Scopri qui come nutrire i cuccioli!

Pubblicità

Quando un gatto sta per morire se ne rende conto?

gatto-bianco-e-tigrato-al-caldo-sotto-una-copertina-rosa

Quando un gatto sta per morire, chissà se se lo sente...

© Germanova Antonina / Shutterstock

Quando un gatto sta per morire lo sa? Vuole dircelo o no? Questa è una domanda che chi possiede un micio o un altro pet si è posto almeno una volta.

Di Francesca Discepoli

Pubblicato il 10/05/21, 20:36

I nostri animali domestici sono membri della nostra famiglia a tutti gli effetti. Li amiamo e ci rendono più luminosa la nostra quotidianità. Salutarli per sempre è straziante.

Ma quando un gatto sta per morire, percepisce l'avvicinarsi della morte e vuole dirci addio? Oppure si nasconde per morire in solitudine? Ci sono innumerevoli storie di gatti che cercano conforto e amore nei loro umani nelle ore precedenti la loro morte e altrettante storie che ci raccontano invece di gatti che si rintanano o scappano.

Approfondiamo questo argomento che sta a cuore a tutti quelli che amano il loro micio.

Calcolare l'età del gatto in anni umani? Ecco come fare

Quando un gatto sta per morire lo sa?

È difficile dire con certezza se i gatti sanno o meno che stanno per morire. È probabile, tuttavia, che percepiscano un cambiamento nella loro biochimica e che ciò influenzi il loro comportamento.

È comune, per esempio, che un gatto aspetti che quello che ai suoi occhi è il membro più importante della famiglia torni a casa prima di morire.

Come capire quando un gatto sta per morire?

Quando un cane sta morendo, si trasforma da una palla di pelo piena d'energia ad un cucciolo tranquillo e solitario che dorme tutto il giorno.

La difficoltà nell'accertare quanto è malato un gatto è data dal fatto che questo animale può nascondere la sua reale situazione di salute e può mantenere lo stesso comportamento di un gattino bello arzillo.

Come si comporta un gatto quando sta per morire?

Ecco cinque segni che dicono quando un gatto sta per morire e non ha più tanto tempo da vivere.

1. Cambiamento nel comportamento

Se il tuo gatto è sempre stato socievole e improvvisamente vuole essere lasciato solo o, viceversa, se il tuo micio anziano, sempre molto discreto, ora ti segue come un'ombra, fai attenzione: sono cambiamenti importanti nel suo modo di fare e questo potrebbe indicare che sta vivendo i suoi ultimi giorni.

Allo stesso modo, una mancanza di interesse per la toelettatura o l'incapacità di tenersi pulito potrebbe essere un segnale importante da non sottovalutare.

2. Letargia

Quando la fine è vicina, il gatto potrebbe avere difficoltà a stare sveglio e dormire anche quando di solito mangia. Si sa, i gatti amano dormire, ma se il gatto anziano o malato è insolitamente troppo pigro, questo potrebbe essere un segno inquietante.

3. Perdita di peso significativa

Se il tuo amico a quattro zampe mangia molto meno del solito o sembra perdere peso nonostante mangi normalmente, potrebbe essere un sintomo che il suo corpo sta iniziando a spegnersi.

Se il micio si rifiuta di bere o di mangiare, meglio portarlo dal veterinario per una accurata visita di controllo.

4. Bassa temperatura corporea

Certo, non tutti i gatti si lasceranno misurare la febbre con un termometro, ma se la temperatura corporea del gatto scende in modo importante, potrebbe significare che sta vivendo i suoi ultimi giorni.

5. Andare a nascondersi

Il bisogno di nascondersi e rimanere in solitudine è una comportamento naturale per un animale debole e vulnerabile.

Se il tuo gatto scompare per lunghi periodi di tempo, anche sotto il letto o dentro l'armadio, potrebbe significare che non sta bene.

Quando far addormentare il nostro gatto?

Se il gatto rifiuta cibo e acqua, mostra segni di sofferenza o disagio e ha difficoltà a respirare, allora potrebbe essere il momento di parlare con il veterinario.

È una decisione incredibilmente difficile da prendere: comprensibilmente si vuole tenere il micio il più a lungo possibile con noi, ma è fondamentale considerare la sua qualità di vita e i suoi livelli di sofferenza.

Il veterinario sarà in grado di aiutarci a prendere una decisione.

Si può lasciar morire il gatto a casa?

Se il tuo gatto non soffre ed è tranquillo, allora lasciarlo morire a casa potrebbe essere l'opzione migliore.

Sfortunatamente in molti casi il dolore e la malattia raggiungono livelli tali da rendere gli ultimi giorni del micio terribilmente penibili.

Un veterinario sarà in grado di aiutarci a valutare la qualità di vita del gatto anziano o malato in quell'ultima fase della sua vita.

Come dire addio al proprio gatto?

Dire addio al proprio animale è straziante: è il momento che tutti i proprietari temono. Purtroppo sarà inevitabile prima o poi.

Se può essere di conforto a chi si trova nella situazione di dover far addormentare il proprio gatto, bisogna dire che il processo di eutanasia è veloce, semplice e indolore.

Il micio probabilmente si rannicchierà nella solita posizione di quando dorme e esalerà così, tranquillamente, il suo ultimo respiro. L'importante è stare con lui e accompagnarlo fino alla fine.

Soffrire dopo la perdita del proprio gatto è assolutamente normale: concentrarsi sui ricordi positivi e sui momenti belli e spassosi trascorsi con il lui potrà essere di aiuto.

Ognuno troverà il modo che più gli si addice per superare questo difficile momento: a qualcuno farà bene prendere qualche giorno di ferie, a qualcun altro raccogliere le sue foto da guardare e riguardare o anche da portare con sé.