Shopping per i pet? Passa da qui!

Pubblicità

I gatti hanno il senso del tempo?

gattino-bianco-vicino-a-orologio

Ecco spiegato perché e come i gatti hanno il senso del tempo.

© Shutterstock

Che sia con l'alba, il tramonto o il loro orologio interno, i gatti hanno il senso del tempo. Scopriamo di più sulla percezione del tempo dei gatti.

Di Ilenia Colombo

aggiornato il 08/02/21, 15:38

Ogni giorno, ad orari molto simili, il tuo gatto si mette a miagolare accanto a te. Molto pratico quando ci si dimentica di mettere la sveglia, ma lo è molto meno quando si tratta del fine settimana!

I gatti hanno il senso del tempo, ma com'è possibile? Hanno un orologio nascosto sotto il pelo o sono forse esseri superiori?

I gatti hanno il senso del tempo? Come funziona?

Ecco un’interessante curiosità del mondo dei felini, su i gatti e la percezione del tempo, che coinvolge tanti appassionati e proprietari di animali domestici.

L'alba, il tramonto, i rituali e le nostre e le loro abitudini: ecco spiegato come i gatti hanno il senso del tempo e come funziona l'orologio interno di Micio.

Alba e tramonto: momenti ideali per i gatti per cacciare

Si dice spesso che i gatti siano animali notturni, ma si tratta più di animali dell'alba e del tramonto. I gatti sono stati addomesticati molto tardi e quindi hanno un'eredità recente dai loro antenati, i gatti selvatici.

Anche se hanno appena mangiato, hanno l'abitudine di uscire contemporaneamente alla loro preda, cioè all'alba e al tramonto, per andare a caccia.

La posizione del sole è quindi un punto di riferimento immutabile per i gatti e il passaggio dall'ora solare all'ora estiva non ha praticamente nessun impatto su di loro.

L'alba e il tramonto sono i momenti ideali per andare a caccia. ©Shutterstock

Routine e rituali come punti di riferimento per la giornata

Gli scienziati hanno pubblicato pochi studi sul gatto e sulla sua nozione di tempo, quindi è difficile conoscere i dettagli precisi.

Tuttavia, la maggior parte dei proprietari di gatti ha senza dubbio osservato che il loro animale domestico è venuto a richiedere le crocchette in un momento prestabilito della giornata.

I gatti e gli indizi per orientarsi nel tempo

Sebbene possa sembrare strano, il gatto prende molti spunti dalle nostre azioni quotidiane, senza che ce ne rendiamo conto. I gatti tendono a raccogliere un certo numero di indizi che gli indicano che ora del giorno è.

Ad esempio, i piedi iniziano a muoversi alla fine della notte, un orologio che inizia a battere, il sole che inizia a sorgere. Tutto ciò indica che ti alzerai da lì a poco. I gatti notano e analizzano tutti questi dettagli per orientarsi nel tempo.

Il sole è tra gli elementi che permette al gatto di orientarsi nel tempo. ©Shutterstock

I nostri rituali contribuiscono a orientare Micio nel tempo

Consciamente o inconsciamente, rafforziamo anche alcuni loro comportamenti rispondendo alle loro richieste, ad esempio grattandoli sotto il mento ogni mattina non appena si svegliano.

Sono rituali che abbiamo con i nostri animali e con i quali essi si localizzano ogni giorno per potersi situare nel tempo.

I gatti si orientano nel tempo anche con i rituali. ©Shutterstock

Come percepiscono il tempo i gatti?

Secondo la scienza, i gatti non hanno una percezione del tempo come la nostra. In effetti, le nostre tigri domestiche non si renderebbero conto dello scorrere del tempo, bensì del ripetersi di determinate abitudini.

I gatti si orientano con tutti gli indizi che li circondano, ma anche con il loro orologio biologico come la fame o la sete.

Il buongiorno del gatto si vede dalle fusa, scopri qui perché

Il ritmo circadiano

I felini possiedono una sorta di orologio interno che li guida e che è misurato dal ritmo circadiano (che equivale ad un giorno, 24 ore).

Il senso del tempo nei gatti è scandito da due elementi:

  • Fattori esterni, come ad esempio la luce naturale, gli odori o i rumori.

  • Fattori interni, quali i bisogni fisiologici dell'animale (la fame, la sete, la necessità di uscire in passeggiata).

La distinzione tra periodi brevi e lunghi

Inoltre, alcuni studi sono stati in grado di dimostrare che i gatti sanno anche distinguere i periodi di tempo lunghi e brevi, il che suggerirebbe che i gatti siano effettivamente dotati di un orologio interno.

Questo dimostra che, ad esempio, quando lasciamo il nostro gatto da solo in casa, il felino è capace di percepire se siamo stati via per periodi brevi o lunghi.