Pubblicità

Le 5 regole da seguire su come conservare il cibo per cani

cibo secco per cani

Come conservare il cibo per cani? 

© April Turner / Shutterstock

Come conservare il cibo per cani correttamente evitando la formazione di muffe, irrancidimento e deterioramento? Ecco 5 semplici regole!

Di Flavia Chianese

Pubblicato il

Acquistare scorte di cibo per i nostri 4 zampe può essere molto conveniente da un punto di vista economico, ma per non far sì che un affare si tramuti in un cattivo investimento, è necessario conoscere le regole su come conservare il cibo per cani correttamente.

Il rischio è quello di offrire a Fido un cibo scaduto senza rendercene conto. 

Come conservare il cibo per cani?

Scegliere un’alimentazione bilanciata e di ottima qualità per il nostro animale è la prima regola per tutelare la sua salute, ma dal momento in cui la confezione viene aperta, è necessario seguire degli accorgimenti per impedire il deterioramento degli alimenti.  

Ecco 5 regole per la conservazione corretta del cibo per cani. 

1. Usare un contenitore adatto

Prima di tutto, dovremmo procurarci uno speciale contenitore chiuso che non permetta al cibo di invecchiare e perdere il suo sapore, preferibilmente vetro, metallo o una speciale plastica adatta al contatto per alimenti.

La scelta del contenitore giusto per la conservazione del cibo per cani aiuterà a proteggerlo dal deterioramento e dall'ingresso di insetti.

2. Richiudere sempre la confezione

La conservazione degli alimenti in un sacchetto aperto, a contatto con l’aria, favorisce il processo di ossidazione, attraverso il quale i grassi iniziano a irrancidirsi e le vitamine e gli ingredienti naturali perdono le loro proprietà. 

3. Scegliere un luogo fresco e asciutto

Come conservare il cibo per cani è spesso riportato anche sulla confezione: “da conservarsi in luogo fresco e asciutto e lontano da fonti di calore”. Dunque anche quando la confezione è ancora chiusa, evitiamo di posizionare il sacco vicino a fonti di calore, come termosifoni o la luce solare diretta. 

Nonostante il ridotto contenuto in acqua delle crocchette favorisca una miglior conservazione rispetto al cibo umido, anche il cibo secco si deteriora con il tempo, a causa dell’ossigeno e dei fattori esterni. 

4. Scegliere un luogo riparato

Il cibo esposto attira insetti e batteri, ma anche e soprattutto roditori. Questi possono provocare un duplice danno, sia consumando l’alimento, sia infettando il mangime di feci e urine che potrebbero veicolare pericolose malattie a Fido. 

5. E l'umido? In frigo per 2 giorni

Se invece fornite al vostro cane cibo umido, come scatolette, è importante riporle in frigo dopo averle utilizzate e consumarle in un paio di giorni, anche se l’ideale sarebbe usare scatolette in un formato compatibile con la razione quotidiana del nostro animale, per garantirne la freschezza e l’appetibilità.

Se conservate l’alimento in frigo tiratelo fuori almeno un’ora prima di servirlo al cane in modo da servirlo a temperatura ambiente. 

Qual è la più grande minaccia per il cibo secco per cani?

  • Roditori: sono una delle cause più comuni di deterioramento degli alimenti. Inoltre, possono causare infezione al nostro quadrupede. La malattia batterica più comune di questo tipo è la leptospirosi, che si verifica a seguito del contatto di un cane con l'urina di un roditore.
  • Insetti: possono comparire quando il cibo non è conservato correttamente. Maggiore è la temperatura nel luogo in cui viene conservato il cibo per cani, maggiore è il rischio che gli insetti siano attratti dai nutrienti contenuti nel cibo per cani. Gli insetti depongono le uova nel cibo, per poi schiudersi in larve.
  • Acari e muffe: si sviluppano prevalentemente in ambiente umido. Gli acari, che somigliano a granelli di polvere, possono portare allo sviluppo di allergie e irritazioni. Le muffe, a loro volta, producono tossine, che possono lentamente avvelenare l'organismo portando allo sviluppo di pericolose malattie per il cane.

Ulteriori consigli su come conservare il cibo per cani

  • Scegli una stanza asciutta, buia e fresca con una temperatura relativamente costante (18-20°C) e senza umidità.
  • L’ideale è la conservazione del cibo in contenitori chiusi ermeticamente che rallentano notevolmente l’ossidazione degli alimenti.
  • Tenere il cibo sui ripiani superiori dell'armadio, non direttamente sul pavimento.
  • Acquistare la quantità ottimale di cibo per cani. Non fare troppe scorte, perché più a lungo si conserva il cibo, maggiore è il rischio di parassiti e insetti. Si consiglia di acquistare prodotti che durino circa un mese.
  • Se si conserva una grande quantità di cibo secco per cani, segnare la data di acquisto. Questo permetterà di trovare facilmente il cibo più vecchio da utilizzare per primo. 

Quanto tempo si possono conservare i croccantini per cani?

Dopo l’apertura della confezione, il cibo secco per cani si conserva (chiuso) per circa 4-6 settimane. Trascorso questo tempo la possibilità che si sviluppino muffe e batteri dipende da come e dove è stato conservato, e in parte anche dalla percentuale di grassi contenuti nell’alimento. 

Attenzione perché non sempre il cibo andato a male è riconoscibile: meglio prevenire conservandolo correttamente!

Lascia un commento
0 commenti
Conferma della rimozione

Sei sicuro di voler cancellare il commento?

Collegati per commentare