Instagram

È Natale! Tanti buoni sconto per voi🎄

Pubblicità

Elenco di spiagge per cani in Sardegna dove fare il bagno con Fido

Cane sulla spiaggia advice

Elenco di spiagge per cani in Sardegna per un'estate 2020 da trascorrere tutta con Fido!

© Shutterstock

È il momento di prenotare per le vacanze, rigorosamente insieme a Fido. Ecco per voi l’elenco delle spiagge per cani in Sardegna in questa estate 2020. Sempre all’insegna della sicurezza.

Di Anna Paola Bellini

aggiornato il 08/07/20, 18:38

Con la bella stagione che sembra ormai aver preso il sopravvento sulle più miti temperature primaverili, arriva anche il momento di pensare alle tante sognate vacanze. Quest’anno ancor di più.

Per aiutarvi nella scelta delle migliori mete per trascorrere l’estate con Fido abbiamo deciso di consacrare diversi articoli alle più belle battigie nostrane. Naturalmente Pet Friendly.

Così dopo le spiagge campane e i consigli per portare Fido in vacanza ai tempi del Covid, oggi con l’aiuto del sito-community viaggiconilcane.com, vi parliamo della spiagge per cani in Sardegna in questa estate 2020 all’insegna della sicurezza.

In seguito, grazie a Sara Colzani, ideatrice del sito precedentemente citato, entreremo nello specifico dell’organizzazione della partenza insieme a Fido con un focus sui viaggi in compagnia di un esemplare un po’ in là con gli anni.

Legge sui cani in spiaggia in Sardegna

Prima di entrare nel dettaglio, però, è necessario ricordare il regolamento per i cani in spiaggia della Sardegna.

Come ormai è noto, infatti, non esistono delle direttive del Governo a questo soggetto e quindi ogni Comune o Regione provvede da sé a dare anno per anno delle direttive precise sulla possibilità di far accedere i cani in spiaggia.

Divieto cani in spiaggia

Nell’Ordinanza balneare del 3 aprile 2020, la Regione autonoma della Sardegna vieta espressamente l’accesso ai cani in spiaggia durante la stagione balneare estiva.

Fatta eccezione per le unità cinofile da salvataggio, i cani guida per i non vedenti o «dedicati alla terapia da affezione (ad esempio i cani salvavita per diabetici) muniti delle certificazioni di legge ed i cani condotti al guinzaglio dal personale addetto alla sorveglianza degli stabilimenti balneari nelle ore di chiusura».

Il non rispetto di questo divieto rischia una multa da 100 a 1000 euro. Però, si precisa, in seguito che

«prima delle ore 8:00 del mattino e dopo le ore 20:00 della sera, sarà permesso il transito e la possibilità di trattenersi con il proprio cane, in tutte le spiagge del territorio regionale».

Questo vuol dire che in determinate ore è possibile accedere a tutte le spiagge, naturalmente avendo cura di rispettare le norme igienico-sanitarie e raccogliere le deiezioni dell’animale.

Esistono, però, delle strutture specifiche per far sì che Fido possa trascorrere la giornata in spiaggia con il proprio padrone. L’Ordinanza sopra citata si applica alle spiagge che non siano dichiaratamente aperti ai cani.

Elenco delle spiagge per cani in Sardegna

Ecco, quindi, di seguito, un elenco delle spiagge in Sardegna in cui i cani sono i benvenuti:

  • In provincia di Cagliari: Spiaggia di Sa Canna, Spiaggia di Prumari, Spiaggia del Poetto, Spiaggia di Quartu, Tiliguerta Dog Beach.
  • In provincia di Sassari: Bau Beach, Spiaggia di Fiume Santo, Spiaggia di Maria Pia.
  • In provincia di Olbia-Tempio: Baia delle Mimose, Doggie Beach Caprera, Lu Postu, Porto Fido, Spiaggia di Costa Caddu, Spiaggia delle Saline, Spiaggia di Razza di Juncu.
  • In provincia di Oristano: Abarossa.
  • In provincia di Nuoro: La Caletta Dog Beach, S’Abba Meica.
  • In provincia di Carbonia-Iglesias: Sant’Anna Arresi, Stabilimento Ochia.
  • In provincia di Ogliastra: Spiaggia di Zaccurru.

