Scopri qui come nutrire i cuccioli!

Pubblicità

5 cose da sapere sul calore del cane femmina

mamma cane con cucciolo

Ecco cosa bisogna sapere sul calore del cane femmina.

© Pixabay

Informarsi su tutti i momenti chiave nella vita di un animale domestico è importante, soprattutto quando si tratta del calore del cane femmina.

Di Letizia Rogolino

aggiornato il 26/03/21, 18:29

Il calore del cane femmina è un argomento non particolarmente conosciuto e su cui bisogna far luce, soprattutto perché in alcuni casi l'idea di questa situazione può scoraggiare un potenziale padrone che dovrà esser preparato al meglio. 

Avere un cane comporta una serie di responsabilità, oltre a coccolarlo e godere della sua compagnia, infatti, bisogna anche doversi prendere cura di un altro essere vivente.

Condividere la propria vita con un cane, sia che si tratti di un esemplare di razza o di un meticcio, implica delle attenzioni da parte del padrone, da ritenersi costanti e doverose. In particolar modo il cane femmina ha bisogno di attenzione quando va in calore.

Questo discorso merita un po’ di approfondimento, per evitare di incappare in gravidanze indesiderate ed eventuali problemi di salute come problemi alle ovaie.

Per facilitarvi la ricerca, ecco 5 cose da sapere sul vostro cane femmina in calore, così da essere pronti.

1. A quanti mesi arriva il primo calore del cane femmina

Il cane femmina inizia ad andare in calore (compie il suo ciclo estrale e quindi mostra le prime perdite di sangue) dopo i 6-7 mesi di età.

Si tratta di un periodo fertile in cui la femmina può procrare. Può accadere che i cani di piccola taglia possano manifestare l'estro prima del previsto, mentre quelli di grossa taglia (poiché raggiungono la maturità sessuale più tardi) qualche mese dopo.

Durante questo periodo bisogna fare molta attenzione ad eventuale tentativi di fuga per raggiungere un altro esemplare (ricordiamo che in questo periodo la femmina attirerà i maschi). 

2. Quanto dura il calore del cane femmina

In media la durata del calore è di 21 giorni e si verifica due volte all’anno. In alcuni casi, il numero dei giorni può variare, in base alla taglia. Per questo motivo è consigliabile tenere lontano il più lontano possibile i cani femmina dai cani maschi durante questo periodo. Bisogna ricordarsi di fare attenzione alla presenza di perdite di sangue.

Per evitare che sporchi la casa e la cuccia, si dovrebbe abituare il cane ad indossare delle mutandine create appositamente, da utilizzare solo durante il calore.

3. Come si comporta il cane femmina in calore con i cani maschi

Quando al cane arriva il ciclo per la prima volta occorre avere molta pazienza. In primis si deve evitare di portarlo in giro per il parco o in giardino senza guinzaglio.

Questo consiglio è meglio definirlo come un imperativo categorico, per far in modo di non avere schiere di altri cani maschi attratti dal suo odore.

4. L'atteggiamento di un cane femmina in calore

Durante le due - tre settimane del calore del cane femmina, sicuramente le situazioni che fanno innervosire saranno molteplici, ma il cane è una creatura indifesa e quindi merita attenzione, amore e comprensione.

A causa degli ormoni potrebbero esserci delle influenze dal punto di vista caratteriale, magari diventando più aggressivo o più vivace. Ma questi sbalzi di umore cesseranno quando il calore terminerà.

Per saperne di più sul comportamento del cane femmina in calore leggi la nostra guida

5. Quando e perché ricorrere alla sterilizzazione

Se volete evitare di incorrere in tutte queste preoccupazioni, ci sarebbe una scorciatoia, se così si può chiamare.

Ricorrere alla sterilizzazione è una pratica molto utilizzata, per diverse ragioni. Il periodo migliore per ricorrere a questo tipo di operazione è prima del primo calore o al massimo tra il primo e il secondo ciclo.

Un cane sterilizzato ha bisogno di un'alimentazione specifica: scopri quale!

È severamente vietato (ma questo ve lo dirà anche il veterinario) effettuare la sterilizzazione durante il ciclo, perché si ha un alto rischio di emorragie.

Tornando al discorso iniziale, oltre ad evitare gravidanze indesiderate, questo intervento chirurgico è diventato ormai di routine e in alcuni casi, addirittura consigliato dai veterinari.

La sterilizzazione contro le malattie

Un motivo per il quale il proprietario del cane dovrebbe tenere in considerazione questa opzione, sta nel fatto che si possono prevenire diverse patologie molto importanti.

In primo luogo, oltre ad eliminare la fase del calore nella vita del cane, è possibile salvaguardarlo dall’ipotetica presenza di tumori mammari.

In questo modo potrete prevenire anche le infezioni dell’utero, scampando il pericolo di incorrere nella piometra.

La sterilizzazione contro le gravidanze

In seconda battuta, oltre alle gravidanze normali, c'è la possibilità di gravidanze isteriche in quel periodo.

Dunque è possibile prevenire dolorose mastiti, ossia delle infiammazioni dolorose del tessuto mammario dovuto alla gravidanza immaginaria, durante la quale il cane femmina produrrà del latte.

---

Articolo revisionato da:

Francesco Reina
Assistente veterinario