Scopri qui se il tuo cane è obeso!🐶

PubblicitĂ 

Morbo di cushing nel cane e alimentazione: cosa scegliere

barboncino advice

Bisogna curare l'alimentazione del cane con il morbo di cushing.

© Pixabay

Il morbo di cushing nel cane può essere tenuto sotto controllo, oltre che con una terapia farmacologica, anche con la giusta dieta, fatta di cibi sani e poveri di zuccheri. Ecco qualche consiglio.

Di Nina Segatori

Pubblicato il 01/08/20, 21:00

Il morbo di Cushing e giusta alimentazione sono strettamente collegati, perché la dieta può aiutare il cane a sentirsi meglio.

Affiancarla a una terapia farmacologica adeguata, garantisce una sopravvivenza più lunga e migliore del cane colpito da questa patologia.

Essendo importantissimo bilanciare gli alimenti per non peggiorare la situazione clinica del cane è necessario chiedere il parere del veterinario, prima di cambiargli l’alimentazione. Ecco cosa fare e cosa evitare nella dieta del cane con il morbo di Cushing. 

Morbo di Cushing nel cane

Prima di stabilire quale cibi siano più giusti per il cane che soffre del morbo di Cushing, bisogna capire cos’è questo tipo di malattia e cosa comporta a livello fisico.

Si tratta di una patologia che interessa le ghiandole surrenali, che iniziano a produrre cortisolo in eccesso, con tutte le conseguenze che ne derivano.

I sintomi di un cane con morbo di Cushing

Il cane, quindi, apparirà spesso assetato e affamato, ma anche stanco e affaticato. Altri sintomi sono:

  • gonfiore addominale;
  • letargia;
  • alopecie sparse su fianchi e dorso.

Le cause del morbo di Cushing

Ciò che causa il morbo di Cushing, il più delle volte è un problema di disfunzione dell’ipofisi, che in caso di presenza di tumori anche solo benigni, causa uno stravolgimento ormonale che può provocare questa patologia.

Anche l’uso prolungato di cortisone, utilizzato come terapia temporanea di alcune malattie, può alla lunga causare la comparsa del morbo di Cushing.

Quali razze sono più esposte al morbo di Cushing?

Di solito colpisce gli esemplari adulti di taglia medio-piccoli e tra le razze geneticamente più predisposte ci sono:

Questo non vuol dire che anche altri non siano soggetti a soffrire di morbo di Cushing visto che, ad esempio, anche i Boxer, spesso presentano questa malattia.

Iperadrenocorticismo e alimenti

Il morbo di Cushing, detto anche iperadrenocorticismo è strettamente legato all’alimentazione perché seguire una dieta bilanciata, può aiutare a controllare la malattia.

Come in molte forme di patologie, anche nel caso della sindrome di Cushing, un buon regime alimentare può fungere da coadiuvante alla terapia farmacologia.

Cosa non deve mangiare un cane con morbo di Cushing?

In questo caso è bene evitare cibi ricchi di carboidrati e zuccheri, eliminare tutti quelli raffinati e prediligere un menù a base di proteine. No, quindi a patate, pasta, riso e soprattutto dolci, che già in condizioni di salute sono nocivi, per gli animali, figuriamoci in presenza di malattie.

Cosa può mangiare un cane con morbo di Cushing?

Ci sono, poi dei rimedi naturali che possono essere aggiunti al cibo per potenziare l’effetto benefico di una dieta salutare.

Primo fra tutti c’è l’aloe vera, che abbinata a cibi proteici può fare la differenza. I cani con il morbo di Cushing, infatti, possono sviluppare spesso delle enterocoliti di natura batterica, a volte anche periodicamente, ed essendo un antibatterico naturale, l’aloe vera, se inserita nella dieta, svolge un’azione benefica sulla mucosa intestinale, rendendola più resistente contro i patogeni.

In definitiva, i cibi buoni sono quindi quelli a basso indice glicemico, tutto ciò che è ricco di fibre, i grassi insaturi e le proteine.

Se alla giusta dieta vengono, poi, aggiunti dei rimedi naturali, la malattia potrà essere più gestibile

Morbo di Cushing: cosa evitare?

C’è da fare una precisazione. Se c’è qualcosa da evitare, questo è senza dubbio il digiuno.

Un abbassamento eccessivo di glicemia, provoca una maggiore produzione di cortisolo, che andrebbe a complicare una situazione già compromessa.

Stesso discorso vale per una dieta iperproteica, che provocando un numero eccessivo di amminoacidi a livello epatico, causerebbe allo stesso modo un’ipersecrezione di cortisolo.

Ci vuole una dieta bilanciata insomma.

Senza ombra di dubbio, sono da evitare in ogni caso:

  • gli zuccheri semplici;
  • i carboidrati;
  • i grassi saturi e idrogenati;
  • i dolci;
  • gli alimenti con poche proteine.

Altra cosa da evitare totalmente è il fai da te. Non prendete iniziative senza aver prima consultato il veterinario.

Escludere un determinato alimento e aggiungere altri senza cognizione di causa e senza che un esperto abbia studiato il caso specifico potrebbe solo peggiorare la situazione, piuttosto che migliorarla.

Il veterinario saprà diagnosticare la causa del morbo di Cushing del vostro cane e solo dopo un’attenta analisi della sintomatologia e gli opportuni accertamenti, saprà indicare la giusta dieta.

Essendo importantissimo il bilanciamento degli alimenti quando si è in presenza del morbo di Cushing, è necessario il parere del medico prima di cambiare le abitudini alimentari del nostro animale.