Instagram

È Natale! Tanti buoni sconto per voi🎄

Pubblicità

Come sono fatti e a cosa servono i baffi del cane?

primo-piano-di-un-cane-bianco advice

I baffi del cane sono un organo sensoriale speciale: scopriamo insieme le caratteristiche.

© Pixabay

I baffi del cane spesso si nascondono tra il pelo, o vengono accorciati dai toelettatori per pareggiarli con il muso, ma a che cosa servono? E quanto sono importanti per Fido? Rispondiamo insieme a tutte queste domande.

Di Serena Esposito

Pubblicato il 20/02/20, 22:00

A differenza dell’importanza relativa che si tende a dare ai baffi del cane, essi sono fondamentali per Fido, rappresentando un vero e proprio organo di senso aggiuntivo. Andranno ad acquisire un'importanza ancora maggiore quando, raggiunta una certa età, la vista del cane tenderà ad abbassarsi: in quel momento i baffi serviranno a svolgere qualsiasi movimento in sicurezza.

Come sono fatti i baffi del cane?

I baffi del cane sono dei peli più lunghi e più spessi rispetto agli altri che coprono il suo mantello, come per i gatti il loro nome è “vibrisse” o peli tattili.

I follicoli piliferi da cui si sviluppano i singoli peli che costituiscono il baffo sono irradiati di fibre nervose che hanno il compito di inviare tutte le informazioni sensoriali raccolte al cervello del cane. In questo modo i baffi fungono da veri e propri radar tattili con una funzione recettoriale talmente spiccata da costituire per Fido un senso aggiuntivo.

A cosa servono i baffi dei cani?

Il cane può dunque servirsi di questo organo sensoriale straordinario per le più svariate funzioni: può orientare i baffi per avere maggiori informazioni su qualcosa che ha visto, sentito o annusato, ampliando la recezione di stimoli visivi, uditivi e olfattivi.

Addirittura più della metà della parte di encefalo deputata all’elaborazione di stimoli tattici, è dedicata a quanto percepito grazie alle infallibili vibrisse canine.

I baffi del cane hanno sorprendenti funzioni. ©Pixabay

Nonostante abbiano lo stesso nome dei baffi negli amici felini, a differenza di essi, la posizione dei baffi del cane può variare da un esemplare all’altro in maniera imprevedibile ed irregolare, e ciascun tipo di baffo ha una funzione specifica in base alla sua posizione. Essi si trovano:

  • sopra gli occhi, come sopracciglia;
  • ai lati del muso;
  • sopra il labbro;
  • sotto il mento.

Scopriamo ora insieme che funzione svolgono i baffi del cane in base alla loro posizione.

Baffi sopra gli occhi

In particolare, i baffi di Fido che si trovano sopra gli occhi si flettono impercettibilmente al passaggio di correnti d’aria o oggetti e indicano al cane la loro presenza. In questo modo il cane chiuderà istintivamente gli occhi per proteggersi.

A proposito di occhi: come pulire gli occhi al cane?

Baffi sul muso

I baffi sul muso sono fondamentali perché fungono da veri e propri sensori di movimento. La vista dei cani difatti è più performante per oggetti in movimento e a distanza, risultando sfocata per quelli vicini: qui intervengono i baffi che offrono informazioni più dettagliate all’encefalo, evitando a Fido di urtare contro pareti o contro porte socchiuse.

Crescendo fino a raggiungere una lunghezza pari alla larghezza del corpo del cane, i baffi sul muso gli offrono una vasta gamma di informazioni sullo spazio circostante. Anche al buio questi organi straordinari consentono movimenti agili e sicuri, a differenza di quanto accade per noi umani.

L’ingombro del naso

Restando in tema di paragoni con gli umani, i nostri amici a quattro zampe hanno una conformazione del viso molto diversa dalla nostra.

Per andare oltre: Lo scheletro del cane

Il muso dei cani ha una canna nasale molto pronunciata e sporgente rispetto all’uomo, per rendere l’idea basta fare un cono arrotolando un pezzo di carta e posizionarlo sul naso: il campo visivo risulterà ostruito e vi saranno angoli ciechi a causa della forma del naso.

I baffi del cane sono per lui un sesto senso. ©Pixabay

I baffi del muso intervengono per ovviare a questo problema con una disposizione ad hoc: una serie di baffi è posta attorno al labbro superiore, rivolta verso il basso, un’altra è rivolta verso l’alto. Così posizionate, le vibrisse rivelano la prossimità di cose che il cane non vedrebbe sotto il suo muso, fornendo persino informazioni sulla forma e le dimensioni di esse.

L’importanza dei baffi nel cane

Perciò i baffi del cane fungono come radar sensoriale in maniera estremamente precisa. Non sono soltanto peli troppo cresciuti da pareggiare con gli altri, ma sono un adattamento evolutivo sviluppato in compensazione della vista non sempre efficace del cane, difendendolo da cose che possono colpirlo sulla testa, o urtarlo sul tartufo nell’ambiente circostante.

È importante quindi fare attenzione ai baffi di Fido, quando è in toelettatura, assicurati che non vengano tagliati per ragioni meramente estetiche, perché adesso sai che così facendo priveresti il tuo cane di un “sesto senso” per lui davvero vitale.

Leggi anche