Instagram

È Natale! Tanti buoni sconto per voi🎄

Pubblicità

Quando preoccuparsi di un gatto che starnutisce? Ecco cause e rimedi

gatto che starnutisce advice

Esaminiamo insieme il perché di un gatto che starnutisce.

© Shutterstock

Come noi umani, può accadere di sentire un gatto che starnutisce ad esempio se qualcosa gli solletica il naso o gli dà fastidio. In questo articolo esaminiamo le cause e i rimedi appropriati, e quando lo starnuto è sintomo di qualcosa di più grave.

Di Serena Esposito

Pubblicato il 28/01/20, 23:00

Come per ogni sintomo nei nostri amici a 4 zampe, dobbiamo sempre fare attenzione alla frequenza col quale esso si manifesta: un gatto che starnutisce può farlo per ragioni banali come odori acri, oppure corpi estranei che gli solleticano il naso.

Le cause dello starnuto nel gatto

Tuttavia, se lo starnutire persiste ed è ripetuto con una certa frequenza per più giorni, è il caso di iniziare a domandarci perché il gatto starnutisce: lo starnuto può essere sintomo di patologie più e meno gravi, scopriamole insieme.

Un semplice solletico al naso

Questa è la causa più banale ed auspicabile, come accade per noi umani, il gatto potrebbe starnutire semplicemente perché qualcosa gli solletica il naso, e lo starnuto serve proprio a liberarsene.

Odori e sostanze chimiche irritanti

In altri casi può essere un odore acre, come ad esempio quello dell’acqua di colonia, o un agente chimico dei nostri detergenti per il pavimento, o ancora il fumo di tabacco, o i fumi derivanti da solventi, a determinare fastidio al naso del micio. 

Anche in questo caso, cessata la fonte del fastidio, il gatto tornerà a respirare normalmente.

Corpi estranei

Soprattutto in gatti che abitano in giardini, e possono incontrare fili d’erba e rametti che s’infilano nel naso, oppure ciuffi di polvere che sfuggono al nostro controllo, lo starnuto è l’unico modo che il felino ha per espellere questi corpi estranei.

Tuttavia, nel caso che non riuscisse a liberarsene, il gatto può incorrere in una infezione nasale.

Infezioni respiratorie

In alcuni casi, lo starnuto può indicare la presenza di un’infezione in atto, proprio come il raffreddore per noi umani. Le infezioni virali risultano le più frequenti per i nostri felini, ma anche le infezioni fungine (micosi) possono manifestarsi con gli starnuti.

Nelle infezioni respiratorie, al sintomo dello starnuto possono associarsi anche febbre e tosse, lacrime ed altre secrezioni oculari; le infezioni più frequenti sono:

  • Herpes virus;
  • Calicivirus;
  • Infezioni da clamidia;
  • Infezioni batteriche quali Mycoplasma;
  • Infezioni fungine;

Virus dell’immunodeficienza felina (FIV)

Conosciuto anche come AIDS del gatto, questo virus abbassa le difese immunitarie di Micio: conseguentemente sarà più esposto ad infezioni, che causeranno sintomi come starnuti, tosse, febbre, vomito, diarrea.

Infezioni del cavo orale

Le malattie del cavo orale nel gatto, possono portare al manifestarsi del sintomo dello starnuto. Esse infatti consentono lo stabilirsi di batteri tra il cavo orale e il seno nasale, con conseguente infiammazione ed infezione.

Allergie

I gatti risultano essere meno allergici rispetto agli umani, ma non sono da escludere le allergie agli allergeni più comuni quali polvere e pollini, o ad ingredienti contenuti negli alimenti che assume.

Effetti collaterali di vaccini

In seguito alla somministrazione di un vaccino contro le infezioni respiratorie, può capitare che il gatto abbia uno sfogo di starnuti, che rientra negli effetti collaterali, ma va via dopo pochi giorni senza necessità di intervenire.

Eventi stressanti

Può accadere che in risposta ad eventi particolarmente stressanti per il felino, il suo stress si manifesti con degli starnuti occasionali, che cesseranno quando si sarà rilassato. 

Viaggi in auto, in nave, in aereo e situazioni che limitano il suo comfort e la sua libertà possono essere stressanti per Micio.

Tumore del naso e del tratto respiratorio

Molto più raramente di tutti gli eventi descritti, lo starnutire del gatto può essere associato a cancro del naso e/o del tratto respiratorio superiore: la prognosi per questo tumore rimane negativa, anche in seguito a chirurgia e chemioterapia.

I rimedi allo starnuto nel gatto

Una volta decretata la causa dello starnuto nel gatto, si può passare al rimedio opportuno, nei casi in cui il sintomo non sia destinato a rientrare autonomamente:

  • Se il gatto starnutisce per un’infezione batterica, sarà opportuna la somministrazione di un antibiotico, stessa cosa dicasi per l’infezione fungina, nel qual caso sarà opportuna la somministrazione di un farmaco antifungino.
     
  • Se il gatto starnutisce per un’allergia di tipo alimentare, iniziare una dieta privativa per riuscire ad escludere l’allergene ed in seguito seguire una dieta che non lo preveda; nel caso di allergie a elementi quali pollini e polvere, sarà utile la somministrazione di un antistaminico.
     
  • Se il gatto ha il raffreddore si può alleviare il suo disagio con una serie di rimedi.
     
  • Se il gatto ha la FIV, il veterinario gli prescriverà dei farmaci specifici che gli permetteranno di vivere a lungo anche in presenza del virus.

Quando preoccuparsi di un gatto che starnutisce?

Una volta definite le cause e i rimedi dello stranuto del gatto, passiamo a descrivere quando preoccuparsi se il gatto starnutisce.

Nei casi in cui lo starnuto sia frequente, prolungato, ed accompagnato dai seguenti sintomi, è bene rivolgersi al veterinario, che saprà individuarne la causa scatenante.

  • Febbre;
  • Tosse;
  • Letargia;
  • Ulcere orali;
  • Occhi rossi e che lacrimano;
  • Secrezioni nasali, sia mucose che ematiche;
  • Difficoltà a masticare;
  • Inappetenza;
  • Respirazione rumorosa e difficoltà a respirare;
  • Disidratazione;
  • Gonfiore intorno al naso;
  • Perdita di peso;
  • Sbavamento.

Nella maggior parte dei casi lo starnuto del gatto ha la stessa funzione che ha per noi umani: allontanare fisicamente qualcosa che ci arreca fastidio al naso, reagire a sostanze irritanti, o manifestare stress.

Tuttavia un padrone accorto, e che sia al corrente di quando preoccuparsi, se vi sono sintomi associati, può essere determinante per risolverne le cause in maniera tempestiva ed efficace.