News :
wamiz-v3_1

Che razza di cani fa per te?🐶🐶🐶

Pubblicità

Gatto anziano non mangia: le possibili cause

gatto anziano non mangia advice © Pixabay

Quando il gatto anziano non mangia, forse potrebbe essere indice di un problema.

Di Anna Paola Bellini

Se il gatto anziano non mangia più, potrebbe esserci un problema, soprattutto se questa abitudine negativa si accompagna ad altri sintomi preoccupanti. In questo articolo vediamo quali sono i possibili motivi per cui Micio non mangia. Non dimentichiamo, però, che in ogni caso è il veterinario a prescrivere la terapia adatta, dopo aver formulato la diagnosi.   

Gatto anziano: i segnali da tenere sotto controllo

Con l’avanzare dell’età il gatto cambia di comportamento. Quando un felino supera i sette anni cominciano, infatti, una serie di mutamenti, non semplici da individuare. Se Micio fa pipì per terra, ad esempio, potrebbe darsi che la lettiera è troppo alta e, a causa delle articolazioni doloranti (a causa dell'età), raggiungerla diventa più difficile. Lo stesso atto, però, potrebbe essere legato ad un’alterazione della funzione renale. 

In realtà arrivato ai 7 anni si considera che un gatto è maturo, mentre quando si superano i 10 lo si comincia a considerare anziano. A questa età i cambiamenti diventano decisamente più visibili: il gatto è più sedentario, ha più difficoltà a spostarsi e a compiere attività, perde il senso dell’orientamento, la qualità del pelo cambia, diventa più apatico (in alcuni casi rifiuta il contatto) e tende a dimagrire e perdere l’appetito. Quest’ultimo segnale può essere allarmante se il rifiuto di cibo si protrae per più di 24 ore. In questo caso è necessario rivolgersi con urgenza al veterinario.

Perché il mio gatto anziano non mangia e non beve? 

Se il gatto anziano non mangia e non beve può voler dire che soffre di una patologia. Quando però, il Micio è malato, questi sintomi sono di solito accompagnati da febbre, vomito, diarrea, letargia, ecc. Il nostro anziano baffuto potrebbe, infatti, soffrire di patologie renali, diabete o avere una qualche forma di tumore. Siccome i sintomi citati sono propri a diverse patologie è necessario rivolgersi al veterinario perché, dopo un’attenta visita, possa elaborare la sua diagnosi.  

Gatto anziano beve molto e non mangia 

Se il Micio invece beve molto, ma non mangia, anche in questo caso bisogna essere attenti ad osservare altri comportamenti inabituali. Siccome i nostri felini non sono dei grandi bevitori, quando aumenta la quantità di liquido ingerita (soprattutto se non accompagnata da cibo) potrebbe essere indizio di un’insufficienza renale, di problemi intestinali o, ancora, potrebbe essere in atto una pancreatite. Anche in questo casa è il parere del veterinario a poterci orientare sulla patologia e la relativa cura.

Gatto anziano all'improvviso non riesce a camminare e non mangia 

Se il gatto oltre a non mangiare e a non bere all’improvviso non riesce a camminare, la situazione potrebbe essere davvero grave, soprattutto quando si tratta di un gatto anziano. Potrebbe infatti trattarsi di una patologia neurologica; in questo caso recarsi immediatamente da veterinario. 

Motivi per cui il gatto non mangia

Se il gatto non mangia i motivi possono essere diversi:

  • problemi legati all’alimentazione;
  • problemi di salute;
  • problemi psicologici.

Per cercare di capire quale di questi sia quello giusto bisogna, innanzitutto, tenere d’occhio la sua scodella per accertarci di mettere in atto un’igiene alimentare impeccabile. Ecco qualche consiglio:

Le scodelle (di acqua e cibo) devono essere lavate quotidianamente (eventuali resti precedenti possono disgustare il gatto) e devono essere situate in un luogo pulito in cui il gatto possa mangiare con calma. Se Micio mangia delle crocchette e ne lascia regolarmente qualcuna, non esitare a proporgli delle quantità ridotte, per evitare che i resti si ossidino. La transizione da un alimento ad un altro (se si decide di cambiare marca di cibo, ed esempio) può spingere il gatto a rifiutare di nutrirsi. Ogni cambiamento di dieta dev’essere fatto gradualmente, integrando poco a poco il nuovo alimento e sorvegliando la reazione del Micio.

Anche la temperatura degli alimenti può influire sulla voglia di mangiare del gatto: i nostri amici baffuti non amano mangiare cibo freddo. Lasciar la pappa fuori dal frigo prima di servirla (o scaldarla leggermente) può invogliare il felino a nutrirsi.
I problemi di salute che possono essere legati a questa inappetenza sono, invece, dolori dentali, febbre, difficoltà respiratorie, palle di pelo nello stomaco, diabete, artrosi o uno stato depressivo che può causare anoressia. Anche un cambiamento di ambiente o l’arrivo in casa di un nuovo animale domestico possono influire sull’appetito del Micio.