Scopri qui se il tuo cane è obeso!🐶

Pubblicità

Cosa fare se il cane vomita giallo e perché accade?

Il cane vomita giallo quando non mangia da troppo tempo o ha ingerito qualcosa di tossico. Le cause, però, possono essere anche altre, soprattutto se il vomito è accompagnato da altri sintomi. Ecco quali e cosa fare.

Di Nina Segatori

aggiornato il 29/10/20, 11:49

Quando il cane vomita giallo il padrone è sempre sulle spine, perché di solito il colore giallastro si accompagna a consistenza schiumosa, ma soprattutto perché si presenta all’improvviso.

Non bisogna, però, allarmarsi subito, senza prima aver indagato le cause e aver consultato il proprio veterinario. Il vomito giallo nel cane, infatti, non è sempre da attribuire a cause preoccupanti. Ecco tutto quello che c’è da sapere.

Come si riconosce il vomito giallo?

Il vomito giallo si riconosce dalla sua particolare colorazione. Di solito quello che viene chiamato vomito giallo è una sorta di liquido bianco sporco e schiumoso, privo di qualunque tipo di residuo di cibo.

Il risultato è una schiuma gialla, piuttosto liquida, ma leggermente gelatinosa, ricca di bollicine d’aria.

Perché il cane vomita giallo?

Spesso i padroni si rivolgono al medico affermando preoccupati: "il mio cane vomita giallo!". Il vomito di colore paglierino è il sintomo di un disturbo gastrointestinale dovuto dall’accumulo di bile e succhi gastrici.

Il colore giallo del vomito è dato dalla bile del cane, per questo motivo è chiamato appunto vomito biliare. Si definisce invece vomito acido quello determinato dai succhi gastrici che è invece di colore bianco.

La bile è un liquido importante per la digestione che viene riversato nell’intestino dopo i pasti. Tuttavia può risalire nello stomaco (reflusso duodeno gastrico), causando irritazione della mucosa che provoca il vomito di colore giallo.

Nella maggior parte dei casi, infatti, il vomito giallo non indica una malattia grave, a meno che questo non si presenti troppo frequentemente o non diventi cronico. In quel caso sarà bene consultare il veterinario per una visita più approfondita.

Tra le cause più frequenti c'è un digiuno prolungato, testimoniato anche dal fatto che nel vomito giallo non c’è presenza di materiale solido.

Accade che i succhi gastrici, in assenza di cibo da assorbire si riversino all’interno dello stomaco, insieme alla bile e, trovandolo vuoto, irritino la mucosa gastrica. Il vomito, quindi, in questo caso, è solo una sorta di difesa dell’apparato gastrointestinale dall’attacco degli acidi digestivi.

Altre cause di vomito giallo

Il digiuno non è l’unica causa ed è sicuramente la meno preoccupante. Possono creare, infatti, vomito giallo anche:

  • l’avvelenamento;
  • ingestione di corpi estranei/occlusioni;
  • l'ingestione di sostanze tossiche;
  • l’assunzione prolungata di alcuni farmaci antinfiammatori;
  • alcune patologie intestinali o legate al fegato (es. parassiti).

Inoltre, anche gli stati d’ansia e di eccessiva eccitazione possono portare il cane a vomitare liquido giallo, quindi se il vostro amico a 4 zampe ha un carattere molto agitato potrebbe presentare questo disturbo.

Per stabilire l’effettiva causa del vomito giallo, soprattutto se si presenta spesso e non raramente, è opportuno consultare il veterinario, che potrà stabilire o escludere la presenza di qualche malattia grave.

Cosa fare quando il cane vomita giallo?

La prima cosa da fare è notare se all’interno della schiuma gialla è presente qualche residuo di cibo solido.

Se notate all’interno qualche fogliolina d’erba, potrebbe averle mangiate al parco ed essersi irritato lo stomaco, e per questo aver vomitato giallo. In questo caso Fido potrebbe già aver risolto il suo problema, ma è bene comunque prestare attenzione alla frequenza con cui si verifica il vomito giallo.

Poi controllate lo stato generale dell’animale, se appare molto provato o se vi sembra solo un po’ giù. In questo caso essere un po’ abbacchiati è normale, perché lo stomaco è irritato e vomitare non è mai un evento piacevole.

Preoccuparsi quando il cane rimette giallo?

Se, però, vi accorgete di altri sintomi che seguono o accompagnano il rigurgito giallo, allora consultate tempestivamente il veterinario, per capire cosa fare.

Ecco alcuni esempi di sintomatologia correlata.

Il cane trema e vomita giallo 

Se il cane trema e vomita giallo potrebbe non trattarsi di una semplice risposta del corpo al digiuno prolungato.

Probabilmente si tratta di uno stato di angoscia eccessiva che ha portato l’animale a rimettere succhi gastrici. 

Il cane vomita giallo e ha la diarrea 

Quando il vomito giallo è accompagnato da diarrea allora potrebbe trattarsi di un’intolleranza al cibo che ha mangiato, ma anche di un’intossicazione o di una mala digestione.

Sarà, quindi, bene consultare il veterinario.

Il cane vomita giallo e non mangia 

Stessa cosa vale per quanto riguarda la presenza di inappetenza dopo il vomito. Se da una parte non avere appetito è normale dopo aver rimesso, dall'altra la mancanza di fame non è quasi mai una condizione normale per i cani, quindi anche in questo caso il parere del medico sarà assolutamente necessario.

C'è differenza tra il vomito giallo nel cane anziano e nel cane cucciolo?

Non c’è un età specifica o più preoccupante quando il cane vomita muco giallo. Qualunque causa può interessare sia l’animale anziano che il cucciolo anche se è più probabile che si tratti di parassiti quando si presenta negli esemplari più giovani.

C’è un rischio più alto, invece, della presenza di malattie importanti, quando interessa quelli in età avanzata.