News :
wamiz-v3_1

Che razza di cani fa per te?🐶🐶🐶

Pubblicità

Come fanno i gatti a fare le fusa?

Gatto disteso su un tappeto peloso advice © Pixabay

Le fusa, una sorta di “russare sordo” del gatto, è riconoscibile tra centinaia di suoni. Ma come fanno i gatti a fare le fusa? Spesso associato al benessere e alla felicità del felino, ecco come vengono prodotte.

Di Anna Paola Bellini

La felicità e il benessere del vostro gatto (ma non solo) si traducono molto spesso nel suo “fare le fusa”, cioè la produzione di una sorta di fischio sordo legato alla vibrazione del diaframma. Oggi vi spieghiamo perché il micio fa le fusa e vi spiegheremo come fanno i gatti a fare le fusa, anche se ancora non è del tutto chiaro. 

Perché i gatti fanno le fusa? 

Tutti hanno notato che il fare le fusa spesso è legato a coccole e carezze. Quante volte, infatti, il nostro micio comincia il suo pur pur mentre è tra le nostre braccia? Il far vibrare il collo felino, però, può anche essere sintomo di malessere. Il suono prodotto, infatti, ha l’utilità di trasmettere all’altro (umano o animale che sia) il suo umore. Se la vibrazione delle fusa è molto forte e regolare, può voler dire che il gatto sta facendo una richiesta (coccole, cibo o altro). Se, invece, il suono è fermo e rumoroso può voler indicare disagio. Infine, in caso di vibrazioni irregolari, il micio potrebbe volere accoccolarsi e farsi strapazzare di carezze. 

Se questo suono permette di comunicare l’umore del gatto, ha egualmente il potere di rinforzare le sue ossa. Infatti, alcune frequenze delle fusa possono raggiungere i 26 Hz permettendo, di stimolare la rigenerazione dei tessuti che circondano le ossa

Come fanno a fare le fusa? 

Sul come fanno precisamente i mici a produrre questo rumore ci sono diverse ipotesi. La più accreditata è quella secondo cui le fusa sarebbero prodotte dalla contrazione dei muscoli siti tra laringe e diaframma, a differenze frequenze, a seconda del loro significato. Tale contrazione, provoca una vibrazione che produce il caratteristico suono. Un’altra ipotesi vuole che due membrane site dietro le corse vocali servirebbero da organi che vibrano. Una terza legherebbe il tipico pur pur alla circolazione sanguigna: la vena cava (grosso vaso che trasporta il sangue fino al cuore) vibrerebbe e tale vibrazione sarebbe amplificata attraverso le cavità respiratorie: bronchi, trachea e seni nasali.

Qualunque sia l’ipotesi giusta, le fusa del micio ci aiutano a comprendere la nostra tigre domestica, a sapere quando è in difficoltà o meno e ad instaurare con lui/lei un rapporto intimo e amorevole.

Leggi anche