Cerchi cibo per i tuoi pet? Clicca qui

Pubblicità

Cani pericolosi: le colpe del padrone e la normativa vigente

cane-pericoloso-che-ulula

Esistono davvero i cani pericolosi?

© Pixabay

Quando si parla di cani pericolosi, la colpa non è da attribuire all'animale: è il padrone che ha educato male il proprio cane. Ecco come provvedere.

Di Letizia Rogolino

aggiornato il 22/02/21, 15:58

Secondo la legge non esistono razze di cani pericolosi più di altri. La statura e la massa corporea sono solitamente delle “leggende”, perché tutto varia in base al tipo di educazione che hanno ricevuto.

Naturalmente l’aggressività o il morso di un Chihuaua saranno differenti da quelli di un Pastore tedesco, ma comunque entrambi pericolosi, anche in base alla vittima prescelta.

A prescindere da tutte le variabili, nel caso in cui dovesse verificarsi un’aggressione, il diretto responsabile che ne risponderà sarà ovviamente il padrone.

Gli obblighi di un padrone di cani pericolosi di grossa taglia non sono diversi da chi possiede un cane più piccolo, ma naturalmente richiede un po’ più di attenzione. In termini di pericolosità il cane, anche se è considerato tra gli animali più docili e affettuosi, può manifestare dei comportamenti minacciosi.

Sai come rispettare un cane? Ecco tutte le spiegazioni

La normativa vigente in Italia sui cani pericolosi

Le variabili che la Legge tiene presente sono:

  • la razza;
  • l’indole mansueta o irrequieta del cane;
  • l’educazione ricevuta ed, eventualmente, un addestramento presso un centro specializzato;
  • la presenza di malattie psichiche che possano alterare il comportamento e il carattere del cane;
  • eventuali reazioni avute in passato, magari quando l'animale viveva con un altro padrone.

Quando si porta il cane a fare la consueta passeggiata nel parco, per prevenire aggressioni verso altri cani o persone è doveroso far indossare la museruola e un guinzaglio che faccia camminare il cane vicino alla gamba del padrone, per evitare che possa correre verso altri cani e magari aizzare delle lotte.

I rischi che si corrono nella noncuranza di queste direttive, si possono trasformare in responsabilità civili e penali, più il risarcimento dei danni patrimoniali e morali provocati dal cane pericoloso nei confronti della vittima.

Cosa dice il codice civile?

L’articolo 2052 del Codice Civile dichiara che «il proprietario di un animale o chi se ne serve per il tempo in cui lo ha in uso, è responsabile dei danni cagionati dall’animale, sia che fosse sotto la sua custodia, sia che fosse smarrito o fuggito, salvo che provi il caso fortuito».

Il caso milanese

A Milano è stato introdotto un nuovo patentino per i cani considerati "speciali". Sono 96 i cittadini milanesi che nel mese di febbraio 2021 hanno ricevuto un patentino a seguito di un corso specifico seguito da 106 partecipanti.

Tale norma, ha come obiettivo quello di tutelare le esigenze degli animali, ma anche quelle dei proprietari, in quanto chiamati a rispondere penalmente e civilmente in caso di danno arrecati a persone o altri animali.

Ma è davvero sempre colpa del padrone?

A spostare l’ago della bilancia è, tuttavia, la responsabilità oggettiva. Riuscire a capire se effettivamente la colpa sia del padrone o meno è importantissimo, perché nel caso in cui l’evento sia avvenuto in maniera fortuita, si potrebbe evitare di pagare il danno alla persona attaccata dal cane.

Nelle opportune sedi legali l’imputato possessore o proprietario del cane, dovrà dimostrare se l’attacco del proprio animale è stato causato da un comportamento provocatorio e nocivo da parte del soggetto attaccato o meno.

Cosa rischia il padrone di un cane pericoloso?

Per far in modo che i padroni di cani pericolosi siano tutelati il più possibile, oltre a dover affiggere il cartello di “Attenti al cane” nei pressi della propria abitazione, magari sul cancello principale, devono entrare nell’ottica che anche in assenza di malafede o senza colpa, la maggior parte dei giudici tendono comunque a condannare il padrone dell’animale, emettendo la sentenza circa il pagamento di danni.

Multa e reclusione

Il padrone del cane, nel caso in cui venga condannato per reato di lesioni colpose dal giudice secondo il Codice Penale all’articolo 590, potrebbe scontare fino a tre mesi di reclusione e una multa di 309,00€.

È giusto anche sottolineare che la condanna che prevede il soggiorno in carcere, non viene quasi mai applicata, a meno che non sussistano delle gravi motivazioni.

I danni morali e civili

Per quanto concerne la responsabilità civile, il padrone dovrà risarcire i danni patrimoniali, da intendersi come le spese legali, le cure sostenute per le lesioni provocate dal cane e anche ipotetici redditi venuti meno a seguito dell’infortunio.

In tutto questo discorso, vanno aggiunti anche quei danni definiti non patrimoniali, ma di elevata importanza, conosciuti come danni morali, che verranno addebitati al padrone, per la sofferenza fisica e psicologica subita dal ferito.

È chiaro che se un estraneo dovesse entrare nella proprietà privata del padrone del cane senza il dovuto permesso, superando quindi cancelli, porte, recinzioni e quant’altro, ad essere condannato non sarà il padrone di casa, ma il soggetto attaccato dal cane per difendere la proprietà e la famiglia.

---

Articolo revisionato da

francesco-reina  



Francesco Reina
Assistente veterinario