Scopri qui se il tuo cane è obeso!🐶

Pubblicità

Quali pettorine per cani scegliere?

Cane che indossa una pettorina advice

Guida alla scelta delle migliori pettorine per cani.

© Pixabay

Pettorine per cani, quali scegliere tra i vari modelli esistenti? Ecco un excursus illustrativo tra le diverse pettorine esistenti sul mercato per una guida all’acquisto consapevole e adatta alle necessità del proprio amico a quattro zampe.

Di Claudia Scarciolla

Pubblicato il 22/07/20, 19:51

Se ci si sta domandando quali pettorine per cani scegliere è importante prendere in considerazione diversi fattori prima di addentrarsi nell’ampio mondo di questi accessori per cani considerati una valida alternativa al collare.

Che differenza c'è tra collare e pettorina?

Per prima cosa è bene fare una distinzione tra il collare e la pettorina. Infatti, entrambi presentano vantaggi e svantaggi d’uso.

Il collare, accessorio che possiamo definire tradizionale, è usato per l’addestramento di tutti i cani e ha come svantaggio quello di comprimere il collo dell’animale quando questo tira.

La pettorina, invece, offre a Fido la sensazione di avere più libertà di movimento, poiché è un’imbracatura indossabile dalle zampe che lo avvolge sostenendolo. Questa permette di avere maggior controllo sull’animale ed è adatta in particolare per cani molto vivaci, anche di piccole dimensioni, esili e con problemi respiratori perché evita il rischio di strozzamento.

Tuttavia, non è uno strumento che, a priori, insegnerà al cane a non tirare e non è detto che venga accettato (almeno non da subito e senza difficoltà) dal cane, indipendentemente dalle sue dimensioni. Ma, qual è il modello di pettorina migliore? 

Quale pettorina per cani scegliere?

Non esiste un unico modello di pettorina. Tre, infatti,sono le tipologie principali che si possono valutare tra i diversi modelli:

  • la pettorina ad X;
  • la pettorina ad H;
  • la pettorina svedese (detta anche ad Y o pettorina per cani norvegese).

A queste si aggiunge anche la pettorina di supporto, dispositivo medico adatto a quei cani malati o anziani. Vediamo le caratteristiche principali di ognuna.

Pettorina ad X

Questo modello prende il cane da sotto le zampe. Utile per la prima educazione del cane a non tirare durante le passeggiate e facile da indossare, questo tipo di pettorina ha come difetto quello di agire sulla postura dell’animale.

Infatti, in trazione con il guinzaglio la pettorina tirerebbe sulle zampe anteriori del cane e di conseguenza provocherebbe problemi non solo alla postura ma anche ai linfonodi sotto le ascelle.

Pettorina ad H per cani

Chiamata anche pettorina romana, abbraccia il cane sia dal collo che dalla parte bassa del tronco.

Ideali per cuccioli, sono considerate tra le migliori pettorine perché non agiscono direttamente sull’animale e sulla sua postura.

Regolabili, lasciano il collo di Fido libero e al contempo hanno una presa, posta al centro del tronco, adeguata a controllare il cane quando, in maniera vivace, tende a tirare al guinzaglio.

Pettorina svedese per cani

La pettorina a Y ricorda molto quelle dei cani da slitta e costituisce il giusto equilibrio tra i due modelli precedenti.

La sua particolarità è quella di avere una fascia che passa sul petto del cane in modo tale da bloccarlo quando tira.

Si adatta più a cani di taglia media e grossa ed è, come quella ad H, una buona alternativa per quei padroni che vorrebbero eliminare il collare con guinzaglio.

Pettorina di supporto

Una vera e propria imbracatura per sollevare il cane in caso di malattia o problemi di deambulazione, questo tipo di pettorina è utile perché non fa altro che sostenere il cane dal tronco lasciando le zampe libere. 

Questi sono i differenti modelli di pettorine che è possibile scegliere in funzione alle dimensioni del proprio cane.

Eventuali accessori, materiali e dettagli estetici, saranno una scelta secondaria da valutare in base al proprio budget di spesa.

Pettorina per cani: come metterla?

Far indossare la pettorina al cane può risultare un’impresa, almeno per le prime volte fintanto che si abitua.

Per evitare che una passeggiata con la pettorina risulti stressante per sé e per il cane stesso è necessario abituare il cane progressivamente a questo accessorio.

Per farlo basterà fargli prendere confidenza lasciandoglielo odorare e studiare, magari con accanto un piccolo snack in modo che associ la pettorina a qualcosa di positivo.

Poi, per le prime volte sarà utile mettergliela non troppo stretta e allontanarsi in modo che prenda confidenza.

Non bisognerà assolutamente sgridare il cane e/o creare una situazione di ansia e stress. Forzandolo a indossare la pettorina non si otterranno i risultati sperati, soprattutto se il cane ha un suo bel caratterino. Il tutto dovrà svolgersi con serenità, come un gioco. 
 
Certo, far mettere la pettorina al cane è più difficoltoso che agganciare il guinzaglio al collare e portarlo a spasso.Tuttavia, nulla è impossibile e la pettorina, per alcuni esemplari è la soluzione migliore.