Scopri qui se il tuo cane è obeso!🐶

PubblicitĂ 

Come comportarsi se il cane ha un forasacco nella zampa?

cane in campo di grano advice

Un forasacco nella zampa del cane è un pericolo per il nostro amico a 4 zampe.

© Pixabay

Il forasacco nella zampa del cane è un pericolo che può essere facilmente sottovalutato: come potrebbe una piccola spiga fare tanti danni? Eppure, esso è nemico di ogni cane. Ecco come comportarsi.

Di Serena Esposito

Pubblicato il 05/06/20, 19:28

Tarda primavera, i forasacchi fanno il loro ingresso in natura, dapprima verdi ed innocui, poi gialli e secchi.

È proprio quando assumono quel colore giallo paglierino che diventano pericolosi per Fido, perché si staccano dallo stelo e possono insinuarsi nel pelo, fino a raggiungere la cute.

Oggi andremo a conoscere più da vicino questi misteriosi nemici, e analizzeremo sintomi e comportamenti da adottare nel caso in cui ci sia un forasacco nella zampa del cane.

A proposito di nemici primaverili: Scopri cosa sono e come evitare le processionarie!

Il forasacco, nemico del cane

La parola “forasacco” è una contrazione della frase “forare il sacco”: i semi di queste piante infatti, erano in grado di bucare il sacco dei contadini, dove venivano raccolti.

La loro collocazione tassonomica è tra le graminacee selvatiche (che crescono spontaneamente), in particolare orzo ed avena. Esse pertanto crescono da fine maggio ad inizio ottobre, in molteplici zone, che è bene conoscere al fine di evitare:

  • campagna, in prossimità delle coltivazioni ed ai margini di campi di grano;
  • giardini e tutti i luoghi dove è possibile lo sviluppo di vegetazione spontanea, pertanto sono visibili anche ai lati dei marciapiedi, o intorno alle piccole aiuole, anche in città;
  • parchi pubblici dove siamo soliti portare il cane a sgambettare, specialmente dopo il taglio dell’erba, è sovente facile trovare queste piccole spighe quali residui della tosatura;
  • infine, poiché sono trasportate dal vento, queste piccole, pericolose spighe possono trovarsi anche lontane dalla pianta madre: motivo in più per prestare maggiore attenzione.

Il forasacco in sé e per sé è quella arista di 2-3 centimetri di lunghezza, che si forma all’estremità dello stello della graminacea selvatica. 

Finché restano verdi, durante la primavera, sono innocue per i nostri amici a quattro zampe; ma quando sopraggiunge l’estate, esse si seccano, si induriscono, e si staccano dalla pianta, sviluppando una conformazione acuminata che si insinua facilmente nella cute di Fido, grazie alla zigrinatura tipica del grano.

Dove si insinua il forasacco nel cane?

Ora che conosciamo la struttura e la diffusione del forasacco, possiamo analizzare quali sono le parti del corpo del cane che possono esserne attaccate.

I cani a pelo lungo, in particolare, possono raccogliere forasacchi su tutto il loro manto, ma nella maggior parte dei cani, queste spighe malefiche tendono ad insinuarsi in:

  • naso, mentre Fido sta annusando in giro, con conseguenze molto serie;
  • gola, facilmente raggiungibile anche grazie al vento, ma generalmente con una semplice deglutizione di erba che Fido è solito fare;
  • orecchie del cane, con possibili danni al timpano;
  • occhi e canali lacrimali;
  • vagina, in cagnoline;
  • canali delle ghiandole perianali;
  • spazi interdigitali delle zampe.

È proprio di quest’ultimo caso che andremo a parlare, essendo quello che si verifica più facilmente e frequentemente: i forasacchi nelle zampe.

Scopri come prenderti cura degli occhi e delle orecchie di Fido!

Come riconoscere e togliere un forasacco dalla zampa del cane?

Innanzitutto, se il cane è potenzialmente venuto a contatto con forasacchi, dovremmo saperlo, conoscendo le zone in cui siamo soliti portarlo a passeggio.

In linea di massima, dovremmo essere in grado di rinvenire le pericolose spighe quando sono ancora intrappolate nel pelo, cosa che può essere piuttosto difficile se esso è lungo e magari di un colore simile al grano. Bisogna sempre controllare bene.

Come togliere un forasacco nella zampa del cane?

La rimozione del corpo estraneo può avvenire tramite una pinzetta, con una certa precisione, e prestando attenzione a non far frantumare la spiga. È utile afferrarne la parte acuminata e tirarla verso di sé in modo da sfruttare a nostro favore la sua caratteristica zigrinatura e non incontrare attrito.

Qualora non riuscissimo a fare in tempo prima che il forasacco raggiunga la cute, saranno i sintomi del nostro amico a quattro zampe a dirci che c’è qualcosa che non va.

Il forasacco nella zampa determina dapprima infiammazione, e poi infezione.

A proposito di sintomi: scopri le principali malattie del cane, conoscerle significa prevenirle!

Sintomi di un forasacco nella zampa

I sintomi dell’entrata di un forasacco nella zampa, ed in particolare negli spazi interdigitali, cioè tra un dito e l’altro, non si manifestano in maniera istantanea.

Il forasacco, infatti, deve prima avanzare attraverso il pelo, e poi una volta penetrata la cute, farà insorgere sintomi quali:

  • edema;
  • arrossamento;
  • dolore;
  • febbre;
  • zoppia;
  • leccamento continuo;
  • gonfiore sia localizzato che generalizzato a tutto l’arto, secondo l’entità dell’infiammazione;
  • formazione di ascessi purulenti in caso di infezione.

Cosa fare in caso di forasacco nella zampa?

Se il cane dovesse presentare i sintomi sopraelencati, sarà opportuno recarsi presso il proprio veterinario per la rimozione chirurgica del forasacco dalla zampa: evitare, nella maniera più assoluta, rimedi fai da te, che possono creare danni ulteriori e non sottovalutare il problema.

In seguito al piccolo intervento, il cane dovrà indossare un collare elisabettiano di modo che non vada a leccarsi la zampa e mordere la zona interessata.

Per altre informazioni sui forasacchi, leggi il nostro articolo dedicato!