Scopri qui se il tuo cane è obeso!🐶

Pubblicità

Perché i cani hanno paura dei botti?

cane spaventato fissa l'obiettivo advice

Vi spieghiamo perché i cani hanno paura dei botti.

© Pixabay

Ferragosto, Capodanno e tutte le festività arrivano ogni anno, ed inesorabilmente mietono vittime tra i cani per colpa dei botti e dei rumori forti dei fuochi d'artificio. Ma perché i cani hanno paura dei botti? Scoprilo in questo articolo. 

Di Letizia Rogolino

Pubblicato il 10/08/20, 16:30

Spesso chi possiede un cane dimentica che, per diverse cose, sono diversi dagli esseri umani.

La consuetudine di trattare gli animali domestici come parte della famiglia non permette di avere quella lucidità adeguata richiesta in determinate circostanze.

Per esempio, sapete perché i cani hanno paura dei botti e dei fuochi d'artificio?

Ecco perché i cani hanno paura dei botti

La paura dei botti nei cani è presente in tutte le razze, perché il loro orecchio sente i rumori molto più amplificati rispetto a quello umano.

Il funzionamento dell'orecchio del cane

L'apparato uditivo del cane si è finemente evoluto nel tempo fino a raggiungere una capacità acustica 4 volte superiore a quella dell'uomo.

Questo significa che la percezione dei suoni è raffinata al punto da captare onde sonore non udibili dall'orecchio umano: 40mila Hertz con una sensibilità di 35mila vibrazioni al secondo.

Contestualizzando questo presupposto fisiologico al frastuono dei botti di Capodanno o dei fuochi d'artificio di Ferragosto (disturbanti anche per l'essere umano) ci possiamo rendere conto di quanto sia drammatica questa abitudine di festeggiamento che l'uomo, a volte irrispettoso, pratica.

Le conseguenze per cani cardiopatici o con patologie auricolari

Il frastuono degli spettacoli pirotecnici può avere serie conseguenze per un soggetto con una salute già compromessa da patologie a carico di orecchio o cuore.

Infatti soggetti che normalmente soffrono di ipoacusia (sentono poco) possono percepire un suono così forte in modo improvvisamente chiaro.

Questo potrebbe spaventarli al punto da cercare, nel panico, vie di fuga e scappare addirittura di casa.

Ancora peggio se il soggetto in questione è cardiopatico: i fuochi d'artificio potrebbero costargli la vita. È risaputo che un cane con problemi cardiaci non può subire eventi stressanti per evitare esiti infasti come infarti o aritmie gravi.

Come reagisce un cane spaventato dai botti?

Se i cani hanno paura dei botti e dei fuochi d'artificio può capitare di vederli:

Il cane manda dei segnali quando qualcosa sta per accadere e può incidere sulla sua normale quotidianità e provocargli fastidio o disagio.

Quindi osservandolo si può percepire il suo stato d'animo e aiutarlo ad affrontare la situazione.

Come calmare un cane spaventato dai botti?

Nei cani anziani o con problematiche legate alla cecità e alla sordità, le fobie potrebbero avere il sopravvento e far soffrire seriamente l'animale domestico.

Per stare più tranquilli è bene parlare con il veterinario, esponendogli la situazione. Magari potrebbe segnare delle gocce tranquillanti per fare stare il cane più sereno.

Quando si avverte che iniziano le prime batterie di fuochi d’artificio per la città, occorre stare attenti che il cane non inizi a scappare per tutta la casa, senza capire dove andare.

Un consiglio è accarezzarlo, parlargli dolcemente e stargli vicino, così capirà che non c’è nessun pericolo in vista e questo lo aiuterà a tranquillizzarsi, senza arrivare al punto di sbavare e tremare come una foglia, o nei casi più gravi, addirittura perdere i sensi per la troppa emozione.

La normalità è la chiave di tutto.

Attraverso un comportamento normale, come premiarlo con un biscottino se inizia a stare più calmo, il cane capirà che quella è la strada giusta da perseguire.

Cane impaurito dai botti e rumori improvvisi? Creategli un rifugio!

In vista dei botti, se si vuole giocare d’anticipo, si potrebbe ricorrere ad alcuni escamotage da utilizzare durante quelle ore.

In particolar modo chi vive in città, tra i botti esplosi dai vicini e quelli per strada, non può far altro che studiare delle tecniche che possano tranquillizzare il cane il più possibile.

Il cane, scappando, comunica che il suo desiderio è quello di avere tranquillità e, pertanto, non c’è niente di meglio di una sorta di “tana” in cui potersi rifugiare, possibilmente lontano da finestre e balconi.

Coccolandolo e riempiendo quel luogo scelto di acqua e croccantini, si può riuscire a farlo stare a suo agio il più possibile e distrarlo da quello che sta accadendo fuori.

Spesso un cane cerca da solo un posto sicuro dove passare il tempo necessario lontano dalla minaccia di quei rumori assordanti, ma in caso contrario il padrone può preparare un rifugio con tutti i comfort con un po' di anticipo, cercando di limitare i danni.

Almeno una volta all'anno capita di dover controllare questa fobia dei piccoli amici a quattro zampe, ma collaborazione e solidarietà sono le parole chiave per superare questo momento senza conseguenze e traumi e aiutare il vostro amico a quattro zampe a vivere tutti i momenti della sua vita serenamente.

---

Articolo revisionato da

giuseppe-terlizzi



Giuseppe Terlizzi
Medico Veterinario

Leggi anche