News :
wamiz-v3_1

Che razza di cani fa per te?🐶🐶🐶

Pubblicità

Guida pratica su come abituare il gatto a usare il wc

Gatto nel wc advice © Shutterstock

Vi siete sempre chiesti se è possibile abituare il gatto al wc? La risposta è sì e oggi vi spieghiamo come insegnargli ad usare il bagno con alcuni semplici consigli. 

Di Anna Paola Bellini

Abituare il gatto al wc sembra un’impresa ardua, soprattutto perché nell’immaginario collettivo i nostri amici felini sono davvero ineducabili. La realtà è però ben diversa. Micio è capace di apprendere e diventare un provetto damerino se si sapranno rispettare i suoi tempi, utilizzare il rinforzo positivo e… qualche piccolo inganno! Vediamo insieme i consigli di Clifford Brooks, che ha scritto un manuale su come insegnare al gatto ad utilizzare il bagno. 

Abituare il gatto al wc: come fare? 

Abituare il gatto ad utilizzare il bagno come noi umani è un’operazione che richiede tempo e pazienza. Per quanto il nostro felino sia intelligente, sappiamo benissimo quanto i cambiamenti siano difficili da capire e affrontare per lui. Per questo motivo bisognerà esser capaci di assecondare le tempistiche d’apprendimento dell’animale e far sì che quest’ultimo capisca che questo cambiamento non porterà nessun tipo di conseguenza negativa e pericolosa

 

Hard at work on the next book, The Zen of Cat Walking, and found out this morning that Toilet Train Your Cat, Plain and Simple has shipped!

Posted by Clifford Brooks on Wednesday, January 25, 2017


Ecco quali sono le tappe fondamentali, spiegate da Brooks nel suo libro, per insegnare il gatto a usare il wc: 

  • Spostare la lettiera
  • Avvicinare la sabbietta al wc
  • Mettere la sabbietta nel wc
  • Togliere la lettiera
  • Premia il gatto

Vediamo, di seguito nel dettaglio queste 5 tappe per abituare il gatto a fare i propri bisogni nel wc. 

1.    Lettiera in bagno

Il primo passo per insegnare a Micio a fare i suoi bisogni nella tazza è spostare la lettiera nella sala da bagno. Questo spostamento permetterà all’animale di prendere confidenza con una stanza della casa spesso temuta - ricordiamo che i non tutti i felini hanno un buon rapporto con l’acqua – e di abituarsi alla tazza. 
Naturalmente se il gatto è cucciolo ed è arrivato in casa da poco, posizionare la lettiera in bagno fin da subito. In questo modo sarà ancor più semplice abituarlo: non dimentichiamo che un gatto adulto ha le sue abitudini e cambiarle non è semplice o può risultare addirittura traumatico. 

Attenzione: Se il gatto smette di utilizzare la lettiera, una volta cambiata la sua ubicazione potrebbe voler dire che non è contento di questo spostamento. In questo caso, bisogna effettuare il cambiamento in modo ancor più graduale: di giorno in giorno spostare la lettiera di qualche centimetro fino ad arrivare al bagno.

2.    Rialzare la lettiera ed avvicinarla alla tazza

Questo passaggio è molto importante poiché di norma la lettiera si trova rasoterra, mentre il wc è un oggetto alto per il nostro felino. Anche in questo caso, il tutto va realizzato gradualmente: la lettiera (già posta in bagno) andrà avvicinata poco a poco alla tazza e di giorno in giorno rialzata un pochino (magari mettendo delle scatole sotto la vaschetta della sabbietta).

In questo step è importante accertarsi della stabilità della lettiera: se il gatto cade sarà impossibile convincerlo a risalire sulla pila. Ricordiamo, infatti, che nel momento in cui fa i suoi bisogni, il Micio è completamente vulnerabile. 

3.    Disabituare il gatto alla sabbietta 

sabbietta del gatto
DIminuire poco a poco la lettiera accanto al wc aiuta ad insegnare al gatto ad utilizzarlo.
©Shutterstock

A questo punto il gatto avrà imparato a fare i bisogni alla stessa altezza della tazza. Il passo successivo è insegnargli ad usare il water, facendogli dimenticare l’esistenza della sabbietta. Come fare? La quantità di sabbietta va diminuita, sempre in maniera molto graduale, fino a quando non ne resteranno pochi centimetri. 

4.    Via la lettiera!

Nel penultimo step la solita lettiera va sostituita con una bacinella (o un altro recipiente simile) che verrà posta dentro la tazza (sempre con al suo interno un po’ di sabbietta) con qualche centimetro di lettiera. Quando il gatto si sarà abituato a fare i bisogni nella bacinella posta all’interno del wc è possibile rimuovere la bacinella. 

5.    Premia il gatto

L’ultimo step è premiare il gatto (almeno all’inizio) ogni volta in cui utilizzerà il wc. In questo modo si rinforzerà in lui l’idea che quel gesto è qualche cosa di buono e per questo sarà premiato. 

Il Kit per insegnare al gatto a usare il bagno

Esistono in commercio dei veri e propri kit per insegnare al gatto ad usare il bagno. In linea di massima i consigli precedentemente citati non cambiano: la sola differenza sta nell’utilizzo di apposite bacinelle rimuovibili che renderanno più comodo e semplice abituare Micio all’utilizzo del wc, come è possibile vedere in questo video.

Opinioni discordanti sui gatti che usano il wc 

Per quanto non pulire la lettiera sia una grande comodità, far fare i bisogni al gatto all’interno del wc non mette d’accordo tutti i padroni. Non dimentichiamo, infatti, che attraverso le feci del Micio possono trasmettersi diverse malattie, come ad esempio la toxoplasmosi. Inoltre, ogni volta che l’animale andrà il bagno si dovrà essere bene attenti perché il gatto non sa tirare lo sciacquone.

Leggi anche