Pubblicità

cane salva le pecore

Pecore intrappolate dall'alluvione: tutti rimangono sbalorditi quando vedono cosa succede in acqua

Di Ilenia Colombo Redattrice | Community Manager

Pubblicato il

Dopo essere sfuggite all'inondazione, queste tre pecore sono rimaste bloccate. Per fortuna, un cane coraggioso è intervenuto per salvarle.

Venti di uragano, piogge torrenziali e inondazioni: la tempesta "Babet" ha devastato alcune parti del Nord Europa a fine ottobre.

In questo caos meteorologico, legato ai tanti cambiamenti climatici che si verificano sempre più nel mondo, un cane è diventato un eroe.

Il salvataggio da parte del cane

Quando il contadino gallese Llyr Derwydd, 44 anni, del Flintshire, andò a controllare il suo gregge, scoprì che tre pecore erano rimaste bloccate a causa della forte pioggia. Intrappolati su un minuscolo pezzo di prato, circondato dall'acqua, gli ovini non riuscivano a capire come tornare in salvo.

Il pezzo di terra stava diventando sempre più piccolo, quindi Llyr sapeva che doveva portarli sulla terraferma. Chiedendosi se il suo cane da pastore di nome Patsy sarebbe stato in grado di aiutarlo, gli diede l'ordine di andare verso di loro.

Lo sbalordito contadino non poteva credere ai suoi occhi quando l'animale si tuffò direttamente in acqua e si diresse verso le pecore!

Patsy non esita un attimo

Potrebbe già sapere che Patsy era un'eccellente nuotatrice, ma sicuramente Llyr non si aspettava l'entusiasmo con cui il suo cane da pastore si è impegnato nella missione di salvataggio.

«Ha evitato che mi mettessi in una situazione pericolosa e ha salvato le pecore, quindi è stato perfetto», ha commentato l'orgoglioso proprietario. Patsy ha poi ricevuto una pacca sulla testa e uno snack per cani in più alla fine della giornata. Dall'espressione sul suo viso mentre completava la missione, quello era tutto l'elogio di cui aveva bisogno.

Altri articoli su...

Cosa ne pensi di questa notizia?

Grazie per il tuo feedback!

Grazie per il tuo feedback!

Lascia un commento
Collegati per commentare
Vuoi condividere questo articolo?