Instagram

È Natale! Tanti buoni sconto per voi🎄

Pubblicità

Cosa fare quando si vedono due gatti che litigano?

due gatti che litigano in strada advice

Graffi, soffiate e aggressioni. Cosa fare con due gatti che litigano?

© Shutterstock

I gatti che litigano, soprattutto in casa, possono rompere l’idillio familiare. Come comportarsi? Oggi noi di Wamiz affrontiamo questo spinoso argomento e diamo qualche consiglio su come placare i nostri felini.

Di Anna Paola Bellini

aggiornato il 03/09/20, 17:57

I nostri animali domestici non vanno sempre d’accordo. E i gatti che litigano possono essere un fastidio non indifferente, oltre ad essere un pericolo per loro stessi.

Ma come comportarsi se ci si trova nel bel mezzo di una lite felina? Bisogna separare due gatti che litigano? Se sì, come? E quali sono i motivi per cui possono nascere delle faide? È tutto spiegato qui di seguito!

Gatti in casa che litigano? Ecco come giocano i gatti tra loro...

La convivenza tra gatti non è sempre facile… soprattuto perché i nostri amici felini spesso si lasciano andare a delle vere e proprie sessioni di combattimento: si rincorrono, si mordono, ecc...  dando vita a quella che sembra una vera e propria rissa tra gatti. Di fronte a questo quadro poco idilliaco, noi proprietari non sempre sappiamo che fare.

La prima cosa da tenere a mente quando si parla di gatti che litigano è che queste piccole faide sono del tutto naturali, anzi molto spesso questi litigi sono in realtà un gioco.

Per questa ragione la prima cosa da fare è saper differenziare l’attività ludica dal comportamento aggressivo.

Due gatti litigano…per davvero!

I veri e propri combattimenti iniziano con dei lunghi momenti di osservazione e intimidazione durante i quali i due animali si osservano l'un l'altro.

Questi momenti diventano poi molto rumorosi perché sono accompagnati da miagolii e sputi. Il combattimento può finire lì se il più debole si ritira, ma può degenerare in un vero combattimento corpo a corpo.

due gatti sono aggressivi, cercano di mordersi il collo, aggrappandosi violentemente l'uno all'altro. Una sequenza di giochi può finire in conflitto quando uno dei due gatti non vuole giocare o non vuole più giocare.

Perché i miei gatti litigano? Il significato della lite

Quando due gatti (o più) giocano insieme possono assumere degli atteggiamenti ambigui (si inseguono, si mordersi, si azzannano, ecc.) il che può portare a pensare che i due Mici stiano combattendo, ma in realtà non è così.

Al contrario dei conflitti quando giocano, i gatti non hanno dei comportamenti aggressivi: non soffiano sull'altro gatto, non si fanno veramente male a vicenda e non si gonfiano in segno di irritazione.

I nostri felini sono spesso molto giocherelloni. Non è raro che vengano a infastidire gli altri gatti di casa per giocare insieme. Oltre che per gioco, i motivi più frequenti di litigi tra due gatti sono per il territorio e per amore. Vediamo degli utili consigli per questi due casi specifici.

Gatti che litigano…per amore!

I gatti possono anche litigare per amore. È il caso di due esemplari di sesso maschile che si contendono una femmina.

In questo caso la rissa è inevitabile poiché la loro attenzione all’oggetto del desiderio è talmente primordiale e istintiva che proprio niente potrà far sì che si eviti lo scontro. Per evitare di arrivare a delle situazioni del genere è bene castrare il gatto.

Gatti che litigano per il territorio

L'arrivo di un nuovo gatto in casa può rivelarsi fattore scatenante di tensione. I gatti sono animali territoriali e l’”intruso" stravolge le mappe dei territori. Le femmine sono generalmente più tolleranti, mentre i maschi sono i più suscettibili ad un invasione del territorio.

I primi contatti tra un nuovo coinquilino ed un vecchio sono, di solito solo in manifestazioni di fastidio in cui i due esemplari si inseguono, soffiano a vicenda e si scrutano con sospetto. Può capitare che si attacchino, ma poco a poco queste aggressioni diminuiscono fino cessare quando si sarà raggiunto una sorta equilibrio.

A questo punto ogni gatto ha una sua propria zona di influenza in cui può ritirarsi, ma il conflitto persiste e potrebbe, nei casi più estremi portare uno dei due esemplari a diventare la vittima dell’altro e a sviluppare depressione e ansia.

Se la situazione in casa tra i due gatti rimane tesa anche dopo un primo periodo di adattamento chiedere consiglio al veterinario su come comportarsi.

Cosa fare con i gatti che litigano?

Il primo consiglio per ridurre la frequenza di combattimenti tra i gatti in casa e la loro violenza è di giocare con loro.

I benefici ottenuti da queste sessioni di gioco quotidiane sono molteplici:

  1. il primo è un rinforzare il rapporto con i vostri felini;
  2. il secondo è che vi renderete conto voi stessi che quelli che sembrano dei veri e propri combattimenti in realtà sono momenti ludici.

Il secondo consiglio è far sì che ogni gatto in casa abbia i propri spazi e la propria intimità. Provvedere, quindi, a posizionare in casa più ciotole e più lettiere in modo che nessuno possa invadere il territorio dell'altro. 

Come dividere due gatti che litigano?

È fortemente sconsigliato intervenire durante la lotta tra due gatti, per non parlare del tentativo di separarli.

Nella migliore delle ipotesi, i due esemplari sono così concentrati nel combattimento da essere indifferenti a stimoli esterni. Anche se li separate, si corre il rischio che si azzuffino di nuovo. Nel peggiore dei casi, durante l’aggressione potreste ferirvi o diventare l’oggetto di sfogo dei due collerici esemplari.

Alcuni comportamentisti ritengono che l'intervento esterno durante un’azzuffata tra gatti impedisca la risoluzione del conflitto e possa portare a ripetuti scontri e persino a segni patologici di ansia.

Se due gatti si stanno scontrando in maniera molto violenta di consiglia di cercare di spaventarli indirettamente, per esempio provocando un rumore molto forte o spruzzando su di loro dell’acqua con uno spruzzino.

Leggi anche