Migliora la vita dei pet cliccando qui!

Pubblicità

Come tosare un cane con la macchinetta casalinga?

Cane che si fa pettinare per poi tosare il pelo

Vi spieghiamo come tosare un cane con la macchinetta.

© lev.studio / Shutterstock

Come tosare un cane con la macchinetta? Con gli strumenti giusti e un po' di manualità non è impossibile dare un nuovo taglio al nostro 4 zampe.

Di Nina Segatori

aggiornato il 19/07/21, 17:14

Imparare come tosare un cane con la macchinetta non è una mission impossible, anche se quando lo portiamo dal toelettatore ci sembra una cosa difficilissima.

In realtà, se l'animale non è troppo aggressivo ed è abituato ad essere lavato e tosato, non sarà difficile tagliare il suo pelo con la macchinetta a casa da soli.

Sarà comodo e soprattutto economico, l'importante è avere la giusta macchinetta.

Quale macchinetta per cani scegliere per una migliore tosatura?

Se si vuole tosare il cane in casa da soli è assolutamente indispensabile munirsi di una macchinetta professionale.

L'importante è che sua adatta a qualunque tipo di pelo e che sia dotata di regolatori per decidere i centimetri da accorciare.

Non è uno strumento da sottovalutare, perché se non è buono abbastanza o non specifico per i cani potrebbe ferire l'animale e rendere il lavoro davvero difficoltoso.

Tosare il cane in estate? Meglio di no! Scopri perché

Quali cani si possono tosare?

Innanzitutto bisogna conoscere alcune basi sui cani, e soprattutto sapere quali sono le razze che possono essere tosate e quelle per cui è meglio evitare il taglio del pelo. I cani dal pelo riccio e folto richiedono una cura particolare del mantello che è bene rasare periodicamente.

Da evitare la tosatura, invece, sugli animali dal pelo corto, duro e con sottomantello, come il Pastore Tedesco e il Labrador.

Poi ci sono razze che possono essere tosate, visto il loro pelo lungo, anche se non ne sarebbe necessario, come ad esempio lo Shih-tzu.

Tosare il cane a pelo lungo

Il cane a pelo lungo richiede una particolare cura anche al momento della rasatura. Questo perché essendo il mantello folto e notevole, si deve evitare che si possano fare danni alla pelle con un uso scorretto.

Munitevi, quindi, prima di tutto di un pettine ad hoc, che possa sfoltire il sottopelo, spazzolando.

Come scegliere al meglio la spazzola per cani?

Solo così, dopo aver tolto il pelo in eccesso e districato ogni nodo, si potrà procedere con la rasatura vera e propria. Evitate le forbici se non siete più che esperti.

Come tosare un barboncino

Quando, invece, si vuole tosare un barboncino il procedimento è un po' diverso. Si spazzola il pelo e si elimina ogni nodo, ma prima di passare a rasare è meglio fare uno shampoo.

Dopo aver lavato e asciugato il mantello, pettinando in modo che diventi ben vaporoso, si può allora impugnare la macchinetta e passare alla rasatura vera e propria.

Potete lasciare orecchie e coda lunghe e vaporose e tagliare tutto il resto.

In conclusione

Bisogna sempre valutare se e quando tosare un cane: va limitato il più possibile il taglio e la prima ragione deve essere quella di rimuovere pelo in eccesso nelle zone critiche come occhi, orecchie ed ano dove i peli in eccesso possono creare problemi, soprattutto in alcune razze.

La tosatura deve avvenire nell'ambiente più rilassato possibile perchè la macchinetta ha un rumore molto fastidioso per il cane che, se non è abituato fin da piccolo, potrebbe sviluppare ansie e paure.

Non va mai eliminato il sottopelo, ma solo le parti più esterne dopo aver passato spazzola e pettine e rispettando il senso del pelo.

Alcuni procedimenti, come lo "stripping" (cioè lo strappo del pelo in eccesso) vanno fatte solo da esperti.