Instagram

È Natale! Tanti buoni sconto per voi🎄

Pubblicità

Allergia ai gatti neri: realtà o ulteriore pregiudizio?

donna con allergia ai gatti neri advice

Esiste una specifica allergia ai gatti neri?

© Shutterstock

L'allergia ai gatti neri è una credenza aggiuntiva legata al mito del gatto nero o è un fatto scientificamente provato? Ecco la risposta.

Di Ilenia Colombo

Pubblicato il 17/11/20, 14:56

Si dice che i gatti scuri causino più allergie rispetto ai gatti con pelo chiaro. Ma è davvero così? O l'allergia ai gatti neri è un ulteriore pregiudizio sui felini dal manto corvino?

Prima di rispondere a questa domanda scopriamo cos'è e come si manifesta l'allergia ai gatti.

Cosa significa essere allergici ai gatti?

Quasi il 10% della popolazione (adulti e bambini) soffre di allergia ai gatti. I nostri amati felini possono essere quindi causa di fastidiose reazioni con sintomi da lievi a più gravi.

A differenza di quanto si possa pensare, l’allergia ai gatti non è causata dal pelo del gatto, bensì da una proteina allergenica che l’animale secerne: la proteina Fel d1.

I gatti producono questa sostanza, che è contenuta nelle squame cutanee (la pelle morta), nella saliva e nell’urina. Quando il gatto si lecca durante la toeletta, deposita questo allergene sul pelo (lungo o corto che sia), per questo motivo si parla (erroneamente) di allergia al pelo del gatto che causa, nei soggetti predisposti, una reazione allergica.

Quali sono i sintomi di un’allergia al gatto?

Le persone allergiche ai gatti presentano sintomi non trascurabili. Ecco i principali disturbi che sono cause delle allergie ai felini:

  • starnuti frequenti, naso chiuso o che cola, gola infiammata: potrebbero indicare una rinite allergica;
  • occhi arrossati, lacrimazione eccessiva o prurito agli occhi potrebbero essere indice di una congiuntivite allergica;
  • l’asma allergica invece si presenta con difficoltà respiratoria e tosse frequente;
  • infine, anche l'orticaria e l'eczema, sono tra i sintomi di un'allergia al gatto dei casi più gravi.

Adesso che abbiamo capito il funzionamento dell'allergia al gatto, cerchiamo di rispondere alla seguente domanda: è possibile presentare un'allergia ai gatti neri?

Allergia ai gatti neri: esiste?

Per alcuni scienziati, il pelo scuro del gatto tende a provocare con maggiore probabilità (dal doppio al quadruplo di possibilità) una reazione allergica nelle persone predisposte.

Ma un altro studio ha dimostrato che non c'era differenza in base al colore del mantello. Niente è mai tutto nero o tutto bianco!

Ulteriori studi hanno rilevato che è invece il sesso del gatto ad avere una certa influenza sul rischio di allergia.

Al momento non esiste quindi una risposta alla domanda se l'allergia ai gatti neri sia realtà oppure no.

I gatti maschi producono più allergeni delle femmine

Se sono ancora in corso le ricerche sui rischi di allergie in base al colore del mantello, è stato invece dimostrato che il sesso del gatto ha un'influenza significativa sulla causa delle allergie.

I gatti maschi producono più allergeni delle gatte femmine, quindi se tendi ad essere allergico ai gatti, lo sarai ancora di più in presenza di un esemplare di sesso maschile.

Le gatte quindi producono meno allergeni rispetto ai gatti maschi, ma non è ancora chiaro se il colore del manto influisca o meno nello sviluppo di un'eventuale allergia al gatto.

Tuttavia, anche le razze di gatti incidono sulla quantità di proteine allergeniche prodotte dall'animale.

Come ridurre i rischi di allergia al gatto?

Se si è predisposti all'allergia ai felini non è necessario rinunciare a loro! Per ridurre al minimo il rischio di allergia ai gatti, oltre ad assumere eventualmente medicinali - dietro consulto medico - specifici per contrastare le allergie, è necessario intraprendere alcune semplici azioni quotidiane.

Adatta la tua casa al gatto

Una volta adottato e portato a casa il gatto, possiamo ridurre gli allergeni in diversi modi. Per fare ciò è importante tenere pulita la casa:

  • passando regolarmente l'aspirapolvere per rimuovere i peli depositati dall'animale;
  • cambiando regolarmente la lettiera;
  • provvedendo all'installazione di filtri per la depurazione dell’aria.

Sebbene questi passi non sostituiscano un controllo medico, sono fondamentali per combattere l'allergia al gatto

Adotta i giusti riflessi col tuo gatto

Alle persone allergiche che non vogliono rinunciare ad una vita insieme ad un meraviglioso felino, consigliamo di adottare i seguenti accorgimenti da applicare direttamente al nostro amico a quattro zampe:

Esistono quindi diversi modi per vivere in tutta tranquillità con il nostro amico felino, bianco, nero o di qualunque altro colore sia!