News :
wamiz-v3_1

Che razza di cani fa per te?🐶🐶🐶

Pubblicità

Gatti obesi: rimedi e prevenzione

Gatti-obesi-ecco-tutti-i-rimedi-la-prevenzione advice © Pixabay

Stando sempre chiusi in casa, i gatti tendono ad essere sedentari. Non è difficile dunque, trovare dei gatti obesi. Ecco quali sono i rischi, i rimedi e la prevenzione da adottare.

Di Coryse Farina

È sempre più frequente vedere gatti obesi. La vita sedentaria e solitaria, limitata spesso alle quattro mura di un appartamento, fa sì che i nostri animali tendano ad accumulare sempre più peso senza rendersene conto. Non è dunque raro confrontarsi con padroni di gatti cicciottelli che chiedono consigli al proprio veterinario per rimediare o prevenire questo problema e ritrovare le corrette abitudini alimentari.
 
Sebbene i gatti obesi risultino più teneri e morbidi da accarezzare, l’obesità non va sottovalutata poiché provoca numerosi problemi di salute. Diventa dunque necessario stabilire un piano alimentare più adatto per ritrovare il peso ideale, prima che sia troppo tardi.
 
Il peso forma di un gatto varia di razza in razza, il Maine Coon, ad esempio, può sfiorare anche i 9 chili, ma per un gatto normale in genere si aggira tra i 2,5 ed i 4,5 chili.
Un gatto, che sia anche solo lievemente al di sopra di questo peso, necessita imperativamente di una dieta riequilibrata che lo aiuti a dimagrire.

Come capire se il gatto è obeso?

Rendersi conto di quando un gatto è obeso non è difficile. Potrete notarlo benissimo ad occhio nudo o, per aiutarvi, potreste compararlo con delle foto risalenti ad anni addietro.
 

  1. La vita dell’animale deve essere sottile e poco visibile guardandolo dall’alto. 
  2. Osservate poi i suoi movimenti. Se sono agili e performanti non c’è motivo di preoccuparsi, se invece fatica a saltare o non riesce a leccarsi per bene, significa che c’è un problema.
  3. Accarezzate, inoltre, l’animale e provate a sentire le costole del suo torace. Se non riuscite a trovarle al tatto o si tratta di un gatto obeso, oppure è probabile che il vostro animale abbia altri problemi di salute come l’ascite.

Se notate uno di questi sintomi o non riuscite proprio a vedere differenza tra il prima e il dopo, è bene portare il gatto dal veterinario per un controllo di routine. Il vostro veterinario di fiducia provvederà a pesarlo su una bilancia apposita e dirvi se è il caso di intervenire o meno.

Cosa causa l’obesità nei gatti?

Le ragioni per cui il vostro gatto diventa obeso, possono essere molteplici, e spesso e volentieri non è colpa sua.

Alimentazione sbagliata o scadente

I gatti sono animali carnivori. Una dieta ricca di carboidrati e zuccheri non può essere somministrata ai felini. Non solo è dannosa per la salute del gatto, ma può essere anche mortale.
È dunque di primordiale importanza, fare attenzione a che il gatto abbia una dieta equilibrata e adatta al suo organismo. Proteine, verdure e frutta sono indispensabili alla sua sopravvivenza, quindi non esitate a dargli carne, pollo, carote, cetrioli, broccoli etc.

Se invece, al posto di un’alimentazione fai da te, optate per delle crocchette industriali per gatti obesi, è bene assicurarsi che siano di ottima qualità e che non contengano troppi grassi e sale.
 
Oltre alla qualità del cibo, è importante anche il metodo di somministrazione. È preferibile dare più pasti al giorno, che lasciare l’animale a digiuno per 12 ore e ritrovarlo affamato al pasto successivo.

Somministrate più pasti al giorno, in piccole quantità e soprattutto, nonostante sia difficile, è necessario che non cediate alle richieste del vostro micio.
Soprattutto le prime settimane di dieta, tenderà a miagolare reclamando cibo con insistenza. Non lasciatevi intenerire dai suoi occhioni, lo state facendo per il suo bene.

È beninteso che sono da vietare anche tutti gli spuntini fuori dal pasto.

Scarsa attività fisica

I gatti possono dormire per circa di 2/3 della giornata, ma ciò non significa che non amino le lunghe passeggiate e l’attività all’aperto.
Se avete un gatto in appartamento, avrà tendenza a riposarsi sugli allori e adottare un atteggiamento pigro e pantofolaio. È quindi necessario invogliare e stimolare il vostro gatto a muoversi quotidianamente.

Scegliete il suo gioco preferito e incitatelo a saltare, arrampicarsi e correre su e giù per la casa. L’esercizio fisico vi permetterà di instaurare un legame ancora più forte col vostro amico e lo aiuterà a perdere peso.
Se non avete il tempo di giocare con lui quotidianamente, esistono numerosi giochi come un tiragraffi che potrebbero stimolare il vostro micio.

