Tutti gli annunci di adozione🐶

PubblicitĂ 

Come funziona l’accoppiamento tra gatti?

<p>Alla scoperta dell&#39;accoppiamento tra gatti.</p> advice

Alla scoperta dell'accoppiamento tra gatti.

© Pixabay

Vuoi sapere come funziona l’accoppiamento tra gatti? In questo articolo trovi tutte le nozioni che ci sono da conoscere e da tenere a mente nella stagione dell'amore!

Di Clara Amodeo

Pubblicato il 12/08/20, 17:54

Chi ha un gatto lo sa bene: la sessualità tra i felini è molto impetuosa, non solo nel momento del corteggiamento durante il calore di ambo i sessi, ma anche durante l’atto stesso di accoppiamento tra gatti.

In ciascuna situazione, infatti, la gatta e il gatto sono irrequieti, emettono lunghi e instancabili miagolii, si comportano in modo strano e hanno un vero e proprio ruolo prima, durante e dopo l’atto.

In questo articolo vediamo insieme tutte queste fasi dell’accoppiamento tra gatti, cercando di capire come si fa a individuare due gatti fertili ma, soprattutto, cercando di capire quali sono le dinamiche che colpiscono i felini in questo importante passaggio della loro (e nostra) vita.

Il periodo di accoppiamento tra gatti

Iniziamo facendo un passo indietro: a che età si accoppiano i gatti?

Le gatte femmine raggiungono di solito la maturità sessuale tra i 5 e i 12 mesi, mentre per i gatti maschi bisogna aspettare un poco di più, almeno tra i 9 e i 14 mesi.

I gatti, poi, si possono riprodurre anche in età avanzata, ma solo i più robusti restano attivi anche durante la vecchiaia.

Il periodo del calore nei gatti corrisponde a quando fa più caldo, in generale da marzo a ottobre, e l’accoppiamento tra gatti avviene solo quando la femmina va in calore.

Il calore della gatta

Il calore della gatta può arrivare più volte all’anno nel numero di due o tre cicli di calore, ciascuno di durata variabile compresa tra i 3 e i 20 giorni.

Tra un ciclo e l'altro, poi, possono passare dai 10 ai 40 giorni, durante i quali si possono avere due scenari:

  1. se la gatta si è accoppiata ed è rimasta incinta, allora il ciclo finisce e il suo corpo si prepara per la gravidanza;
  2. si procede finché la femmina non è rimasta incinta.

Non deve dunque stupire il fatto che la gatta si accoppi ripetutamente, né che una stessa gatta abbia rapporti con più gatti: per questo motivo, infatti, nella stessa cucciolata si potranno avere neonati provenienti da una stessa madre ma da padri diversi.

Come si accoppiano i gatti?

La prima fase, come abbiamo detto, è quella del calore: in questo frangente la gatta si rotola per terra, si strofina contro le nostre gambe, fa le fusa più rumorosamente ed è più affettuosa con i padroni. Se viene accarezzata, flette le zampe verso terra piegando la coda, mentre di notte miagola rumorosamente per richiamare tutti i maschi dei dintorni.

Questi ultimi, attratti dalla “chiamata” delle femmine, miagolano a loro volta, iniziano a marcare il territorio, si contendono la gatta e solo il vincitore si accoppierà con lei.

L’accoppiamento vero e proprio dura pochi minuti durante i quali il maschio penetra la femmina realizzando movimenti copulatori.

Al termine dell’atto la gatta miagola e si ribella, questo perché la superficie del pene del gatto è irto di piccole spine, le spicule, tanto che durante l’accoppiamento tra gatti il dolore può essere acuto (e questo spiega sia perchè i gatti urlano quando si accoppiano sia perché i gatti rotolano dopo l'accoppiamento).

Come capire, infine, se la gatta si è accoppiata? Basta controllare il suo comportamento dopo l’accoppiamento: di solito, infatti, dopo essersi allontana dal maschio, si lecca i genitali a lungo, tra uno e sette minuti.

La gravidanza della gatta

A seguito dell’ovulazione indotta dalle specule del pene del gatto, il corpo della gatta inizia a secernere l’ormone LH, a seguito del quale l’ovocita scende dall’ovaio nelle tube di falloppio dove gli spermatozoi saranno pronti a renderlo gravido.

Giunti a questo punto, ci sembra doveroso concludere l’articolo rispondendo ad alcune domande comuni sul tema dell’accoppiamento tra gatti:

  • Un gatto sterilizzato si accoppia? Sì, anche se la sterilizzazione inibisce gli istinti sessuali: in tal caso si parla di “finti” accoppiamenti con gatte o gatti in calore.
  • Può avvenire un accoppiamento tra gatti maschi? Sì, anche se in tal caso non si tratta di un vero e proprio accoppiamento quanto, piuttosto, di un atto di dominazione l’uno sull’altro.
  • Può esserci accoppiamento tra gatti consanguinei? Sì: il gatto è un animale molto prolifico!