Migliora la vita dei pet cliccando qui!

Pubblicità

I cani percepiscono il pericolo? (Video)

cane-percepisce-il-pericolo

I cani percepiscono il pericolo? Tutta la verità.

© Celiafoto / Shutterstock

Se ci troviamo in ​​una situazione pericolosa, i cani percepiscono il pericolo oppure no? Cosa provano davvero? Ve lo raccontiamo in questo articolo.

Di Ilenia Colombo

aggiornato il 24/08/21, 17:35

La risposta alla domanda se i cani percepiscono il pericolo sembra ovvia per la maggior parte delle persone che vivono con un cane.

Fido, infatti, reagisce a situazioni pericolose ed esprime la sua preoccupazione al riguardo. Sembra anche chiaro che non misuri tutti i rischi nello stesso modo in cui lo facciamo noi.

Tuttavia, a volte osserviamo casi di salvataggio incredibili che mostrano animali altruisti che sembrano non aver paura di nulla. Cosa provano veramente? Il cane sente davvero l'odore del pericolo? Scoprilo in questo articolo.

I cani percepiscono il pericolo: mito o verità?

La risposta corretta non è così semplice come un sì o un no. Tanto per cominciare perché sarebbe pretenzioso voler sapere come gli animali percepiscono il mondo in generale e il pericolo in particolare. La conoscenza, in questo senso, avanza molto velocemente, ma restano molti punti misteriosi, come il senso dell'olfatto, impossibili da studiare.

In secondo luogo, perché la nostra conoscenza del comportamento canino non ci permette ancora di sapere di cosa l'animale è realmente consapevole al punto da assicurare con certezza che i cani percepiscono il pericolo.

E non solo, i cani salvano anche dal pericolo! Ecco i cani medical detector!

Come gli animali percepiscono il mondo

Per comprendere appieno come un animale percepisce il mondo, è importante interessarsi ai suoi sensi e alla sua cognizione.

Riceve informazioni attraverso i diversi sensi che possiede (vista, udito, olfatto, tatto...). In seguito, il suo cervello analizza queste informazioni e quindi il cane produce i suoi ragionamenti e i suoi comportamenti.

Qualsiasi animale, alla nascita, ha pochissimi comportamenti innati, generalmente il minimo per sopravvivere (riflesso di suzione, riflesso di eliminazione...). Successivamente, grazie all'apprendimento, potrà evolversi nel suo ambiente e adattarsi.

Scopri il linguaggio del corpo dei cani per capirli più che mai!

Il cane può percepire la morte grazie ai suoi sensi?

Un animale impara molto rapidamente a differenziare le cose che lo circondano, seguendo i suoi sensi.

Questo si può osservare molto bene con i bambini: esplorano gli oggetti e tutto ciò che incontrano attraverso i loro sensi. È così che imparano a distinguere le cose "buone" per loro, da quelle "cattive".

È importante sottolineare che questo spiega le differenze tra gli individui. Ogni essere vivente, a seconda delle proprie esperienze, avrà i propri modi di fare e preferenze. E, soprattutto, i criteri che determinano ciò che è bene o male per lui sono specifici di ogni individuo.

Pertanto, non possiamo ancora dire se i cani percepiscano o meno la morte. 

E la nozione di pericolo?

È su questo punto che gli scienziati sono bloccati: sappiamo più o meno quali sono le caratteristiche che un essere umano dà al suo ambiente per definirlo.

Ma per un cane possiamo solo indovinare, perché non siamo in grado di metterci al suo posto per vedere il mondo come lui. È come chiedere a un non vedente di descrivere i colori...

Per misurare come i cani percepiscono il pericolo possiamo solo osservare la loro reazione e interpretarla secondo la nostra percezione (che è comunque fonte di errore, anche se ci aiuta ad orientarci), ma soprattutto in relazione al resto delle sue reazioni.