Sterilizzazione

Oltre che sull’azione ormonale, la sterilizzazione dei gatti influisce anche sul loro metabolismo. Numerosi studi, come il Postoperative complications of elective surgeries in dogs and cats determined by examining electronic and medical records. Journal of the American Veterinary Medical Association 208, 1882-1886  del medico veterinario F. Pollari (1996), hanno confermato l’ipotesi che la sterilizzazione influisca sulla secrezione dell’ormone tiroideo, che gestisce e regola il metabolismo del gatto, come quello dell’uomo.

Una riduzione di questo ormone, potrebbe influire dunque sul metabolismo e rallentarlo di gran lunga. Il fabbisogno calorico del vostro animale, tende dunque a diminuire. Se gli fornite sempre le stesse quantità di cibo, vi è il rischio che lentamente tendi ad ingrassare.
Avrete sicuramente notato sugli scaffali dei negozi per animali, numerose crocchette studiate proprio per i gatti sterilizzati, è dunque bene apportare degli accorgimenti.

Ipotiroidismo

Legato alla sterilizzazione, anche l’ipotiroidismo potrebbe provocare l'aumento del peso del vostro animale. Si tratta di una patologia che colpisce la tiroide e gli impedisce di produrre gli ormoni necessari all’organismo. Tra i quali anche quello che gestisce il metabolismo. Non riuscendo a metabolizzare bene il cibo, il gatto tenderà ad ingrassare.

Consultate un veterinario per prendere in considerazione questa ipotesi.

Gatto obeso: come farlo dimagrire?

Una volta accertatosi della causa del problema del vostro amico a quattro zampe, è bene agire tempestivamente con una dieta per gatti obesi.
Un gatto obeso va incontro a numerosi problemi che potrebbero essere mortali.
Tra questi, i più comuni sono:

  • l’artrite,
  • la lipidosi epatica,
  • il diabete,
  • la mancanza di fiato,
  • problemi cardiaci,
  • colesterolo.

Per evitare tutto ciò, è bene sin dalla nascita provvedere ad un’alimentazione sana ed equilibrata, all’esercizio fisico e alle visite veterinarie per escludere patologie.
 
Se invece il vostro gatto è già obeso, bisognerà capire come farlo dimagrire e iniziare con una dieta. Per qualsiasi cambiamento nell’alimentazione del vostro felino, è sempre necessario parlarne prima con un veterinario. Saprà indicarvi il percorso giusto per il vostro gatto, in base alle caratteristiche che lo delineano.

Esercizi per gatti obesi

I gatti hanno uno stile di vita abitudinario quindi, se da un giorno all’altro volete farlo muovere più del normale, non prenderà molto bene questa vostra decisione. L’ideale sarebbe iniziare con del gioco, per circa 10/15 minuti al giorno, ed aumentare gradualmente.

Il tutto non deve risultare una costrizione oppure il gatto andrà via a nascondersi su qualche armadio, lì dove non riuscirete a prenderlo. Fate in modo che sia dunque tutto un gioco, vi aiuterà a solidificare anche il vostro legame.

Voi stesso

Siete infatti voi la fonte di stimolo più grande. Puntate sulle vostre capacità, per invogliarlo a giocare con voi. Fingete di essere la sua preda e lasciate che vi catturi!

Oggettini rumorosi

Scegliete dei giochi che fanno rumore, come dei tappi o dei campanellini e degli oggetti che emettono luci e suoni. Riusciranno a catturare l’attenzione del gatto più di un semplice peluche. 

Le scale

Prendete ad esempio dei cetrioli, dei broccoli o dei piselli. Oppure qualsiasi verdura salutare che adora il vostro gatto. Disponete un piccolo pezzo di verdura ogni due o tre gradini delle scale.
Pur di mangiarli, il gatto salirà e scenderà le scale quante volte vorrete.

Le altezze

Un altro metodo interessante è posizionare gli oggetti di cui si serve quotidianamente, in posti alti. In tal modo, il gatto sarà costretto a saltare per mangiare, bere o fare i suoi bisogni.

La caccia al tesoro

Potrete inoltre spargere per casa i suoi oggetti preferiti. Mettete i suoi giochi in diverse stanze, ciò lo costringerà a muoversi per tutta casa per riportarli nella sua cuccia.

Un compagno di giochi

Se ne avete la possibilità, l’idea migliore è di adottare un compagno di giochi per il vostro animale. In tal modo sarà tentato dal giocare insieme al nuovo arrivato, facendo così esercizio fisico.

In questo caso, è bene tenere a mente che non tutti i gatti vogliono un fratellino. Prima di integrare un nuovo membro in famiglia, verificate bene che il gatto ne voglia la compagnia. 

Tiragraffi

Un ottimo modo per salvaguardare tende e divani e far muovere il vostro animale è il tiragraffi. Tutti i mici ne hanno bisogno e adorano giocarci. Per invogliarlo a salire, sono perfetti i tiragraffi a più piani.

Ruota per gatti

Un po come quella dei criceti, esiste la ruota per gatti. Oltre che a mantenere snello e in salute il vostro gatto, la ruota lo aiuta a rilassarsi ed eliminare l’accumulo di stress.

Evitate invece le lucine laser. Anche se sembrano divertenti, portano a stress e frustrazione, dato che il gatto non riesce ad arrivare al suo obiettivo.