TEST: Che razza di gatto fa per te?šŸ˜»šŸ˜»

PubblicitĆ 

Quali mutandine per cani in calore scegliere?

cani sdraiati advice

Come orientarsi tra le tante tipologie di mutandine per cani in calore?

© Pixabay

Esistono diversi tipi di mutandine per cani in calore create ad hoc per adattarsi alle diverse esigenze e alle diverse taglie dei quattro zampe. Ecco come orientarsi tra mutandine igieniche per cani in calore classiche, mutandine usa e getta e quelle fai da te.

Di Eleonora Chiais

Come ben sanno i padroni più attenti si trovano in commercio tanti accessori capaci di rispondere alle esigenze dei quattro zampe e non mancano nemmeno varie tipologie di mutandine per cani in calore.

In questo settore specifico, d’altra parte, la scelta è quanto mai ampia ed è facile restare confusi quando si tratta di decidere il modello più adatto tra quelli usa e getta e quelli classici.

Ecco, quindi, quando è bene optare per questo accessorio, quale scegliere e anche quando è consigliabile prediligere le mutandine per cani in calore fai da te.

Quando servono davvero le mutandine per cani?

Le mutandine igieniche per cani in calore sono un oggetto di indubbia utilità per le cagnoline che vivono in casa e che, specialmente nel periodo del proestro (quando le perdite sono di colore acceso e più abbondanti) ma anche nel periodo dell’estro (quando diventano rosee ma restano consistenti), rischierebbero di macchiare suppellettili e oggetti di arredamento con le perdite di sangue.

Il consiglio generale quando si sceglie di farle indossare alla propria amica pelosa è quello di ricordarsi di lavare le sue parti intime almeno una volta al giorno.  

È bene poi sottolineare che le mutandine per cani in calore non rappresentano affatto un deterrente contro le gravidanze indesiderate per cui sono utilissime da tenere in casa ma vanno tolte prima delle passeggiate quotidiane.

Ben lungi dal tenere lontano il cane maschio che sarà comunque attratto dal calore del cane femmina – avrebbero l’unica conseguenza di diventare un fastidioso impedimento nell’espletamento dei bisogni fisiologici della nostra amica pelosa.

I tipi di mutandine per cani in calore

Visto, quindi, quando è bene indossarle e quando è meglio toglierle eccoci quindi ai diversi modelli tra i quali è possibile scegliere.

Le classiche mutandine per cani

Le mutandine per cani in calore “classiche” sono semplici slip in stoffa (normalmente in cotone) dotati di un buco per la coda e disponibili in formati diversi a seconda delle dimensioni della cagnolina che dovrà indossarli.

Questi accessori (lavabili, riutilizzabili) saranno da lavare spesso, ma rappresentano un’alternativa economicamente interessante e possono essere utilizzati, nel periodo durante il quale le perdite sono più abbondanti, in abbinamento con pannolini per cani monouso che dovranno essere incollati nella parte centrale dello slip tramite le pratiche strisce adesive.

Mutandine usa e getta

Decisamente più pratiche per i padroni che non vivono in simbiosi con la loro lavatrice sono, invece, le mutandine per cani in calore usa e getta.

Si tratta, in questo caso, di veri e propri pannolini che ricordano un po’ i classici modelli da bebè ma sono anche loro dotati di un buco per la coda.

Disponibili in dimensioni diverse da scegliere a seconda della stazza della nostra amica pelosa (normalmente le taglie sono cinque e vanno dall’extra small all’extra large), sono evidentemente i più indicati nel periodo durante il quale le perdite sono più intense, ma anche quando le perdite si sono fatte più esigue ma la nostra amica pelosa deve seguirci in un viaggio in auto.

Come fare una mutandina per cani fai da te?

La terza possibilità per chi si trova a dover scegliere un rimedio per limitare le macchie durante il periodo del calore sono le mutandine per cani fatte in casa. In questo caso è d’obbligo scatenare la propria fantasia perché le possibilità sono davvero numerose.

Tra le più gettonate (specialmente tra i padroni che amano ago e fili da cucito) c’è quella di confezionare un bel paio di slip su misura utilizzando un pezzo di stoffa e un po’ di nastro elastico.

Un’alternativa più immediata è quella di vestire la cagnolina con un paio di mutande vecchie dei suoi padroni (avendo però cura di scegliere la taglia corretta e di modificare gli slip originali con l’immancabile buco per la coda) o con la parte superiore di un paio di collant, magari sfilati, o di calzamaglie.

Amanti del fai da te? Ecco come creare dei cappotti per cani!