Instagram

È Natale! Tanti buoni sconto per voi🎄

Pubblicità

Consigli utili per il gatto in appartamento

gatto rosso steso sul divano advice

Tutto quello che c'è da sapere se avete (o pensate di avere) un gatto in appartamento.

© Pixabay

Rispondiamo a tante domande sul gatto in appartamento. Per capire al meglio il nostro migliore amico baffuto e rendere la sua (e la nostra) vita comoda e pratica.

Di Anna Paola Bellini

Pubblicato il 10/01/20, 23:20

La maggior parte dei gattari ha il suo gatto in appartamento. Avere un gatto in casa è un'esperienza unica che tutti (eccezion fatta per i soggetti allergici) dovrebbero fare almeno una volta nella vita, ma come comportarsi al meglio?

Come godere appieno della compagnia del nostro coinquilino baffuto e farlo stare al meglio quando vive in casa? Semplice, conoscendo le sue abitudini e mettendo in pratica i nostri preziosi consigli!

Il gatto in appartamento soffre?

Dipende dall'esemplare. Contrariamente a quel che si può pensare, infatti, molti gatti sono contenti anche in appartamento. Naturalmente, un gattino nato e cresciuto in campagna fino ai dieci mesi non sarà contento di ritrovarsi dall'oggi al domani in un ambiente limitato, ma un Micino di tre mesi si sentirà totalmente a suo agio anche in un appartamento.

È necessario, però, per tenerlo in casa, che l'ambiente (soprattutto se si tratta di uno spazio piccolo) sia organizzato in maniera funzionale per la nostra tigre domestica.

Come tenere un gatto in appartamento?

I felini, è noto, prediligono una vita fatta di routine (non solo di pisolini e pappe) e amano vivere in un territorio ben strutturato, poiché si sentono rassicurati. Ad esempio, se si cambia la disposizione dei mobili tutti i giorni, il Micio rischia di vivere questo cambiamento come uno stress e comportarsi, di conseguenza, in maniera inappropriata.

Non stiamo suggerendo di non fare cambiamenti in casa, anzi qualche piccolo spostamento può avere effetti positivi sugli animali domestici, ma ciò che è importante è saper rispettare gli spazi del vostro gatto. Insomma, se si vuole adottare un gatto che possa vivere in appartamento, bisogna rispettare i suoi spazi e le sue abitudini. Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta.

Gli spazi del gatto in appartamento

All'interno di un appartamento, grande o piccolo che sia, il Micio ha degli spazi (spesso di sua scelta) a lui consacrati. Ecco cosa serve a un gatto:

  1. Uno spazio dove troverà tutto il necessario per il suo ristoro: una ciotola per l'acqua (o ancor meglio una fontanella!) e una per il cibo (anche in questo caso una scodella interattiva può essere una valida alternativa ad una classica ciotola).
  2. Altro spazio sacro è quello dedicato al riposo. Possiamo sistemare cucce sparse un po' ovunque, ma alla fine sarà il gatto a decidere il posto che preferisce per dormire.
  3. Lontano dai due spazi precedentemente citati - e possibilmente in bagno o in veranda - ci sarà lo spazio lettiera. Si tratta di un posto accessibile, in cui il Micio può fare i suoi bisogni sentendosi a proprio agio. Naturalmente, bisogna pulire la lettiera (e gli eventuali residui da essa fuoriusciti) regolarmente: le feci vanno eliminate tutti i giorni con l'apposita palettina e la ghiaia va cambiata (pulendo il contenitore) una volta a settimana.
  4. Altri luoghi di casa importanti sono quello consacrato al tiragraffi (ogni casa dovrebbe averne uno in modo da evitare che il gatto lasci un segno del suo passaggio su ogni mobile) e quegli angoli in cui il Micio può nascondersi se si sente a disagio o ha paura (quando per esempio passiamo l'aspirapolvere, o un estraneo fa il suo ingresso in casa).
  5. Infine, abbiamo lo spazio di caccia che è...tutto il resto della casa! Qui il felino, da bravo predatore, trascorrerà le sue notti e i suoi pomeriggi a saltare a destra e a manca per inseguire una "fantomatica preda" e fare la sua attività fisica quotidiana.

Gatto da appartamento e vaccinazioni

Un gatto che vive in appartamento ha, come è ovvio che sia, meno possibilità di contrarre alcune patologie, ma alcuni virus possono entrare in casa semplicemente trasportati sui nostri indumenti.

Il rischio non è mai zero, per questo motivo è necessario rendere partecipe il veterinario delle proprie abitudini e della vita quotidiana del Micio in modo da poter concordare insieme un piano vaccinale studiato appositamente per il soggetto.

Razze di gatto da appartamento

Abbiamo già chiarito che ogni esemplare di gatto può apprezzare o meno la vita in appartamento. Tuttavia, esistono alcune razze più sedentarie e propense ad adattarsi al meglio ad una vita in casa, come il Ragdoll e il Certosino.

Si tratta di due razze mansuete, giocherellone e affettuose che si adattano perfettamente ad una vita in appartamento a contatto con l'uomo.