Tutti gli annunci di adozione🐶

PubblicitĂ 

Come gestire un gatto che salta ovunque?

gatto-sul-tavolo-e-stoviglie advice

Ecco come gestire un gatto che salta ovunque.

© Pixabay

Avete un gatto che salta ovunque in casa e non sapete come fare per farlo smettere? Ecco tutti i consigli per una convivenza pacifica e amorevole.

Di Coryse Farina

Pubblicato il 20/04/20, 22:41

Se vivete in appartamento, vi sarà sicuramente capitato di avere un gatto che salta proprio ovunque.

Che sia su di voi, sulla cucina, sul tavolo da pranzo o sui mobili facendo cadere vasi e bicchieri nelle credenze: si tratta di un istinto totalmente naturale.

Vediamo dunque quali possono essere le motivazioni che portano il gatto a saltare in casa e come affrontarle.

Come evitare che il gatto salto sui mobili?

In natura il gatto sale e scende dagli alberi, si affila gli artigli sulle cortecce, scruta dall’alto tutto il territorio sottostante e sonnecchia sui rami più alti.

Sono tutte attività di cui necessita per preservare il suo benessere sia fisico che mentale.

Esplorare tutto ciò che si trova in alto serve a mantenere attivo il felino che di conseguenza si sente più rilassato e appagato avendo trovato uno spazio unicamente suo, in cui può starsene in completa serenità.

Per tale ragione, tutti i gatti si servono delle loro prestanze fisiche per saltare ovunque, soprattutto sui mobili più alti.

Da quella posizione, oltre che ad avere uno spazio inaccessibile al resto degli abitanti, utile anche per nascondersi, possono anche tenere sotto controllo tutta la zona.

È necessario dunque, fare in modo che la casa si adatti alle sue necessità: evitate di lasciare oggetti preziosi in bella vista, prediligendo mobili con ante vetrate e chiuse, togliete tutto ciò che adorna la parte superiore dei mobili, consentendo un accesso più facilitato al gatto e fornitegli degli appigli lungo il muro in modo da rendere più sicura la sua scalata.

Gatto che salta addosso

Se avete un gatto che ha tendenza a saltare addosso alle persone, bisognerà capirne prima di tutto la motivazione.

Soprattutto se il gatto è ancora cucciolo ed ha meno di un anno è pressoché normale che vi salti addosso. Fa dei piccoli agguati che talvolta possono ferirvi, ma non si tratta di aggressività.

Se è l’unico animale in casa, voi siete la sua unica fonte di gioco, quindi sarà tentato dal giocare con voi come farebbe con un suo simile.

I gatti, infatti, si fanno gli agguati tra loro quindi, durante le sessioni di gioco, saltandovi addosso riproduce ciò che farebbe con un compagno di giochi.

In tal caso, non esitate a divertirvi con lui, si creerà un’intesa vincente! Assecondatelo e scatenatevi insieme.

Cosa fare se il gatto mi fa male?

Se però, durante queste sessioni-gioco, il gatto dovesse farvi male, non servirà a nulla gridare o punirlo poiché non assocerà il morso o il salto alla punizione.

Rimanete indifferenti, ma smettete subito di giocare. Ogni qualvolta vi darà un morso, andate via noncuranti del gesto, col tempo assocerà il morso alla fine del gioco e non morderà più.

Se invece il gatto salta in modo aggressivo, vi afferra le caviglie o i polpacci e morde con violenza, è probabile che sia per mandarvi segnali.

Vuole sicuramente farvi capire che è arrabbiato, che non gli date abbastanza attenzioni, che può essere affamato oppure si sente annoiato ed ha bisogno di scaricare la frustrazione contro qualcuno.

Non sottovalutate questi segnali e indagate bene sulla causa scatenante. Un gatto infelice può essere aggressivo.

Come per le sessioni di gioco, è assolutamente vietato punire fisicamente l’animale o urlargli contro, al contrario, la reazione migliore è quella di andare via e lasciarlo calmarsi da solo.

Una volta tranquillizzato, provate a capire il perché.

Gatto che salta sul tavolo e sul piano cottura

Anche se considerate i gatti come parte integrante della famiglia è possibile che non vi faccia piacere la sua presenza sul tavolo da pranzo o sul piano della cucina, sia per un fattore igienico che per una questione di pericolo per il gatto stesso.

I peli nel piatto, così come le fiamme del fornello potrebbero essere solo due delle tante motivazioni per cui non vogliamo un gatto che salta sul tavolo.

Per tale ragione è bene cercare di dissuaderlo. La prima cosa da fare, è di evitare categoricamente di dar da mangiare al gatto mentre pranzate o mentre cucinate. Il felino assocerà quel luogo con il cibo e sarà tentato dal saltarvi sopra per averne ancora.

Il modo migliore è quello di servire la razione giornaliera di cibo del gatto mentre siete a tavola. Così facendo sarà occupato a mangiare e non sarà tentato dal saltare sul tavolo.
 
Essendo inoltre molto curiosi, i gatti avranno tendenza a salire sul ripiano della cucina per controllare cosa state facendo.

Un ottimo modo per evitare che salga è quello di posizionargli una mensola alla giusta altezza sulla quale può arrampicarsi e osservare i vostri movimenti senza rischiare di ferirsi.

Munitevi di santa pazienza e ditegli forte e chiaro “No” ogni volta che sta per saltare. Col tempo smetterà di farlo.