Pubblicità

come muore un gatto di vecchiaia

Scopriamo come un gatto muore di vecchiaia

© Maurice DT / Unsplash

Come sapere quando un gatto sta per morire di vecchiaia?

Di Anna Paola Bellini Redattrice | Traduttrice

Pubblicato il

Arrivati ad una certa età i felini diventano anziani. Ma come muore un gatto di vecchiaia? Scopriamolo!

Per quanto sia triste il solo pensarci, il decesso di un felino deve essere affrontato con calma e dignità. Oggi scopriamo insieme come muore un gatto di vecchiaia.

Vediamo quindi quali sono i sintomi da tenere d’occhio, le malattie più comuni che colpiscono Micio quando non è più giovane e come comportarsi per accompagnarlo al meglio in questa delicata fase della vita.

I segnali di un gatto anziano che sta per morire 

I segni dell'invecchiamento nei gatti e gli indizi che un esemplare anziano si sta avvicinando alla morte presentano differenze. Pur condividendo molti sintomi, è la gravità e la frequenza di tali segnali a definire se Micio sta solo invecchiando o è giunto allo stadio terminale della sua vita. 

Segnali di invecchiamento

Ecco una lista dei sintomi più comuni legati all'invecchiamento:

  • Disfunzioni cardiache;
  • Indebolimento del sistema immunitario;
  • Problemi al fegato;
  • Problemi ai denti;
  • Problemi al tessuto connettivo;
  • Ridotto assorbimento delle sostanze nutritive;
  • Squilibri ormonali;
  • Squilibri renali.

Molte di queste problematiche possono portare alla morte di un esemplare anziano.

L'avanzamento dell'età porta l'animale a una graduale diminuzione delle riserve di nutrienti e dell'energia metabolica necessarie per una rapida rigenerazione cellulare. Il suo sistema rallenta e gli organi vitali si avviano verso la conclusione della loro attività.

Quali sono i segnali dell’avvicinarsi della morte del gatto? 

I segnali da tenere sotto controllo sono svariati. Eccone i più comuni: 

  • Modifiche nelle abitudini nell'utilizzo della lettiera (l'animale non si lava più e fa i suoi bisogni fuori dalla lettiera).
  • Diminuzione dell’appetito e conseguente perdita di peso;
  • Aumento del sonno e letargia;
  • Predilezione del gatto per la solitudine;
  • Diarrea, vomito e convulsioni;
  • Respiro affannoso. 

Questi sintomi sono riscontrabili in diverse malattie e condizioni di salute, persino in esemplari più giovani, ma diventano intrinseci al processo di invecchiamento per un gatto di una certa età. Un gatto in fin di vita può anche fare le fusa per liberare endorfine.

Quando un gatto muore di vecchiaia? 

Con l'avanzare dell'età gli organi interni del gatto affrontano sfide crescenti. La vecchiaia in sé non costituisce la causa della morte, ma le complicazioni che emergono durante i suoi ultimi anni di vita possono avere un peso in questo nefasto evento.

Il rallentamento delle funzioni corporee ha un impatto sul sistema immunitario del gatto e su tutti gli organi che hanno il compito di espellere le tossine. Questi due fattori, insieme alla diminuzione del livello di ormoni, contribuiscono significativamente al rallentamento complessivo della salute del gatto.

I problemi legati alla vecchiaia del gatto

I problemi fisiologici più evidenti quando un gatto sta invecchiando sono prima di tutto una minore efficacia dei suoi sensi (udito, olfatto, gusto e vista). Può anche presentarsi lo sviluppo di alcune malattie tipiche negli esemplari più anziani. 

Un gatto anziano prossimo alla fine della vita sarà giunto al punto in cui i suoi organi cessano di funzionare correttamente. Non è a causa dell'età in sé, bensì le complicazioni legate a un organismo che non opera più, a costituire la causa del decesso del gatto.

È comune che almeno uno degli organi principali smetta di funzionare in modo ottimale durante la vecchiaia di un gatto. L'insufficienza renale cronica del gatto è particolarmente diffusa tra gli esemplari anziani, motivo per cui molti produttori di cibi per gatti anziani riducono la quantità di proteine nelle loro ricette. Un minor contenuto proteico allevia il carico sui reni.

Altre malattie comuni nel gatto anziano sono il diabete felino (mancata produzione di insulina o quando l'insulina non agisce più correttamente nell’organismo), ipertiroidismo, ipertensione, tumori e disturbi articolari. 

Come comportarsi con un gatto in fin di vita? 

L’intensità dei problemi del gatto crescerà nei suoi ultimi stadi di vita, portando alla necessità di un aumento di controlli veterinari. Esistono modifiche nutrizionali e di stile di vita che possono migliorare la qualità della vita di Micio in questo periodo, ed è fondamentale ascoltare attentamente la prognosi fornita dal veterinario. 

I costi associati alle cure veterinarie possono diventare considerevoli durante la fase geriatrica di un gatto, e se la prognosi risulta inesorabile e le cure non producano risultati, potrebbe essere opportuno valutare l'opzione dell'eutanasia.

Altri consigli

Cosa ne pensi di questo articolo?

Grazie per il tuo feedback!

Grazie per il tuo feedback!

1 persona ha trovato questo consiglio utile.

Lascia un commento
Collegati per commentare
Vuoi condividere questo articolo?