Pubblicità

gatto soffre quando il padrone va in vacanza

I gatti soffrono quando andiamo in vacanza o no?

© rebecaml / Poxabay

I gatti soffrono quando andiamo in vacanza? La verità

Di Ilenia Colombo Redattrice | Community Manager

Pubblicato il

Manchiamo ai nostri amici felini quando non siamo nei paraggi? I gatti soffrono quando andiamo in vacanza? Scopriamolo!

I gatti soffrono quando andiamo in vacanza? Questa è una domanda che si pongono praticamente tutti i proprietari di gatti.

Quando hai un animale e devi assentarti per vacanze o altri motivi, è sempre un momento abbastanza complesso. E se non c’è dubbio che un cane soffra l’assenza dei suoi proprietari per i quali sentirà molto la loro mancanza, per quanto riguarda i gatti le cose sono molto meno chiare. Per questo motivo, i felini possono essere spesso vittima di pregiudizi. Cerchiamo di capire se i gatti provano il sentimento della solitudine oppure no quando non siamo in casa.

Il gatto, un animale freddo e calcolatore?

Il gatto è un animale complesso, difficile da comprendere appieno. Questo è anche il motivo per cui ci poniamo molti quesiti come «Il mio gatto mi ama davvero?», «Per lui è importante la mia presenza?», oppure «I gatti soffrono quando andiamo in vacanza?».

Nella quotidianità capita spesso che dopo un'assenza più o meno lunga ci si precipiti verso il proprio amico felino per ricoprirlo di baci e abbracci mentre lui pensa solo a scappare e dedicarsi alle sue varie attività. È quindi difficile sapere cosa prova, soprattutto perché non ci sono molti studi in etologia su questo argomento.

La semplice esperienza personale può aiutarci a rispondere a questo genere di domande. In effetti, ogni gatto ha il proprio carattere e si dimostra più o meno attaccato al proprio padrone.

I gatti soffrono la solitudine?

È possibile che i gatti sentano qualcosa di simile alla solitudine. Sappiamo che i mici possono provare amore quando sono intorno a noi e che sono più che capaci di mostrare affetto sia per gli esseri umani che per gli altri felini. Ma da un punto di vista evolutivo, la solitudine non avrebbe alcun senso per i gatti poiché si sono evoluti per cacciare da soli.

Tuttavia, anche se non abbiamo una base puramente scientifica per la solitudine, sappiamo che i gatti sembrano certamente abituarsi all'esperienza dell'attenzione umana, e quando viene improvvisamente rimossa può sembrare che causino comportamenti che percepiamo come solitudine. Sappiamo anche che i gatti amano la routine e che cambiamenti importanti nelle abitudini di un felino possono causare una vasta gamma di problemi, dai bisogni fuori la lettiera alla toelettatura eccessiva e altro ancora.

Quindi, anche se i gatti probabilmente non sentono la solitudine come noi, se sono abituati a trascorrere del tempo con il loro essere umano preferito e tutto ciò che ne consegue, potrebbero sperimentare qualcosa che possiamo vagamente equiparare alla solitudine quando ce ne andiamo e la routine cambia.

I gatti soffrono quando andiamo in vacanza?

gatto grigio solo in casa
I gatti soffrono quando andiamo in vacanza? Dipende. ©milivigerova / Pixabay

Detto questo, rispondere alla domanda specifica «I gatti soffrono quando andiamo in vacanza?» non è semplice. Alcune persone tendono a pensare che i gatti sono animali distanti e poco socievoli e che quindi non è vero che i gatti soffrono se il padrone va in vacanza. Altre, invece, affermano che sono animali molto sensibili che si legano profondamente alla loro famiglia. Entrambe hanno ragione!

C'è da dire che, nonostante siano autonomi, la maggior parte dei mici hanno delle reazioni ai nostri comportamenti - più o meno marcate - e di coloro che gli stanno intorno, soprattutto se vengono lasciati soli in casa per alcuni giorni.

A tal proposito, sono state pubblicate alcune ricerche che mostrano risultati opposti riguardo il comportamento del gatto, in particolare il sentimento della solitudine e alla mancanza o meno del suo umano.

I gatti soffrono se il padrone va in vacanza o si assenta

Secondo uno studio del 2015 dell’Università di Lincoln, i gatti non sentono la mancanza dei loro proprietari come fanno con i cani. Per un motivo semplice: non sono attaccati a noi allo stesso modo.

... O forse no?

Al contrario, IFLScience ha pubblicato uno studio in cui si afferma che i gatti si sentono infastiditi quando il loro padrone se ne va per un po’. Il che spiega il loro comportamento spesso passivo-aggressivo al ritorno del padrone in questione.

Se questi due studi mostrano risultati diversi sull’argomento è perché la risposta non è una sola!

«Questi due studi sono interessanti per permetterci di comprendere un po’ meglio il gatto - analizza il veterinario Stéphane Tardif -. Analizzando i sentimenti dei gatti durante l'assenza e il ritorno dei loro proprietari, vediamo chiaramente che il gatto ha un carattere piuttosto solitario e indipendente. Ma questi risultati non sono chiari e osserviamo anche gatti che fanno festa, con un lato sociale».

E aggiunge:

«Ciò, infine, conferma la tendenza che sta emergendo oggi nella comunità scientifica per il gatto, e cioè che si tratti di un "solitario opportunista", un solitario che sa approfittare dei momenti socievoli quando ne ha voglia. Il gatto può sentire la mancanza del suo umano, purché sia ​​molto socievole, ma dipende dal suo carattere. Questi studi rivelano come l'etologia non sia una scienza scontata: vediamo come la stessa materia, studiata nello stesso modo, può dare risultati diversi e talvolta anche opposti. E bisogna sapere che l'etologia dei gatti, a differenza dei cani, è agli inizi! Queste conoscenze potrebbero quindi evolversi ulteriormente man mano che si accumulano studi di questo tipo».

Conclusione

La cosa migliore è osservare il modo in cui reagisce Micio. Dopotutto, chi meglio di te può sapere se il tuo gatto ti dimostra affetto al tuo ritorno dal fine settimana? Perché questo comportamento è molto comune nei gatti dopo un'assenza. Tendono a fare le fusa quando ti vedono, il che in qualche modo dimostra che sono felici di rivederti.

In definitiva, tutti i gatti si comportano in modo diverso e ciò che fanno quando torni a casa dipende dalla loro personalità e da come li tratti. Non tutti i gatti sono uguali!

Altri consigli

Cosa ne pensi di questo articolo?

Grazie per il tuo feedback!

Grazie per il tuo feedback!

1 persona ha trovato questo consiglio utile.

Lascia un commento
Collegati per commentare
Vuoi condividere questo articolo?