Migliora la vita dei pet cliccando qui!

Pubblicità

Cosa devo fare se il mio gatto è aggressivo?

gatto aggressivo che cerca di graffiare

Dottore, il mio gatto è aggressivo!

© Alun Marchant / Shutterstock

Capita che i proprietari dicano "Dottore, il mio gatto è aggressivo!", non è una novità. Ecco i segnali da riconoscere per non arrivare a tal punto.

Di Clara Amodeo

aggiornato il 03/09/21, 17:20

Quando si ha a che fare con un amico a quattro zampe con una natura un po' "violenta" bisogna, dopo avere riconosciuto che “sì, il mio gatto è diventato aggressivo”, cercare di capire come mai l’animale abbia alzato le sue difese al punto di attaccare e aggredire altri animali o l’uomo.

Le motivazioni sono tante ma, nella maggior parte dei casi, sono da ricercarsi in un cambiamento occorso nella vita del felino.

Vediamo insieme di cosa si tratta e come porre rimedio a tale comportamento.

Come riconosco che il mio gatto è aggressivo?

“Il mio gatto è aggressivo”: è quello che un padrone si ritrova a dire nel momento in cui nota un cambiamento nel comportamento del gatto di casa.

Tuttavia, non tutta l’aggressività si manifesta nello stesso modo e non è nemmeno detto che un comportamento che l’uomo può considerare “violento” possa in realtà essere specchio di un malessere nella vita del felino.

Per questo, è bene porsi delle domande quando siamo al cospetto di:

E un gatto che morde? Non è detto che abbia un problema. Anzi, spesso i gatti mordono per manifestare un sentimento positivo, di vicinanza al padrone, o durante il gioco.

Ma quindi, come capire quando i gatti giocano? Semplice: basta valutare la situazione in cui si manifesta la presunta aggressività. Se, durante un momento di relax e di interazione uomo-gatto, quest’ultimo ha comportamenti di autodifesa quali morsi e graffi leggeri o scatti repentini, c’è da stare tranquilli: il gioco nel gatto contempla anche questo!

Perché il mio gatto è diventato aggressivo?

Il passo successivo è dunque quello di valutare i motivi dell’aggressività nei gatti. Per esempio, un gatto dopo la sterilizzazione è aggressivo, così come durante il calore o il parto.

Esistono due tipi di aggressività nei gatti: l'aggressività reindirizzata e l'aggressività territoriale.

Aggressività reindirizzata

Per aggressività reindirizzata del gatto si intende quel comportamento che viene diretto verso un antagonista che, tuttavia, non ha alcuna colpa se non quella di fungere da “capro espiatorio” della frustrazione vissuta dal gatto.

Aggressività territoriale

Un gatto diventa improvvisamente aggressivo quando sente il proprio territorio minacciato o invaso da un intruso.

L'aggressività territoriale, quindi, si manifesta in determinate situazioni di vita del felino, ad esempio quando si trova dal veterinario, quando incontra degli estranei o contro gli altri gatti.

Come calmare i gatti aggressivi?

Giunti a questo punto bisogna sapere cosa fare se il gatto è aggressivo.

Partiamo da un presupposto: tenere un atteggiamento altrettanto aggressivo non porterà a nulla se non a esacerbare gli animi. Non bisogna in alcun modo chiuderlo in un angolo, cercare di prenderlo o tirargli addosso oggetti: questo, infatti, oltre a essere un comportamento sbagliato, peggiorerà la situazione.

Pertanto, è bene farsi vedere decisi ma non violenti, lasciargli una via di fuga se necessario e non impaurire il micio. In alcuni casi è possibile avvicinarlo con del latte o del mangime, in modo da dimostrargli le proprie intenzioni bonarie.

Ma Micio può essere stressato? Certo che sì! Scopri

In alcuni casi limite, è possibile somministrargli calmanti per gatti aggressivi: si tratta di rimedi chimici che devono essere prescritti dal veterinario e che devono essere somministrati al gatto nelle modalità e nei tempi prestabiliti dalla posologia del farmaco.

Un altro aiuto è rappresentato anche dalla medicina naturale, per esempio con i fiori di bach.

---

Articolo revisionato da:

Francesco Reina
Assistente veterinario