News :
wamiz-v3_1

Attenzione alle strade roventi!!!☀🔥

Pubblicità

Rogna del cane: sintomi e cure

Cane disteso sull'erba advice
© Pixabay

Quali sono i sintomi e le cure della rogna del cane? Te le spieghiamo in questo articolo! Non perdere neanche un secondo, cura subito il tuo Fido!

Di Nina Segatori

La rogna è uno delle malattie che più preoccupa i proprietari di un cane, ma in realtà non solo è facilmente riconoscibile e quindi prontamente diagnosticabile, ma è anche possibile sconfiggerla senza gravi conseguenze. L’importante è rivolgersi sempre ad uno specialista, che possa stabilire la terapia adatta a debellarla con facilità e avere pazienza e qualche accortezza in più rispetto al solito.

Rogna canina

Si deve distinguere tra due tipi di rogna, che presentano diversa sintomatologia e differenti cause: sono quella sarcoptica e la demodettica, meglio conosciuta come rogna rossa.

La prima colpisce cani di tutte le razze e di ogni età, si trasmette facilmente anche a l’uomo e per questo deve essere fatta molta attenzione, sia all’igiene personale di cane e zona in cui vive, sia alla comparsa di sintomi, che se riconosciuti in tempo, permettono la possibilità di evitare un eventuale contagio.

La rogna rossa invece, colpisce i cani che hanno già un quadro clinico complesso. L’acaro che la causa è naturalmente presente nella pelle del cane e quando l’animale è debilitato da altri tipi di malattia l’equilibrio epidermico cambia e l’acaro attacca la cute.

Come si prende la rogna nel cane?

In base alla tipologia di rogna contratta ci sono diverse cause. Entrambe si prendono per colpa di un acaro, ma sono di differenti tipologie. La rogna sarcoptica si contrae stando a contatto diretto con soggetti malati, ma difficilmente frequentando lo stesso ambiente, anche se i luoghi affollati, i canili, le tolette e le zone piuttosto sporche possono essere a rischio. La rogna rossa, invece, è causata dall’acaro demodex canis, che vive sulle pelle del cane e quando le difese immunitarie dell’animale si abbassano questo colpisce alterando l’equilibrio epidermico. Non è aggressiva come la prima, ma sicuramente molto fastidiosa ugualmente.

Sintomi della rogna nel cane

La rogna porta con sé dei sintomi molto riconoscibili. Di solito da un fortissimo prurito che arriva a far sì che il cane a forza di grattarsi si crei delle ferite; inoltre si presenta con crosticine sulla cute, alopecia in alcune zone del corpo, come orecchie, petto, zampe e coda. In caso di rogna rossa i sintomi sono meno pesanti. Il prurito, infatti, è più contenuto o del tutto assente, le alopecie sono quasi assenti o meno frequenti e la zona colpita è principalmente il muso e il naso. Quando compaiono questi sintomi nel cane è bene guardare accuratamente le zone colpite e poi rivolgersi tempestivamente il veterinario. La rogna, infatti, si cura facilmente e si risolve in breve tempo, soprattutto se presa tempestivamente.

Come si cura la rogna del cane?

Innanzitutto per una buona terapia e la giusta cura bisogna individuare quale tipo di rogna ha contratto il cane. Questa diagnosi può farla solo un bravo veterinario, quindi evitare di ricorrere a ipotesi e cure fai da te senza un consulto medico. La prima cosa sarà quella di applicare all’animale il collare elisabettiano, in modo che non possa raggiungere le parti colpite da rogna per grattarle o morderle. Così si eviterà il contagio di zone sane e il peggioramento di quelle malate. Inoltre ogni caso è diverso da un altro quindi solo il veterinario potrà stabilire se ci sia la necessità di ricorrere a una terapia antibatterica o antibiotica, come nel caso in cui la rogna sia complicata da un'infezione batterica.

Nella rogna sarcoptica sarà obbligatorio, non solo curare il cane, ma anche disinfettare l’ambiente in cui vive e nel caso visitare anche gli altri cani che convivono con lui ed eventualmente estendere anche a loro la terapia. Essendo questa malattia molto contagiosa, bisogna prendere tutte le dovute precauzioni e ripulire completamente ogni possibile oggetto o essere colpito. Non ci vorrà molto, ma solo tanta accortezza e pazienza. I tempi non sono lunghi, ma per ristabilirsi del tutto al cane servirà qualche mese, soprattutto per quanto riguarda la ricrescita del pelo e la sua completa guarigione.