Pubblicità

punti neri nel gatto

punti neri nel gatto

© Lucky Paws / YouTube

Cause, sintomi e cure dei punti neri nel gatto

Verificato da un esperto del mondo animale, Tonatzin Rojas , Medico Veterinario, Zootecnica
Di Ilenia Colombo Redattrice | Community Manager

Pubblicato il

Hai notato dei punti neri nel gatto? Ecco i consigli e le spiegazioni della veterinaria su questo problema cutaneo di Micio.

I punti neri nel gatto possono essere notati soprattutto sul mento e sulla bocca, ma possono anche verificarsi su naso, orecchie o pancia.

Si tratta di una delle malattie cutanee del gatto più comuni. Ecco cosa sapere al riguardo e come eliminare i punti neri dal gatto.

La pelle di Micio

La cute del nostro amico felino contiene due tipi di ghiandole: sudoripare e sebacee. Le ghiandole sebacee sono associate al follicolo pilifero e la loro funzione principale è la produzione di sebo, sostanza oleosa che protegge la pelle e la mantiene idratata.

Non perderti questi video:

Nei gatti ci sono ghiandole sebacee più grandi situate sul mento e sulle labbra, conosciute come “organo sottomentoniero". La loro principale funzione è la marcatura territoriale, per questo i felini tendono a strofinare il mento sugli oggetti o addirittura sul nostro corpo. Queste stesse ghiandole si trovano anche alla base della coda.

Perché ci sono dei punti neri nel gatto?

I punti neri nel gatto sono principalmente dovuti a un'infiammazione delle ghiandole sebacee dovuta all'alterazione del normale equilibrio epidermico. La cosiddetta acne felina determina l'ostruzione dei follicoli piliferi, a causa di un "tappo" di sebo, che impedisce la fuoriuscita della cheratina (una delle molecole del pelo). Il tappo di cheratina e sebo ha un pigmento scuro, chiamato comedone o punto nero.

Punti neri sotto il mento del gatto

La presenza di punti neri nel gatto, nella zona del mento e/o ai lati della bocca, può essere dovuta ad un aumento dell'attività dei follicoli dell'organo sottomentoniero con eccessiva produzione di grasso.

Il risultato è evidente nei felini che hanno il mantello chiaro, in cui si noterà una colorazione giallastra o scura. Di solito ha una consistenza oleosa, cioè grassa, ed è facile da confondere con le pulci o le feci. L’aumento della produzione di sebo sul mento predispone i gatti a sviluppare più facilmente l’acne felina.

punti neri nella bocca del gatto
Punti neri nella bocca di un gatto. ©Joseph GTK / Shutterstock

Punti neri sul naso del gatto

Alcuni esemplari possono avere dei punti neri sul naso, simili alle nostre lentiggini. Queste macchie si chiamano lentigo simplex e sono di origine genetica, non problematiche per l'animale.

Occorre però prestare attenzione se una macchia appare in rilievo, arrossata e pruriginosa: in questo caso, meglio rivolgersi al veterinario.

Punti neri sulle orecchie del gatto

La presenza di punti o macchie nere all'interno dell'orecchio del gatto è un tipico segnale di un'infezione da acari. Chiedi al tuo veterinario di fiducia come trattarla.

Punti neri sulla pancia del gatto

Alcuni proprietari notano delle macchie scure sul manto del loro animale domestico, facilmente confondibili con terra o sporcizia. In realtà, si tratta spesso di escrementi di pulce. Per togliere ogni dubbio, pettina il pelo del felino sopra un panno bianco e osserva se cadono o meno. In questo caso, sarà sicuramente necessario un antiparassitario, sempre dietro consulto del professionista.

Si possono schiacciare i punti neri del gatto?

Assolutamente no! Mai schiacciare o toccare i punti neri che potrebbero infettarsi dando origine a complicanze anche gravi. Rivolgiti al tuo veterinario per una cura adatta al micio.

Cosa faccio se il mio gatto ha dei punti neri sul mento?

Se noti delle macchie nere sul mento del tuo gatto, dovresti andare a fare un controllo dal veterinario. Questo sintomo può essere dovuto a molteplici cause, come ad esempio:

Solo il professionista della salute degli animali sarà in grado di determinare la causa più specifica di questi punti neri, in base alla storia clinica e all'esame fisico del micio.

punti neri sul mento del gatto
Un gatto con punti neri sul mento. ©Melissa Tate / Shutterstock

Nei casi lievi, si verificano comedoni, perché i follicoli piliferi si intasano, dando l'aspetto di punti neri sul mento del gatto.

Nei casi più gravi si può sviluppare un'infezione batterica secondaria, che produce follicolite e formazione di piccoli noduli molli con contenuto purulento (pus), che se non trattata in tempo può complicarsi con una grave infezione cutanea (piodermite) sul mento.

L'acne felina sul mento può essere secondaria, dovuta ad altri tipi di infezioni comuni anche sulla pelle dei felini e la cui caratteristica principale è la comparsa di punti neri sul mento.

Alcuni dei motivi per cui i punti neri nel gatto possono apparire sul mento potrebbero essere legati a:

  • infezione fungina;
  • infezione da acari;
  • infezione da lievito;
  • processi infiammatori, autoimmuni o allergici.

Come eliminare i punti neri nel gatto?

Non esiste un rimedio casalingo per curare i punti neri nel gatto tipici dell'acne felina: è necessaria una valutazione medica veterinaria.

Tuttavia, quando si constata che un animale ha una certa predisposizione allo sviluppo dei comedoni, è possibile attuare una gestione preventiva a casa.

Ad esempio, si è visto che le ciotole per cibo e acqua, quando realizzate in materiale plastico, favoriscono lo sviluppo dell'acne felina. Si consiglia quindi di utilizzare stoviglie realizzate con materiali più facili da lavare e disinfettare, come porcellana, vetro o acciaio inossidabile. Il lavaggio frequente delle ciotole eviterà la contaminazione di microrganismi. 

È importante anche pulire il mento del felino nel caso in cui si sporchi di cibo. Se noti che i peli in quest'area sono lunghi, puoi tagliarli leggermente per evitare l'accumulo di sporco su quest'area delicata del corpo.

Altri consigli

Cosa ne pensi di questo articolo?

Grazie per il tuo feedback!

Grazie per il tuo feedback!

1 persona ha trovato questo consiglio utile.

Lascia un commento
Collegati per commentare
Vuoi condividere questo articolo?