News :
wamiz-v3_1

Che razza di cane fa per te?🐶🐶🐶

Pubblicità

Il gatto gioca troppo con l'acqua: i rimedi

Gatto con lingua di fuori beve acqua advice © Pixabay

Il rapporto dei felini con i liquidi può dare qualche grattacapo: come fare, per esempio, se il gatto gioca troppo con l'acqua?

Di Eleonora Chiais

Gatti e gattini hanno ciascuno il loro carattere è se è vero, in generale, che sono pochi i felini che amano i liquidi è vero, allo stesso tempo, che c'è qualcuno che non ha difficoltà ad ammettere che il suo gatto ama l'acqua. Nessun problema, ovviamente. La difficoltà, caso mai, sorge quando il gatto gioca troppo con l'acqua e la zona attorno alla sua ciotola diventa costantemente scivolosa. Come fare, in questo caso? Ecco qualche consiglio.

Gatto rovescia la ciotola dell'acqua: perché

Il gatto gioca troppo con l'acqua? Nella maggior parte dei casi (di per sé comunque piuttosto rari) ci si accorge di questo eccessivo interesse del felino per i liquidi perché il micio di casa assume la (fastidiosa) abitudine di rovesciare la sua ciotola dell'acqua. Perché lo fa? Al di là della curiosità per l'acqua in generale, è possibile che, a spronare il micetto, sia una ciotola dal fondo troppo colorato. Se sulla parte inferiore del contenitore, per esempio, c'è un disegno il gatto potrebbe scambiarlo per una "preda" e lanciarsi nella sua personale battuta di caccia, incurante delle conseguenze.

Come fare se il gatto gioca troppo con l'acqua

Per ovviare al problema della ciotola rovesciata le possibilità sono sostanzialmente due. La prima, più immediata, è quella di sostituire il contenitore incriminato con un modello meno "affascinante" per capire se l'interesse del micio viene meno. In alternativa, e se la prima opzione non dà i risultati sperati, si può provare ad ancorare la ciotola al pavimento di modo da rendere impossibile che il micio riesca a ribaltarla.

Gatti e acqua: odi et amo

In generale, comunque, è bene sapere che alcune razze di gatto sono più propense al rapporto con l'acqua e tra queste ci sono il Gatto d’angora turco (anche noto come Turkirsh Van), il Maine Coon e il Gatto Norvegese. Le tre tipologie di felini, infatti, possono addirittura imparare a nuotare e questa caratteristica - stando agli esperti - potrebbe derivare dalle loro origini in ambienti ricchi di corsi d'acqua che hanno portato gli appartenenti a queste razze ad evolversi per diventare cacciatori migliori.

Leggi anche