News :
wamiz-v3_1

Che razza di cani fa per te?🐶🐶🐶

Pubblicità

L'insufficienza renale nel gatto

gatto che beve dal rubinetto advice © Pixabay

L’apparato urogenitale del gatto è molto sensibile. Tra le tante patologie esistenti, l'insufficienza renale del gatto è certamente una delle più gravi. Scopri tutti i dettagli di questo disturbo nel nostro articolo.

Di Anna Paola Bellini

L’insufficienza renale nel gatto è una patologia provocata da una disfunzione del rene, che comporta un accumulo di tossine nell’organismo portando così il micio ad essere affaticato, inappetente e più pigro del solito. I reni sono organi molto importanti poiché la loro funzione è quella di filtrare il sangue per espellere le sostanze di scarto. Se il rene è compromesso la vita del soggetto colpito può diventare molto difficile.

Nel gatto si parla di due forme di insufficienza renale: acuta (quando i reni modificano il loro funzionamento repentinamente) e cronica (quando la malattia si manifesta progressivamente). Vediamo quali sono i sintomi, le cause e le cure di questo invalidante disturbo. 

Le cause dell'insufficienza renale del gatto

Le cause dell’insufficienza renale nel gatto, che sia acuta o cronica, possono essere diverse e, alcune, incurabili. La causa più nota è la presenza di calcoli renali che può portare allo sviluppo di un’infiammazione interstiziale cronica (infiammazione del rene che porta a nefrosi), come anche la sua forma acuta. Anche la glomerulonefrite (infiammazione dei glomeruli che compromette la capacità filtrante del rene) può rapidamente evolvere in insufficienza renale cronica, soprattutto nel gatto maschio adulto. Infine anche tumori renali o malattie genetiche rare (come amiloidosi o il rene policistico) possono essere all’origine di un’insufficienza renale nel gatto.  

Sintomi dell’insufficienza renale nel gatto

L’insufficienza renale acuta nel gatto può colpire ad ogni età, portando il felino ad essere abbattuto, senza appetito, apatico, letargico e con un modo di camminare appesantito. In questo caso il gatto urina poco, o addirittura per niente, e possono manifestarsi vomito e diarrea. 

L’insufficienza renale cronica, invece, colpisce soprattutto i gatti anziani ed è il risultato della lenta distruzione delle cellule del rene che non riesce più ad eliminare adeguatamente le tossine che così si accumulano nell’organismo. In questa forma della malattia il gatto è costantemente assetato e urina frequentemente, mangia di meno, può soffrire di vomito o diarrea e ha un alito dal caratteristico odore di urina. 

Dieta casalinga per gatto con insufficienza renale

Abbiamo fin ora visto sintomi e cause di questo fastidioso disturbo, ma cosa può mangiare un gatto con insufficienza renale? La cura di quest’insufficienza viene prescritta dal veterinario e, di norma, si tratta di somministrare al micio alcuni farmaci di cui parleremo in seguito. Alla terapia farmacologica va associata una dieta adeguata per far sì che la salute dal gatto torni alla normalità.

È possibile trovare in commercio dei prodotti specifici per nutrire gatti affetti da questo disturbo, tuttavia è possibile anche preparare in casa dei gustosi pranzetti per i nostri piccoli coinquilini pelosi. 

Cibo per gatti con insufficienza renale

Se il gatto soffre d’insufficienza renale è necessario limitare il suo apporto proteico quotidiano. Per questo motivo la quantità di carne dev’essere limitata, quindi si consiglia di acquistare mangimi di buona qualità specifici per questa malattia. In caso di insufficienza renale nel gatto far mangiare l’animale ogni 2 o 3 ore offrendogli porzioni molto piccole.

Attenzione: Ogni cambiamento di dieta nel gatto deve avvenire gradualmente per evitare eventuali squilibri gastrointestinali. Prima di cambiare alimentazione al gatto consultare il veterinario. 

Terapia per l’insufficienza renale nel gatto

La terapia dell’insufficienza renale acuta nel gatto passa, una volta reperita ed eliminata la causa, per ristabilire il funzionamento normale del rene tramite l’utilizzo di farmaci diuretici (volti ad aumentare la quantità di urina emessa in modo da eliminare più tossine possibili). Inoltre, il veterinario avrà cura di prescrivere per il micio un trattamento sintomatico per far fronte a eventuale vomito e/o diarrea.

In caso d’insufficienza renale cronica non è possibile ristabilire il funzionamento normale dell’organo poiché una parte di esso non è più funzionale. Tuttavia possono essere messi in atto dei trattamenti sintomatici che compensano la perdita di efficacia dell’organo e che permetto al micio di vivere una vita normale. 

Cure naturali per l’insufficienza renale nel gatto

Se il veterinario è d'accordo, è possibile integrare l’alimentazione e il trattamento farmacologico con dei presidi naturali a base di erbe come l’erica (molto diuretica), il ginepro (digestivo) o il tarassaco (noto per le sue proprietà depurative del fegato). Anche l’olio di fegato di Chimera è un prezioso alleato per ridurre infiammazioni e preservare la normale funzionalità renale. 

Aspettative di vita dell’insufficienza renale nel gatto: si può guarire?

Per quanto riguarda l’insufficienza renale nel gatto, se questa patologia viene diagnosticata in tempo, trattata adeguatamente e si seguono gli accorgimenti del veterinario anche per quanto riguarda la dieta del micio, è possibile che il gatto conduca un’esistenza quasi normale. Naturalmente se il gatto è anziano e soffre di altre patologie, come ad esempio la FIV, la guarigione risulterà più difficile.