Pubblicità

«Da adottare al centro-nord Italia»: la verità dietro gli annunci di adozione

cane in canile con sguardo triste dog-cat-serious

Una situazione alquanto complicata.

© Pongsatorn Singnoy / Shutterstock

In molti si chiedono come mai in numerosi annunci si indica che l'adozione è possibile solo al centro o al nord Italia. Ecco spiegato perché.

Di Ilenia Colombo

Pubblicato il

Capita spesso di leggere annunci di adozioni di cani e gatti nati e cresciuti nel centro-sud Italia e adottabili solo al centro-nord.

Ma perché? In questo articolo analizzeremo un fenomeno che ancora oggi accentua le differenze della nostra Penisola: il randagismo.

La maggior parte dei casi comprende animali presenti nelle regioni centrali e meridionali d'Italia che i volontari delle associazioni animaliste intendono trasferire presso i luoghi del Settentrione.

Ciò in teoria con la speranza di salvarli da un'esistenza triste e pericolosa in canili abusivi e trasandati. Ma c'è molto di più.

Adottare un animale domestico al Nord e al Sud Italia

In numerose regioni del centro sud del Belpaese, esistono purtroppo canili lager e indecenti e il fenomeno del randagismo è completamente fuori controllo.

Regioni in cui vi è ancora una scarsa o assente tutela nei confronti degli animali da parte delle istituzioni.

Tra i tanti annunci di adozione che girano in rete, in particolare in pagine o gruppi ad essi dedicati, nella maggior parte dei casi si tratta di animali che si trovano nel Meridione o che sono stati già trasferiti al Nord.

"Si adotta solo al centro-nord"

Ma perché gli appelli precisano che cani e gatti sono adottabili solo al centro-nord, constringendoli a lunghi e faticosi viaggi - le cosiddette "staffette" - verso una destinazione sconosciuta piuttosto che restare in loco? 

«I cani si mandano al nord perché il sud “fabbrica” randagi e il nord, più ricco, finanzia a sua volta anche l’illegalità sopra descritta», afferma Antonio Colonna dell’Associazione Stop Animal Crimes Italia.

E continua: 

Ma bisogna dirlo: anche al Settentrione ci sono molte strutture abusive, i cani che vanno al nord, paradossalmente, provengono per il 90% da rifugi abusivi».

"Non si adotta in regioni con alto tasso di randagismo"

Un'altra frase comune negli appelli di adozione è anche quella che afferma che non è possibile adottare in regioni in cui il randagismo è assai presente.

Affermazione discutibile poiché, sebbene il sud sia noto per il triste fenomeno del randagismo non significa che non ci siano famiglie pronte ad adozioni consapevoli e che non abbandonino in strada gli animali appena adottati.

Più consapevolezza al sud?

Grazie all'impegno dei volontari di canili e rifugi del Meridione, tale fenomeno sembra diminuire, facendo attenuare la differenza tra nord e sud del Belpaese.

Questo viene reso possibile favorendo le adozioni responsabili grazie, ad esempio, a percorsi di adozione tra adottante e animale con valutazione dell'eventuale compatabilità, la disponibilità degli operatori in caso di problemi con il cane o gatto adottato.

Da Sud a Nord, dovremmo tutti fare uno sforzo per collaborare e perché vi sia davvero un cambio culturale.

La questione economica

Sebbene contribuire ad alcune spese indica un reale interesse per l'animale che si è scelto di accogliere in casa, bisogna tenere in mente delle regole da rispettare.

  • Adottare un cane da un canile locale è un gesto ammirevole che comporta costi nulli o davvero irrisori. L'animale verrà consegnato provvisto di tutto il necessario (libretto vaccinale, scheda sanitaria e spesso viene anche sterilizzato).
  • Al contrario, per le adozioni di animali al di fuori della propria regione, accade che si vengono a creare i presupposti per delle richieste più o meno esplicite di denaro, spesso senza regolari ricevute (costi di trasporto ma anche spese di stalli, vaccinazioni, sterilizzazioni, cure mediche, persino guinzagli o trasportini).
Purtroppo, tra i tanti volontari che operano in buona fede per garantire un futuro migliore ai cani e ai gatti in attesa di trovare famiglia, ci sono anche persone e finte associazioni che lucrano sul fenomeno del randagismo e sugli spostamenti degli animali da una regione all’altra. 

Un giro di denaro che alimenta un sistema illecito di profitti derivanti da attività di ricoveri a pagamento e quindi pensioni abusive spacciate per volontariato.

Come migliorare la situazione?

Solo l'impegno collettivo, la formazione e l'informazione sul proprio territorio riguardo le adozioni responsabili potranno cambiare le cose.

  • Le varie associazioni e i singoli dovrebbero dare una svolta alla gestione di tali strutture e promuovere adeguatamente gli animali in cerca di casa.
  • D'altra parte, le istituzioni dovrebbero sostenere adeguatamente le associazioni animaliste oneste e serie finalizzate al benessere di animali e futuri adottanti.
  • Chi vive nel Settentrione, dovrebbe mettere da parte i pregiudizi e informarsi di più sugli annunci di adozione: oltre a foto e video dell'animale che si intende adottare, occorre «richiedere sempre, in caso vengano richiesti rimborsi economici, che vengano forniti documentati giustificativi delle spese», conclude Colonna.
Cerchi un amico a 4 zampe? Sfoglia i nostri annunci di cani e gatti da adottare!

Lascia un commento
0 commenti
Conferma della rimozione

Sei sicuro di voler cancellare il commento?

Collegati per commentare