Tutti gli annunci di adozione🐶

Pubblicità

Quali sono le razze di cani da pastore e le loro caratteristiche?

Pastore maremmano-abruzzese advice

Il Pastore Maremmano-Abruzzese rientra tra le razze di cani da pastore.

© Pixabay

Esistono cani da pastore conduttori e custodi. L'affinamento delle loro capacità è frutto di un millenario lavoro di selezione. Ecco quali sono le razze di cani di questo tipo e le loro caratteristiche.

Di Mauro Ravarino

Pubblicato il 25/08/20, 16:59

I cani da pastore sono un insieme di razze canine che hanno sviluppato caratteristiche tali da essere di aiuto all'uomo per tutte quelle attività concernenti l'allevamento di bovini e ovini.

L'affinamento delle loro capacità, frutto di un millenario lavoro di selezione, risale addirittura alla Preistoria.

Quali sono le razze di cani da pastore?

Le razze di cani da pastore più note sono:

Border collie
Il Border collie è ancora oggi usato nelle greggi per controllare le pecore.©Pixabay

Il particolare caso del Pastore tedesco

Particolare è il caso del Cane da pastore tedesco (detto anche “cane lupo”), creato nella forma attuale alla fine dell'Ottocento dal barone Max von Stephanitz, che utilizzò diverse varietà regionali di pastori-conduttori presenti sul territorio tedesco, allo scopo di ottenere un cane da lavoro di taglia grande.

Il pastore tedesco è una delle razze canine preferite e diffuse al mondo. Alcune razze di cani da conduzione, come il pastore tedesco o il pastore belga, sono però inadatte a trascorrere lunghi periodi in solitudine con il gregge. Infatti, l'attitudine alla predazione dell'animale domestico potrebbe portare danni al bestiame.

Raramente oggi un pastore tedesco può essere visto come cane da guardia di un gregge, invece è molto diffuso nei servizi di protezione civile, cane da valanga, ricerca di dispersi in superficie o tra le macerie e, delle volte, anche come cane guida.

Il Pastore tedesco
Una delle razze canine preferite e diffuse al mondo.©Pixabay

Cane da pastore conduttore o custode ?

Oggi, si è soliti distinguere due tipologie di cane da pastore: conduttore e custode. Il primo, di taglia media, è impiegato nella conduzione del bestiame (razze Collie o Pastore bergamasco). Si tratta di esemplari di tipologia lupoide. Il secondo, di grossa taglia, viene occupato nella protezione di mandrie e greggi da predatori o ladri di bestiame (Cane da montagna dei Pirenei o Pastore maremmano-abruzzese). In genere sono molossoidi ma non esclusivamente. 

Il cane da pastore è tipicamente docile e facile da addestrare, si affeziona a un singolo individuo ma sa stare in famiglia, la maggior parte di loro è polivalente, si adatta quindi ad altri usi (guardia e compagnia). Il pastore-conduttore si comporta in modo riconducibile alle diverse fasi della caccia. Va dall’accerchiamento del gregge al progressivo restringimento del perimetro per compattare il gruppo, lasciando una “via di fuga” verso la destinazione scelta.

Ad esempio, i Pastori scozzesi sanno gestire il gregge con una forma di “dominanza” attraverso lo sguardo, accompagnato da una postura a testa e coda abbassate, e con una camminata guardinga. Le differenze fra una razza e l'altra sono spesso minime, non morfologiche o di carattere. Tra un Pastore del Tatra, un Slovenský čuvač, un Akbash o un cane da montagna dei Pirenei la diversità è impercettibile.

Proteggere greggi e mandrie 

La predazione è sconosciuta nei cani custodi, ai quali è affidato, soprattutto nelle zone di montagna, il compito specifico di proteggere greggi e mandrie. Sono in grado di trascorrere settimane, a volte mesi, soli, mostrando grande sicurezza e autonomia. L'atteggiamento difensivo e i sensi acuti consentono loro di cogliere minime variazioni nell'ambiente intorno.

Questi sono dei caratteri selezionati e fissati geneticamente: l'abitudine a trascorrere gran parte del tempo con il gregge viene insegnata fin da cuccioli, così che non si allontanino dal gregge, non inseguano i predatori; difficilmente passano all'attacco diretto.

Il colore del pelo dei cani custodi

Una particolarità: il colore del loro pelo nei diversi territori, tendeva ad essere simile al colore del bestiame, dove le greggi erano bianche i cani erano bianchi e dove le greggi erano di colori diversi i cani erano simili al gregge. A parte differenze di colore e consistenza del pelo, dalla Spagna al Tibet i cani custodi divennero fisicamente molto simili.