Scopri qui se il tuo cane è obeso!🐶

Pubblicità

Shaping nel cane, tecnica di addestramento per comandi complessi

cane salta ostacolo agility advice

Lo shaping è una tecnica di addestramento usata anche nell'agility.

© Pixabay

Lo shaping nel cane è una forma di addestramento utile per far imparare a Fido comandi più complessi e costituiti da più azioni differenti: in questo articolo spiegheremo come funziona e in quali casi è efficace.

Di Serena Esposito

Pubblicato il 08/04/20, 20:50

Nell’addestramento del cane, può accadere che ci siano dei comandi e delle azioni che risultano complessi ed ostici per il quattro zampe.

Come superare questi ostacoli? Come ottenere che Fido si spinga oltre il suo limite, spesso solo immaginario? La risposta è nello shaping, una forma di addestramento particolare.

Che cos’è lo shaping nel cane?

Lo shaping, che tradotto in italiano significa modellamento, è una tecnica di addestramento messa in atto per esercizi di elevata complessità, che premia e rinforza ogni tipo di azione che tende ad avvicinarsi al risultato. 

In particolare, il cane riceve il rinforzo positivo ogni volta che, sebbene non completamente e non nella maniera corretta, esegue parte dell’esercizio propostogli.

Il cane sarà quindi stimolato a scoprire per tentativi, ed anche errori, quale sia l’atteggiamento che gli permette di ottenere il premio, e grazie a lievi variazioni, sarà possibile dar forma e modellare, appunto, il comportamento corretto.

Questa tecnica è stata messa a punto da Burrhus Frederick Skinner, che ha teorizzato anche il metodo d’apprendimento basato sul condizionamento operante ed in particolare sul rinforzo.

Quando si applica lo shaping?

Lo shaping risulta avere quindi numerose applicazioni, in comandi e azioni complesse che il cane imparerà gradualmente, ma con grande efficienza. Lo shaping si può usare per:

  • insegnare a Fido il riporto;
  • insegnargli a rotolare a terra;
  • insegnargli a saltare un ostacolo ed in generale ad approcciarsi a tutti gli ostacoli dell’agility;
  • insegnargli a riporre o prendere un gioco dalla cesta;
  • insegnargli ad aprire e chiudere porte e cassetti.

Per tutte queste azioni complesse che contengono in se stesse numerose altre azioni più semplici, lo shaping è l’approccio più efficace per raggiungere l’obiettivo desiderato, e spesso può essere affiancato dal “luring”.

Cos'è il luring ?

Quest’ultimo è la tecnica che consiste nell’indurre il cane a dirigere il suo muso dove desideriamo.

Con un bocconcino del suo snack preferito, andremo a trascinarlo nella posizione prestabilita, tenendo il premio ad una costante, ma ridotta distanza dal tartufo, in modo che Fido ci segua.

Come funziona lo shaping nel cane?

Ora che abbiamo compreso cosa sia questa formidabile tecnica dello shaping, andiamo a vedere come funziona e come applicarla nel pratico, per insegnare a Fido qualcosa di complesso o che fa fatica ad eseguire.

  1. Innanzitutto bisognerà armarsi di pazienza, tempo, concentrazione e anche tempismo, perché la concessione dei premi deve avvenire tassativamente nel momento giusto, di modo che abbia efficacia.
  2. Per evitare una quantità troppo elevata di bocconcini può essere utile l’uso del clicker per cani, che ha dimostrato grande efficacia nell’addestramento basato sul rinforzo positivo.
  3. Partiamo dunque dal rinforzo: nell’insegnare al cane un comando che consiste nella successione di più azioni, come ad esempio il rotolare a terra, o l’aprire un cassetto (sebbene non abbia particolare utilità per Fido), o ancora il superare un ostacolo, andremo a premiare, e quindi a rinforzare, tutte quelle azioni che si avvicinano, o che sono propedeutiche al risultato finale.
  4. In generale, nelle fasi iniziali, soprattutto con cani nuovi a questo tipo di apprendimento, sarà opportuno premiare una quantità elevata di comportamenti, sebbene essi possano risultare ancora lontani o grezzi per l’ottenimento del risultato finale.
  5. Questo servirà al cane per assumere il concetto del “provaci ancora, Fido!”, e permettergli dunque di perfezionarsi: a questo punto andremo man mano a restringere gli atteggiamenti da premiare, per avvicinarci sempre di più all’obiettivo.

Esempio pratico: insegnare al cane a rotolare a terra con lo shaping

Se vogliamo insegnare al cane a rotolare a terra, la prima cosa che egli dovrà fare, sarà sedersi e quindi, assumere la posizione “terra”. 

Lo premieremo a questo punto, anche se l’esercizio “rotola a terra” non è completo, perché nonostante ciò, egli è riuscito a compiere un gesto preliminare ed indispensabile al compimento del comando finale. 

Faremo lo stesso per ogni progresso nei movimenti, che il cane compie, e che si avvicina al “rotola a terra”, finchè Fido avrà imparato a rotolare.

Insegnamenti secondari dello shaping

L’importanza di questo metodo di apprendimento non risiede soltato nella mera esecuzione del salto dell’ostacolo, del riporto del legnetto, o del rotolare a terra.

Infatti, la cosa migliore del modellamento è la possibilità per il cane, di imparare concetti che vanno al di là del comando

In particolare, lo shaping insegna al cane a:

  • avere iniziativa;
  • ottenere, piuttosto che prendere;
  • persistere;
  • mantenere la concentrazione e l’attenzione;
  • collaborare e fare squadra col padrone per l’obiettivo;
  • accrescere l’autostima;
  • attenersi alle indicazioni con precisione;
  • non aver paura di entrare in contatto con oggetti sconosciuti o misteriosi (come una porta o un cassetto);
  • aver maggiore controllo sull’ambiente circostante.