Perciò, il concetto di pericolo come lo concepiamo è una nozione complessa, che implica gli apprendimenti che l'animale non ha senza cadere nei dettagli relativi al sesto senso del cane.

Dovremo distinguere due casi:

  • Pericolo reale: un pericolo è uno stimolo che minaccia direttamente l'animale. Si misura dalle conseguenze che comporta: lesioni, sofferenze...
  • Rischio: questa nozione viene spesso confusa con il pericolo, ma è leggermente diversa. Il rischio è il prodotto del pericolo, dalla probabilità che si verifichi. È un'analisi più subdola, che tiene conto dell'intensità del pericolo e lo incrocia con la possibilità del suo verificarsi.

Con questa distinzione, ci rendiamo subito conto che la seconda nozione, il rischio, richiede un po' più di analisi.

Principalmente il cervello si proietta nel futuro e ne analizza le conseguenze in base alle probabilità che queste hanno di verificarsi. Il cervello esegue questo tipo di analisi continuamente, anche nel caso degli animali: ogni scelta richiede una valutazione di rischi e benefici.

Come analizza il pericolo il cane?

I cani percepiscono il pericolo, ma sono meno competenti nel misurare il rischio: possono trascurare fonti di pericoli che a noi sembrano enormi (come camminare vicino a un vuoto) e reagire in modo eccessivo a stimoli meno pericolosi (come i petardi o i fuochi d'artificio).

E possiamo capire perché: il cane riconosce un pericolo quando ha già avuto una brutta esperienza. Può anche avere paura se percepisce stimoli intensi o  agendo per innato timore dell'ignoto.

Molto spesso, la situazione stessa è pericolosa e l'animale reagisce con cautela o addirittura scappa. La paura che prova il cane dipende, in larga misura, dalle sue esperienze e dal suo apprendimento. Riconosceremo un cane poco avventuroso per il suo comportamento in situazioni insolite o intense. E si possono anche sperimentare fenomeni traumatici, con fobie che si innescano, più o meno giustamente, in relazione al pericolo.

Leggi qui i 10 comportamenti del cane che bisogna conoscere

Come reagisce il cane al pericolo?

Questo è il punto più emozionante perché, sebbene l'animale non sia consapevole di ciò che sta facendo moralmente parlando, ci dà la possibilità di effettuare osservazioni incredibili.

In particolare il cane, che è un animale sociale che vive in gruppo e mostra molti comportamenti collaborativi. Possiamo osservare, ad esempio, segni di allerta collettiva, come l'ululato o il lamento dei cani, o quando si aiutano a vicenda. Questi segnali, che i cani tendono a scambiarsi ascoltandosi, si verificano in situazioni eccezionali, come i rumori forti.

Al contrario, è anche tipico che un cane reagisca in risposta a un potenziale pericolo, senza accorgersene. Ma sono i comportamenti individuali i più impressionanti (e anche i più difficili da interpretare), come i tanti esempi di salvataggio. È una caratteristica tipica dei cani riuscire ad avere empatia e percepire l'angoscia degli altri individui.

Questo video esemplifica ciò che diciamo:

Come percepiscono il pericolo gli altri animali?

Questi comportamenti sociali si osservano normalmente nel regno animale: madri che proteggono la loro prole, a volte sacrificando la propria vita. Ad esempio, vedere un uccello allontanare un gatto dal suo nido: il volatile vede il pericolo che il felino rappresenta per i suoi piccoli ed è capace di correre rischi irragionevoli.

Ciò che è raro e abbastanza specifico per i cani è la loro capacità di cooperare con specie diverse dalla propria.

Tuttavia, questo tipo di comportamento collaborativo è tipico di un cane che vive vicino all'uomo che soddisfa i suoi bisogni primari.

Ma va ricordato che non perché un animale mostri empatia è consapevole che sta mostrando empatia. E non se i cani percepiscono il pericolo sono davvero consapevoli di tutte le conseguenze. Il più delle volte, quello che fanno è avere paura dell'ignoto.