Tutti gli annunci di adozioneūüź∂

Pubblicità

Quando preoccuparsi se c'è sangue nelle urine del cane?

cane-fa-pipi advice

Quando preoccuparsi se si vede sangue nelle urine del cane?

© Pixabay

Hai riscontrato del sangue nelle urine del cane? Grazie al nostro aiuto potrai capire quando è il caso di preoccuparsi e come risolvere il problema del tuo amico a quattro zampe.

Di Nina Segatori

Vedere il sangue nelle urine del cane è sempre una cosa che preoccupa molto, ma che in realtà può essere risolta facilmente e non sempre indica qualcosa di grave.

Ci sono varie patologie e motivazioni, infatti, che hanno come sintomo tracce di sangue nei liquidi corporei e le domande sono tante. Perché c’è sangue nella pipì del mio cane? Devo preoccuparmi?

Per fugare ogni dubbio è sempre meglio rivolgersi tempestivamente al veterinario, ma non è il caso di allarmarsi eccessivamente e prematuramente. Ecco tutto quello che c’è da sapere.

Perché il cane urina sangue?

Quando il cane urina sangue la sua pipì assume un colorito rosato o, al contrario la macchia di sangue è ben visibile, ma solo un po’ allungata dalla pipì. In ogni caso non è difficile distinguere chiaramente quando c’è qualche goccia di sangue nelle urine.

Proprio perché spesso e volentieri si nota facilmente, il problema fortunatamente riesce molte volte ad essere diagnosticato in tempo, di qualunque entità esso sia.

Se da una parte, infatti, il sangue nelle urine può indicare un disturbo passeggero e non grave, dall’altra può essere il sintomo di qualcosa di più serio e profondo di cui è solo il campanello d’allarme. Grazie a questo, quindi, può essere diagnosticato presto e il più delle volte risolto favorevolmente.

A fare la differenza, spesso, è anche il sesso del cane: se femmina, infatti, e vicina al periodo del calore, allora il sangue non deve assolutamente preoccupare, mentre se è maschio c’è sempre una causa che è bene esaminare al più presto con il veterinario.

Quando è presente sangue nelle urine del cane non si deve mai prendere la cosa sotto gamba o sottovalutarla, anche se non è indice di patologie serie. Le analisi del sangue, delle urine e una visita veterinaria fugheranno ogni dubbio e toglieranno dubbi e paure.

Quando preoccuparsi se il cane urina sangue?

Il cane ha la cistite!

Le cause possono essere diverse. Tra le più comuni c’è la cistite, di cui il sangue nella pipì è uno dei sintomi più riconoscibili, insieme al dolore durante la minzione e la frequenza con cui il cane ha bisogno di urinare.

Diffusa più nelle femmine che nei maschi, soprattutto subito dopo il periodo del calore, indica un’infiammazione della vescica causata da un’infezione batterica nel tratto urinario.

Per diagnosticarla serve un test ad hoc, che escluda altre cause.

Il cane ha i calcoli renali!

Altra cause di sangue nelle urine è la presenza di calcoli renali, che provocano facilmente dolore durante la minzione e irritazione della vescica, che tende a sanguinare.

Una visita con ecografia potrà accertarne la presenza, grazie alla quale il veterinario potrà stabilire la giusta terapia.

Il cane ha problemi alla prostata!

Nei cani maschi c’è la possibilità che la presenza di sangue nelle urine, indichi un problema alla prostata, soprattutto in quelli non castrati.

Quindi, oltre al sangue, c’è anche sforzo e dolore durante la minzione, affaticamento e malessere generale.

Il cane è stato avvelenato!

Causa ben più grave è l’avvelenamento. Se il cane ha ingerito un boccone avvelenato o mangiato qualcosa di tossico può perdere sangue non soltanto nell’urina, ma anche da altre parti del corpo, come bocca o naso.

In questo caso bisogna rivolgersi subito al veterinario.

Altri tumori

Ci sono altre patologie gravi, come un tumore all’intestino o alla vescica per cui il sangue nelle urine è uno dei sintomi. 

Solo il veterinario, dopo visite accurate ed esami specifici, effettuerà una diagnosi o escluderà malattie specifiche.

Cosa fare se si trovano tracce di sangue nelle urine del cane?

Dipende dalle cause, ma la prima cosa è sempre e tassativamente rivolgersi al veterinario per una diagnosi seria e professionale, abbandonando l’idea del fai da te.

In caso di cistite dovuta al calore del cane, basterà aspettare qualche giorno per vedere se passa da sola, altrimenti bisognerà rivolgersi al medico che prescriverà un’antinfiammatorio e un antibatterico.

Per i calcoli renali, dopo varie visite, si capirà se basta una terapia medicinale o se sia il caso di eliminare i calcoli attraverso un’operazione di rimozione.

Solo il veterinario potrà stabilire la reale necessità, valutata anche la storia clinica del cane, il suo stato di salute generale e la sua età.

Per malattie più serie o problematiche gravi non c’è da disperarsi prematuramente. Con le giuste cure anche le patologie di una certa entità possono essere curate, ma soprattutto prese in tempo.