Naturalmente, consigliamo comunque di contattare il Comune in cui ci si sta rendendo in vacanza per accertarsi della possibilità di accesso con Fido in spiaggia.

La Sardegna non vi convince? Ecco le spiagge per cani in Liguria!

In vacanza con il cane in Sardegna (e non solo!)

Sara Colzani si è lanciata 5 anni fa in un progetto che ancora oggi va a gonfie vele. Si tratta di una community online (e offline!) che condivide esperienze, consigli ed itinerari per viaggiare al meglio con il proprio 4 zampe.

Come nasce quest’idea?

«Da prima nasce come blog - spiega Sara - per raccontare le esperienze (vacanze, week end, gite fuori porta) fatte con Zoe, la mascotte di Viaggi con il cane (VCC).

Da questo poi si è sviluppata in una vera e propria agenzia viaggi specializzata, abbiamo creato un network di strutture e agenzie convenzionate, centri cinofili, educatori e veterinari….quello che differenzia VCC è la “garanzia” che è stato “testato” da Zoe o da uno dei nostri partner che conosciamo personalmente».

Ma non è tutto. Il sito ha anche organizzato molti eventi di aggregazione per «diffondere un nuovo modo di vivere con il cane, nel rispetto di tutti sia delle esigenze del cane stesso secondo le sue attitudini di razza, sia della famiglia umana sia degli altri».

E proprio per questo sono stati messi in atto anche «dei corsi di educazione civico-cinofila per diffondere concetti base di cinofilia per avere una pacifica convivenza anche con chi il cane non ce l’ha».

Che tipi di vacanza è possibile fare con il cane?

Sulla risposta a questa domanda non ci sono dubbi per Sara: «qualsiasi tipo di vacanza a patto che sia a misura del cane stesso e della sua famiglia umana».

È possibile, infatti, ormai fare veramente di tutto con il proprio compagno a quattro zampe.

La regola resta però solo una: il rispetto. «Se ho un Golden Retriever - continua Sara - che ama l’acqua e il mare, sarà perfetta una vacanza dove posso avere un hotel o appartamento veramente dogfriendly, vicino alla spiaggia dove si possa fare il bagno anche con il cane, dove posso trovare una doccia di acqua dolce dove sciacquare il cane a fine giornata e nei dintorni avere un parco/un prato dove posso portarlo a fare i bisogni e a rilassarsi all’ombra».

Organizzare al meglio la partenza con il cane

Anche in questo caso è il rispetto e la conoscenza di Fido a farla da padrone! «Cercare sempre di pensare a quali sono le esigenze reali di ognuno in modo che la vacanza trascorra serena per tutti».

«In vacanza poi è sempre bene portare tutti gli “effetti” del peloso come la cuccia, i giochi, gli snack preferiti, borraccia sempre per l’acqua, ma soprattutto una volta arrivati sul luogo di villeggiatura, fargli prendere confidenza con il posto e non lasciarlo solo nei primissimi momenti perché ha bisogno di adattamento, e lo può trovare solo con il suo umano: il centro del suo mondo».

E se il cane è anziano?

Alcuni padroni hanno timore di spostarsi insieme ad un esemplare un po’ in là con gli anni, ama in realtà viaggiare anche con un cane anziano è possibile. 

«Ovviamente a patto che non abbia patologie che lo impediscano e che si rispetti sempre di più i suoi tempi e che si provveda a cercare per esempio un alloggio adatto alle sue esigenze: senza scale oppure con un giardino privato».

Vacanze anti-Covid col cane 2020

«Passata la quarantena - consiglia Sara - direi sempre mantenere il più possibile le sue abitudini: portarlo spesso fuori e visto che siamo in estate ormai prediligere le ore più fresche del mattino e della sera».

E come comportarsi in spiaggia?

«Come dimostrato ampliamente i cani non trasmettono il virus, per cui più che per loro, devono essere per noi le accortezze del distanziamento.

In questa ottica ancora di più è importante avere il controllo del cane, non farlo stare in aree cani affollate. Ovviamente evitare qualsiasi comportamento nocivo alla sua salute, come disinfettare le zampe con agenti chimici».

La Sardegna è troppo affollata per i vostri gusti? Provate le spiagge per cani in Toscana!