ed eventuali esenzioni ticket. Tuttavia se domandassimo al nostro veterinario di prescriverci un farmaco umano equivalente per farci risparmiare, staremmo in realtà commettendo una scorrettezza: il veterinario infatti non potrà farlo, se non in alcuni casi specifici.

Il veterinario può prescrivere farmaci umani al mio cane?

No, se non in via eccezionale. La legge impone infatti al veterinario di prescrivere solo farmaci destinati agli animali: pena una sanzione amministrativa che va dai 1.549 euro ai 9.296 Euro.

Il Decreto Legislativo 139/06 che regolamenta questa questione, ha però le dovute eccezioni: nel caso in cui non esista un farmaco veterinario specifico adatto o disponibile, il medico veterinario può assumersi la responsabilità di prescrivere alcuni farmaci normalmente destinati all’uso umano, al fine di evitare all'animale evidenti stati di sofferenza. 

Quali i farmaci umani possono essere utilizzati in ambito veterinario?

Esistono molte categorie di farmaci umani, che se accuratamente dosate possono essere somministrate anche in ambito veterinario:

•    Antibiotici
•    Cortisonici
•    Antidiarroici e antiperistaltici
•    Alcuni psicofarmaci e antiepilettici
•    Alcuni diuretici

Attenzione, perché non tutti i principi attivi di queste tipologie di farmaco vanno bene anche sugli animali, ed inoltre non è sempre possibile ottenere dal farmaco umano il preciso dosaggio da somministrare al nostro cane.

Questo è di fondamentale importanza per evitare intossicazioni ed avvelenamenti da farmaci, che potrebbero essere addirittura letali.

I farmaci ad uso umano sono tarati su individui ideali con un peso standard di circa 60kg, non a caso invece nei farmaci ad uso veterinario è sempre indicata la dose in mg per kg di peso vivo.

Principi attivi comuni a farmaci veterinari e a farmaci per uso umano

Ecco di seguito una lista di alcuni principi attivi che sono alla base dei più comuni farmaci veterinari e dei farmaci umani (nome commerciale riportato tra parentesi).

Antibiotici: 
•    Doxiciclina (Bassado)
•    Gentamicina, 
•    Amoxicillina e amoxicillina e acido clavulanico (Augmentin)
•    Cefalexina (Ceporex)
•    Spiramicina e metrodinazolo

Gastroprotettori: 
•    Omeprazolo (attenzione ai possibili effetti collaterali)
•    Ranitidina

Diuretici: 
•    Furosemide (Lasix)

Antidepressivi e calmanti, antiepilettici:
•    Alprazolam (Xanax)
•    Gardenale

È importante considerare che ogni animale può avere una risposta specifica ad un determinato farmaco, che sia veterinario o umano. Non sono infrequenti neanche per noi reazioni allergiche o effetti collaterali causati dai farmaci: ecco perché è di fondamentale importanza non prendere mai iniziativa riguardo la somministrazione degli stessi, rivolgendosi sempre al proprio veterinario di fiducia, qualunque sia il problema di salute che interessa il vostro animale.

Quali sono i farmaci utilizzati dall’uomo ma tossici per il cane?

Avendo citato i principi attivi utilizzati sia in veterinaria che per gli esseri umani, è doveroso menzionare anche quelliche possono risultare tossici per i nostri amici a 4 zampe.
Eccone alcuni:

•    La maggior parte degli antidolorifici, o comunque quelli a base di Ibuprofene (come ad esempio Buscofen o Moment)
•    Paracetamolo, classificato come antipiretico (Tachipirina, particolarmente tossico nel gatto)
•    Alcuni anticoagulanti
•    Acido acetilsalicilico (se non a dosaggi molto bassi)

Quali sono i dispositivi medici che trovano utilità in ambito veterinario? 

Alcuni prodotti sempre presenti (o quasi) nell’armadietto dei medicinali di casa possono risultare utili anche per i cani e gatti:

Perossido di idrogeno

Meglio noto come acqua ossigenata, è uno dei dispositivi medici più utilizzati come disinfettante. In situazioni di emergenza il veterinario potrebbe consigliarvi di utilizzarla per indurre il vomito nel vostro cane, se ha ingerito qualcosa di potenzialmente pericoloso. Occhio però a chiedere prima il suo parere: un utilizzo scorretto potrebbe causare seri danni all’esofago del nostro Fido. 

Acido borico

Dalle proprietà antisettiche e disinfettanti, può essere utilizzato in caso di infezioni oculari per la pulizia preliminare degli occhi, prima dell’applicazione di eventuali colliri. 

E le terapie terapie naturali? Posso somministrarle tranquillamente al mio cane?

Non fatevi ingannare dalle strategie di marketing che fanno apparire alcune terapie cosiddette “naturali” migliori per la salute del nostro cane. Ciò che è naturale infatti non è sempre e necessariamente un bene per la salute (ad esempio il cianuro è una molecola naturale, ma estremamente tossica!).

La stragrande maggioranza delle molecole presenti nei nostri farmaci sono copie di ingredienti attivi naturali. E abbiamo anche visto che alcune molecole sono buone per noi, ma non per gli animali: ci possono essere intolleranze specifiche anche per quei prodotti che non vengono trattati chimicamente. 
Ecco perché è importante non sottovalutarle!

Ricorda, questo articolo ha uno scopo puramente informativo, e non vuole in alcun modo sostituirsi al parere del veterinario: solo lui potrà consigliarvi la terapia adeguata ai più disparati problemi di salute del vostro amico a 4 zampe!