Tutti gli annunci di adozione🐶

Pubblicità

Quali sono i prodotti per non far fare pipì ai cani?

Cane che fa pipì advice

Ecco i prodotti per non far fare pipì ai cani.

© Pixabay

Prodotti per non far fare pipì ai cani? Un rimedio eccellente per educare il cane quando l’addestramento non è sufficiente e il cane ormai è già adulto per disabituarlo a fare pipì ovunque. Vediamo insieme di cosa si tratta e quando usarli.

Di Claudia Scarciolla

Pubblicato il 06/06/20, 21:44

I prodotti per non far fare pipì ai cani sono forse l’ultimo rimedio possibile per educarli correttamente a non urinare dove non dovrebbero.

Sebbene è sempre meglio iniziare la sua educazione già in tenera età, per evitare di fargli prendere cattive abitudini (e vizi) poi duri a morire, i disabituanti per cani sono un valido aiuto per padroni ormai disperati!

Non si tratta affatto di prodotti nocivi per la salute nostra, degli animali domestici e dell’ambiente (ovviamente non sono veleni) ma servono a dare indicazioni precise al cane attraverso l’olfatto che per i cani e altre specie animali, come i gatti, è un importante mezzo di comunicazione.

Vuoi saperne di più sull'olfatto dei cani? Leggi qui!

Prodotti per non far fare pipì ai cani, dove si usano?

Se ancora non si conoscono, i prodotti per non far fare la pipì ai cani possono essere utilizzati:

Ma perché i cani si ostinano a far pipì un po’ ovunque se non sono stati educati?

L’urina è un mezzo di comunicazione per i nostri amici a quattro zampe. Esso viene utilizzato per marcare il territorio e, dunque, per lasciar traccia di sé in un luogo.

Nel caso in cui il cane sia in calore, poi, ed è maschio, la minzione diventa, tra altri comportamenti piuttosto irrequieti, un modo per dimostrare la propria disponibilità all’accoppiamento.

Come comportarsi quando il cane fa pipì in casa?

Pulire la pipì del cane o gestirne gli odori non è gradevole per noi umani. L’educazione del cane e il suo addestramento, già da piccolo, è il mezzo migliore per apprendere a Fido a fare la pipì fuori casa, durante le passeggiate.

Tuttavia, se il cane soffre di una patologia a livello renale, di diabete, se è stressato o ha una mancanza emotiva è possibile che manifesti il suo malessere urinando o defecando ovunque si trovi, anche in posti in cui non dovrebbe.

In tali casi, con l’aiuto del veterinario o dell’addestratore è bene capire ciò che il cane vuol comunicarci per risolvere il problema all’origine e dunque per ristabilire gli equilibri.

Mai e poi mai, però, punire il cane quando fa i bisogni in casa (o in altri luoghi dove non deve), con la forza o violenza. Solo con pazienza e magari qualche aiuto come qualche prodotto per non far fare pipì, si risolverà il problema!

Disabituante per cani: tipi e modalità d’utilizzo

Quando la pazienza ormai è agli sgoccioli è l’ora di usare un disabituante. Si tratta di prodotti naturali di solito a base di oli essenziali in grado di inibire il cane a fare pipì.

Questi prodotti hanno un odore gradevole all’uomo e, come già accennato, hanno l’obiettivo di comunicare attraverso gli odori un messaggio al proprio cane. 

In commercio ci sono tantissimi tipi di repellenti per cani naturali. Basterà chiedere consiglio al proprio veterinario o negozio di animali di fiducia il prodotto migliore da usare.

In alternativa, se lo si desidera si potrà creare il proprio repellente per cani casalingo con odori che i cani non sopportano

Repellente per cani fai da te

Le soluzioni casalinghe sono molto facili da reperire. Si può optare per un mix di aceto e bicarbonato o di acqua e pepe bianco o pepe di Cayenna da spruzzare in casa. Ma anche una soluzione fatta di aceto e succo di limone potrebbe essere efficace.

Per l’esterno si possono fare seccare dei fondi di caffè con dell’alcool per poi metterli in giardino, per esempio, in un sacchetto proprio dove il cane è solito andare a far pipi.

E ancora piante di lavanda o eucalipto e in generale i profumi, anche quelli di aglio e cipolla, sono dei disabituanti efficaci.

Insomma le strategie da utilizzare sono molte basterà non utilizzare ammoniaca o altri agenti chimici nell'ambiente o direttamente sull’animale.

In ogni caso, prima di agire, è sempre meglio chiedere consiglio al proprio veterinario di fiducia, tuttavia, non bisognerà desistere da un’educazione costante e coerente che è sicuramente il rimedio più efficace.