Instagram

È Natale! Tanti buoni sconto per voi🎄

Pubblicità

I cani dei presidenti americani da Hoover a Trump

cane con bandiera americana advice

Oggi parliamo dei cani dei presidenti americani, da Franklin D. Roosevelt a Donald Trump.

© Shutterstock

In occasione delle elezioni americane 2020, vi proponiamo una carrellata dei cani dei presidenti americani che hanno messo zampa alla Casa bianca.

Di Anna Paola Bellini

Pubblicato il 02/11/20, 14:50

Perché parlare dei cani dei presidenti americani? Semplice: il 3 novembre 2020, giorno tanto atteso, sta per arrivare.

Poche ore ci separano dai risultati delle elezioni USA 2020 che vedono sfidarsi l’attuale presidente Repubblicano, Donald Trump, e il Democratico Joe Biden.

In occasione di questo evento che potrebbe sovvertire le sorti dell’intera America e avere importanti ripercussioni a livello mondiale, anche noi di Wamiz vogliamo dire la nostra.

Ecco quindi, alcuni cani che hanno messo zampa all’interno della giardino della Casa (bianca) più famosa del mondo.

I cani dei presidenti americani: qualche cifra

Per i diversi Presidenti susseguitisi nel corso del tempo alla White House, i cani son senza alcun dubbio gli animali preferiti. Sarà perché sono ameri…cani?

Al di là di facili battute, basta guardare i numeri: ben 30 dei 45 Presidenti hanno avuto almeno un cane nell’ambita Ala Ovest.

Il primo è stato George Washington, mentre Barack Obama ne ha avuti ben due durante la sua presidenza. E Donald Trump? Merita un capitolo a sé!

Donald Trump ha un cane?

Fino ad ora l’ancora attuale Presidente Donald Trump non ha ancora fatto mettere zampa in casa ad un simpatico quattro zampe. Ne avevamo già parlato in tema di Cani di Stato contrapponendo l'americano al francese Emanuel Macron e l'inglese Boris Johnson. 

Inoltre, non mostrerebbe alcuna voglia di far entrare un cane nella sua vita. Il ché lo rende il primo Presidente a non far giocare sul prato della Casa bianca un animale domestico dai tempi di William McKinley, più di 100 anni fa.

Le conferme di Ivana Trump

Se oggi è Melania la first lady più chiacchierata del web, non bisogna dimenticare che prima di lei c’è stata un’altra Madame Trump che non ha mai esitato un attimo a rilasciare dichiarazioni su Donald. Soprattutto in fatto della sua relazione con i quadrupedi.

Nelle sue memorie, Raising Trump, Ivana afferma che Donald non è un vero e proprio fan dei cani. Lo definisce un non-dog-fan e sottolinea come l’ex marito non abbia mai avuto un buon rapporto con il suo barboncino Chappy.

Un cane nella famiglia Trump!

Attenzione però, la figlia, nonché consigliera, Ivanka Trump ha regalato alla figlia Arabella un cucciolo di nome Winter per il suo ottavo compleanno.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Meet Winter, Arabella’s birthday dream come true and the newest member of the Kushner family!😍

A post shared by Ivanka Trump (@ivankatrump) on

Il cucciolo non vive alla Casa Bianca, ma resta comunque il primo cane a raggiungere la Trump family!

E Joe Biden ?

Se Donald Trump dice no ai cani, lo sfidante Joe Biden, differisce dall’attuale Presidente anche in questo.

 

Joe Biden with his Dog, whom the Bidens fostered as a puppy after their daughter suggested it to them, because the puppy...

Posted by Roger Williams on Tuesday, September 29, 2020

Il Democrat è noto non solo per il avere due cani, ma anche per averne uno che era stato ricoverato in ospedale per essere stato esposto a delle tossine.

Per volere della figlia Ashley, Biden ha adottato Major nel 2018 come compagno del suo Pastore tedesco Champ, parte della famiglia Biden dal 2009.

I cani dei presidenti americani più popolari nella storia degli Stati Uniti

La Casa Bianca ha ospitato negli anni molti animali domestici presidenziali, dai pappagalli ai maiali, dai galli ai procioni. Ma il più celebre e comune, come detto, resta il cane.

Dal 1901 fino al 2017, infatti, un cane allegro e felice ha sempre scodinzolato nel giardino della Casa bianca. Ecco i cani dei presidenti americani più popolari!

Barack Obama e il suo Cane d’acqua portoghese

Per Barack Obama non c’è mai stato dubbio: il giardino della Casa bianca non poteva rimanere privo di un simpatico quattro zampe…anzi due!

L’ex Presidente, infatti, è entrato nella White House nel 2009 insieme a Bo, un Cão de Agua Português, al quale qualche anno dopo si è unito anche Sunny, esemplare della stessa razza, che va ad arricchire l'albo dei cani dei presidenti americani.

Geoge W. Bush e il suo Scottish Terrier

George W. Bush Junior, Presidente dal 2001 al 2008, ha condiviso il suo mandato con un vero e proprio monello di cui non era capace di separarsi. 

Si tratta di uno Scottish terrier nero che, all'epoca, ha messo in imbarazzo il Presidente più volte: dopo una conferenza stampa ha tentato di mordere un giornalista e ha cercato anche di azzannare un tacchino che tradizionalmente viene graziato dal Presidente per la festa del ringraziamento.

Bill Clinton e l’inseparabile Buddy

L’ex Presidente Bill Clinton era davvero innamorato del suo Buddy. Un Labrador Retriever color cioccolato che è stato protagonista del discorso di fine anno del 1997.

Clinton, infatti, durante un discorso definito da Repubblica «tra politica estera e cinofilia» ha svelato all’America il nome del suo più fedele amico: Buddy.

Questo nome aveva un significato particolare poiché era quello del suo prozio preferito, morto poco tempo prima.

Kennedy: cani e non solo!

L'ex presidente degli Stati Uniti John Fitzgerald Kennedy aveva un immenso amore per gli animali. Durante il suo mandato sono stati diversi gli animali a tenegli compagnia:

  • un gatto;
  • un coniglio;
  • dei pappagalli;
  • due criceti;
  • un cavallo Sardar;
  • tre pony;
  • cinque cani.

Franklin D. Roosevelt e il suo Fala

Tornando più indietro nel tempo troviamo Franklin D. Roosevelt e il suo simpatico Fala, uno Scottish Terrier nero che ha spesso seguito il suo fedele padrone nei suoi viaggi.

Ad oggi, Fala è l'unico tra i cani dei presidenti americani ad aver ricevuto una grande onorificenza: al Franklin Delano Roosevelt Memorial di Washington D.C c’è una statua raffigurante il suo presidente insieme al suo amico a quattro zampe.

Herbert Hoover e King Tut

Herbert Hoover si è candidato come presidente nel 1928. In quel periodo non era molto conosciuto e apprezzato dalla popolazione americana.

La storia racconta che grazie ad una foto scattata insieme al suo Pastore Belga King Tut, Hoover avrebbe fatto colpo su un più largo elettorato e quindi vinto le elezioni!

Con le elezioni ormai alle porte c'è solo una domanda alla quale bisogna ancora rispondere: le porte del giardino della White House saranno pronte per accogliere un nuovo quattro zampe o continueranno a restare territorio riservato alla Trump family? La risposta...tra poco più di 24 ore!

E in Italia? I politici preferiscono i gattini... leggi la storia della strumentalizzazione dei micetti nella politica italiana