Scopri qui se il tuo cane è obeso!🐶

Pubblicità

Perché il mio gatto ha fame ma non mangia?

gatto grigio ha fame ma non mangia dalla ciotola advice

Se il gatto ha fame ma non mangia l’odore del cibo riscaldato può incoraggiarlo a nutrirsi.

© Shutterstock

Ci possono essere molte ragioni per cui un gatto ha fame ma non mangia. Oggi scopriamo quali possono essere e come porvi rimedio.

Di Dr Hester Mulhall MA, VetMB, MRCVS

Pubblicato il 15/10/20, 18:13

Come mai il gatto ha fame ma non mangia? Se il gatto non mangia potrebbe darsi semplicemente che non abbia appetito.

Un esemplare inappetente non si sente affamato per qualche motivo (che potrebbe includere nausea, dolore o malattia), ma se il vostro fedele amico baffuto avverte di aver fame e qualcosa gli impedisce di nutrirsi il discorso cambia.

Vediamo, quindi, perché il gatto ha fame ma non mangia e come comportarsi per capire che tipo di problema affligge Micio e come risolverlo.

Il gatto ha fame ma non mangia? I possibili motivi

Se il gatto ha fame ma non mangia le motivazioni possono essere diverse. Ecco di seguito le più diffuse:

  • I problemi paradontali possono essere molto dolorosi e, in casi gravi, addirittura portare il tuo amico a quattro zampe ad essere incapace di nutrirsi.
  • Micio può rivelarsi particolarmente schizzinoso e puo semplicemente non gradire il cibo che gli viene proposto.
  • Nelle famiglie con più gatti l’interazione sociale all'orario dei pasti può causare stress nell’esemplare.

Queste sono solo alcune delle ragioni per cui il gatto ha fame ma non mangia. 

Qualunque sia la causa, se Micio rifiuta di nutrirsi per più di un paio di pasti (o prima se mostra segni di malessere) è necessario chiedere il parere del veterinario.

Non bisogna, infatti dimenticare che oltre al fatto che i gatti acquisiscono aminoacidi essenziali dalla loro dieta, l’inappetenza può essere il segnale di una steatosi epatica (fegato grasso), in particolare nei gatti obesi.

Cosa posso fare se il gatto ha fame non mangia?

Se il gatto ha fame ma non mangia, un primo modo per cercare di invogliarlo a mangiare può essere tentarlo con i cibi di cui è più goloso.

Se questo non dovesse funzionare dopo diversi tentativi, potrebbe essere necessario indagare sulle cause di questo comportamento.

Ci sono alcuni piccoli trucchetti per incoraggiare il gatto che ha fame ma non mangia.

Ingolosire il gatto con il profumo del cibo

L’odore, ad esempio, è un forte stimolatore dell’appetito. Riscaldando il cibo in modo che arrivi a una temperatura non troppo alta è possibile stimolare l’olfatto del gatto inappetente.

Una volta scaldato, prima di proporglielo, testare il cibo al tatto per assicurarsi che non sia troppo caldo.

Incitare con le proprie mani il gatto a mangiare

Se il gatto annusa il cibo ma non mangia, è possibile provare a far mangiare Micio direttamente dalle vostre mani.

Se questo non funziona, potrebbe essere necessario provare alcune opzioni alimentari diverse, come una dieta casalinga per gatti alternativa al solito cibo in scatola. Vediamo come.

Qual è la dieta specifica per il gatto che non mangia?

A seconda della causa dell’inappetenza del gatto, il veterinario può consigliare una dieta specifica. Come spesso diciamo, ogni esemplare è a sé, come pure ogni disturbo.

Per esempio, un gatto con disturbi epatici richiederà una dieta specifica per sostenere la salute dei reni.

Dato che ci sono così tante ragioni per cui un Micio non vuole mangiare, è meglio chiedere un consiglio al veterinario sulla nutrizione e l'alimentazione del gatto che prescriverà per renderla adatta all'esemplare.

E se il gatto continua a non mangiare?

Quando il gatto a fame ma non mangia, potrebbe essere necessario provare a cambiare il suo regime alimentare.

Se avete bisogno di cambiare la dieta del vostro gatto, provate a scegliere un'opzione che sia adatta a stomaci sensibili e cibi facilmente digeribili, poiché un cambiamento improvviso della dieta può causare diarrea.

Quest'ultima situazione potrebbe anche aumentare il rischio di disidratazione. Un gatto che non sta mangiando ha già maggiori probabilità di disidratarsi perché di solito assume una quantità significativa di liquidi dal cibo umido.

Come reintegrare i liquidi? 

Si può provare a far bere il gatto di più offrendogli il liquido di cottura raffreddato dal pollo lesso o dal pesce, perché lo troverà più gustoso e invitante della semplice acqua.

Se la vostra famiglia felina è composta da più gatti, assicuratevi che ci siano in casa abbastanza ciotole di cibo e acqua per ogni gatto: come detto è necessario che ogni esemplare abbia la propria (più una di riserva).

Inoltre, i  Mici di casa potrebbero preferire mangiare in stanze diverse, anche se vanno molto d’accordo.

E se il gatto che ha fame ma non mangia è anziano?

I gatti più anziani sono particolarmente soggetti a condizioni di salute di fondo che possono influire sull'appetito, come le malattie renali, che possono portare a disidratazione e nausea.

Gli esemplari anziani possono anche soffrire di artrite, che può colpire le articolazioni o causare problemi alla mobilità del collo.

Si potrebbe provare a rendere più facile per loro raggiungere la loro ciotola del cibo, sia mettendo una rampa accanto ad essa o sollevando la ciotola del cibo.

Se non siete in grado di tentare il vostro gatto a mangiare o se mostra altri segni di malessere, contattate un veterinario.

Micio, infatti, potrebbe aver bisogno di esami del sangue per cercare segnali eventuali di malattia, anche se, è bene specificarlo, può anche capitare che la causa non sia del tutto nota.

Lo specialista, inoltre, potrebbe consigliare di somministrare flebo endovenose per reidratare l’animale in caso di una significativa disidratazione.

Una volta riacquistati i liquidi perduti, Micio potrebbe riacquistare l’appetito.

Quando parlare con un veterinario?

Se il gatto non mangia da 24 ore o mostra altri sintomi, è necessario contattare un veterinario che può suggerire un appuntamento per un controllo e altri test diagnostici, oppure può consigliare di provare prima qualche altro rimedio in casa a seconda della gravità della situazione.