Scopri qui come nutrire i cuccioli!

Pubblicità

Uretere ectopico del cane: cos'è e come si cura?

bulldog incontinente con pannolino

L'uretere ectopico del cane è una patologia congenita

L'uretere ectopico del cane è una malattie su base genetica che presenta un'incidenza di casi relativamente bassa ma realistica: come riconoscerlo?

Di Giuseppe Terlizzi

Pubblicato il 14/04/21, 19:45

L'uretere ectopico del cane è una malformazione congenita di un'importante struttura dell'apparato urinario.

L'uretere è un condotto che collega il rene alla vescica consentendo in questo modo l'incanalamento dell'urina verso quella che, di lì a poco, sarà la minzione. 

Un problema conformazionale di uno o di entrambi gli ureteri determina delle disfunzioni fisiologiche anche gravi che, se trattate nel modo giusto, possono conferire a Fido una vita dignitosa.

Affezioni dell'apparato urinario: come gestire l'incontinenza del cane?

In questo articolo valuteremo l'apparato urinario del nostro fedele animale domestico capendo in che modo queste malformazioni possono dare problemi e in che misura questi problemi si possono limitare. 

Come funziona l'apparato urinario del cane?

L'uretere ectopico del cane è un problema che inceppa tutto il meccanismo urinario.

L'apparato urinario del cane è costituito da organi, tessuti e strutture atte a filtrare la componente ematica assimilando i nutrienti necessari e discriminando le sostanze non utili all'organismoespellendole tramite la minzione (fare la pipì).

Fanno parte dell'apparato urinario del cane:

  • reni;
  • ureteri;
  • vescica;
  • uretra.

La funzione dei reni è la produzione di urina che si realizza mediante l'espulsione dei prodotti finali del metabolismo. Le vie urinarie hanno la funzione di raccolta delle urine ed espulsione all'esterno in maniera controllate.

Assunzione ed eliminazione gornaliera dei liquidi

La produzione delle urine è direttamente proporzionata all'assunzione di acqua da parte del soggetto: ma quanto beve un cane? Si parla di un range di assunzione compreso tra i 6 e i 25 ml/Kg al giorno. Naturalmente a questi valori vanno aggiunti i liquidi assunti con gli altri alimenti.

L'eliminazione di liquidi avviene principalmente con le urine ed è di circa 15/45 ml/Kg.

Naturalmente la via urinaria non è l'unica che elimina liquidi, abbiamo anche l'apparato gastro-enterico, le ghiandole sudoripare e l'apparato respiratorio.

Il bilancio dei liquidi è regolato dall'ADH (ormone anti-diuretico).

Controllo volontario della minzione: come si trattiene la pipì?

Uno dei sintomi conclamati dell'uretere ectopico del cane è l'incontinenza. L'incapacità di trattenere le urine è un vero e proprio incubo per i proprietari di animali domestici: perché accade?

La capacità di trattenere volontariamente le urine e di attivare spontaneamente la minzione è un processo che si svolge in due fasi con complesse regolazioni:

  1. L'accumulo dell'urina prevede il rilasciamento del muscolo detrusore (muscolo che avvolge la vescica) e la contrazione dello sfintere vescicale interno ed esterno che impedisce la perdita di urina. 
  2. Lo svuotamento avviene grazie alla contrazione del muscolo detrusore e il rilasciamento degli sfinteri. 

Ma l'organismo come fa a capire quando è il momento di fare cosa? Tutto dipende dalla replezione (riempimento) della vescica, che grazie al nervo pelvico S1-3 invia gli stimoli fino al tronco encefalico che agisce di conseguenza.

Quanto è importante l'acqua per il cane? Info utili

Patologie che portano all'incontinenza

L'uretere ectopico del cane non è l'unica causa di incontinenza ma, ahimé, ne esistono molte altre.

Oltre ad una serie di complesse affezioni neurologiche che colpiscono differenti segmenti del sistema nervoso ricordiamo problematiche non neurologiche:

  • carenza di estrogeni nel post-sterilizzazione della cagna;
  • cistite;
  • incontinenza iatrogena (causata da una terapia) conseguente a prostatectomia;

Naturalmente la diagnosite a partire da un sintomo come l'incontinenza non è immediata, ma col giusto appoggio diagnostico il nostro veterinario potrà darci risposte esaustive.

Cosa porta all' uretere ectopico del cane?

L'uretere ectopico del cane è un'anomalia congenita in cui uno o entrambi gli ureteri sboccano al di fuori della vescica.

Ricordiamo che per ogni rene abbiamo un uretere che sbocca nella vescica e che, a partire da quest'ultima, c'è l'uretra che termina col meato uretrale esterno a livello di vulva o pene.

Possono sussistere due malformazioni in base all'andamento degli sbocchi ectopici (un organo è detto ectopico quando si trova in sede diversa da quella fisiologica):

  1. ureteri extraluminali: bypassano completamente la vescica e si connettono a livello dell'uretra pelvica ;
  2. ureteri intraluminali: prendono contatto con la vescica scorrendo al di sotto della sua mucosa fino ad aprirsi a livello uretrale o vaginale.

Quali sono le razze di cani più colpite da uretere ectopico?

L'uretere ectopico del cane ha un'incidenza maggiore per le femmine ed è maggiormente frequente nel Golden Retriever, nel Siberian Husky, nel Barbone e nei Collie e Spaniel.

Quali sono i sintomi di un cane con uretere ectopico?

Solitamente i proprietari riportano un'incontinenza urinaria con gocciolamento continuo e presenza di peli bagnati a livello vulvare o perepuziale.

La diagnosi si effettua tramite urografia discendente ed ecografia.

Costo dell'operazione per uretere ectopico del cane

L'intervento all'uretere ectopico del cane è possibile? Innanzitutto bisogna affermare che parliamo di una condizione abbastanza rara: l’ectopia degli ureteri nel cane ha un’incidenza dello 0,016% e dello 0,017%.

I cani vengono sottoposti ad anestesia generale e collocati in decubito dorsale.

Si esegue una celiotomia (incisione chirurgica della parete anteriore dell'addome) e si identificano gli ureteri. Si stabiliscono decorso, diametro e posizione dell’apertura uretrale. Dopo aver avuto accesso alla vescica mediante cistotomia ventrale, si ispeziona l’area e si identificano le aperture uretrali. 

L’uretere viene inciso attraverso la mucosa della vescica in modo da realizzare una nuova apertura (neostomia) a livello della posizione normale, circa 2-3 mm più distalmente al punto in cui si unisce alla vescica.

I cani con ricadute di incontinenza urinaria dopo l’intervento chirurgico vengono trattati con fenilpropanolamina (1,5 mg/kg BID - TID) e/o estriolo (1 mg SID per cane) nelle femmine e, a volte, con flavoxato (10 mg/kg BID) per os. 

Il costo dell'intervento per uretere ectopico del cane si aggira intorno ai 500 euro. Bisogna ricordare che questi importi devono essere integrati di trattamenti farmacologici pre e post operatori.