Scopri qui come nutrire i cuccioli!

Pubblicità

Come avviene la nascita di un gatto? Ecco il parto di Micia

mamma-gatta-con-gattino-appena-nato

La nascita di un gatto è sempre un momento magico!

© Orhan Cam / Shutterstock

La nascita è un fenomeno davvero affascinante, indipendentemente dalla specie animale. Ecco tutto quello che c'è da sapere sulla nascita di un gatto.

Di Ilenia Colombo

Pubblicato il 06/05/21, 21:00

Il parto, sebbene sia un evento unico e meraviglioso, è uno dei momenti più pericolosi nella vita di una madre: c'è sempre il rischio che qualcosa vada storto e che metta a rischio le vite della genitrice e della sua prole.

In questo articolo parleremo di come avviene la nascita di un gatto e quali sono i rischi ad essa associati. Possiamo aiutare una madre in travaglio? Quali problemi possono sorgere durante il parto? Come aiutare mamma gatta a partorire? Scopriamolo insieme!

Quali sono i sintomi dell'imminente nascita di un gatto?

La gravidanza di una gatta dura poco più di 9 settimane e la sua durata può variare leggermente. Dipende, tra l'altro, da fattori come il numero di feti o la predisposizione individuale.

La ricerca del posto sicuro

Quando la gravidanza di una gatta è giunta al termine, l'animale cerca una tana adatta e sicura dove possano nascere i suoi cuccioli.

Sentendo il parto imminente, la futura mamma trascorre sempre più tempo dentro il luogo che lei reputa sicuro. E il giorno del parto, cerca di non uscire dalla tana.

Cambiamenti nell'atteggiamento

Le gatte che sono emotivamente attaccate ai loro proprietari e hanno grande fiducia in loro, spesso, durante la gravidanza, diventano più amichevoli nei loro confronti. Può anche accadere che alcune di loro scelgano il letto del loro umano come "sala parto" perché pensano che sia il posto più sicuro della casa.

Può capitare che più si avvicina la nascita di un gatto, più la nostra amica a quattro zampe diventa ansiosa. Capita spesso che perda l'appetito nonostante abbia mangiato enormi quantità di cibo durante la gravidanza.

Anche se non vuole mangiare, la felina potrebbe aver tanta sete, quindi dovremmo ricordarci di fornire sempre una ciotola di acqua fresca a sua disposizione (fondamentale anche per produrre latte di qualità).

Cambiamenti nel corpo

Nell'ultima fase della gravidanza, le ghiandole mammarie aumentano di volume in modo significativo per produrre latte sufficiente per la prole che presto nascerà. Prima della nascita, si potrebbe notare anche una fuoriuscita del latte dai capezzoli.

Qualche giorno prima del parto, inoltre, puoi notare l'abbassamento del ventre di Micia: prima sporgeva di più ai lati per poi penzolare verso il basso. Questo è un chiaro sintomo che la nascita del gatto si sta avvicinando rapidamente!

Scopri qui qual è l’alimentazione corretta della gatta in gravidanza

Come avviene il parto di una gatta?

Può volerci molto tempo, anche una giornata intera, dai primi chiari segni del travaglio all'inizio del parto.

La fine della gravidanza e l'inizio del travaglio sono indicati da:

  • il nervoso movimento della futura mamma nella tana,
  • respirazione rapida,
  • contrazioni della cervice e dilatazione,
  • frequenti e intense leccate al ventre o a zone circostanti.

Quando nascerà il primo gattino?

Il primo gattino dovrebbe venire al mondo fino a due ore dopo che il liquido amniotico si è rotto. Non appena il cucciolo arriva al mondo, la madre inizia a leccarlo a fondo e mastica nel frattempo il cordone ombelicale.

La gatta inoltre lecca in modo particolarmente intenso il viso, la pancia e l'area intorno all'ano e ai genitali del cucciolo appena nato. Poco dopo la nascita di un gatto, la felina espelle e mangia la placenta.

E gli altri cuccioli?

I cuccioli successivi nascono a circa mezz'ora di distanza, il che non è sempre il caso. Gli intervalli tra la nascita dei singoli cuccioli possono essere più brevi o più lunghi, a volte anche molto lunghi. Capita, non molto spesso, che una gatta che partorisce "si prende una pausa" della durata di mezza giornata o addirittura di una giornata intera!

Un'interruzione del travaglio in una gatta dovrebbe aumentare la vigilanza, perché può significare problemi.

Tuttavia, se il nostro animale domestico si comporta normalmente, non dà l'impressione di soffrire e sta alimentando con calma la prole già nata, non dobbiamo farci prendere dal panico.

Un tenero gattino appena nato! © Asta Vainore / Shutterstock

Quanti gattini può partorire una gatta?

Una cucciolata media di gatti è composta da tre a cinque cuccioli. Certo, ce ne possono essere più o meno: uno, otto, undici (come questa super mamma felina)!

Un fatto interessante è che il numero di cuccioli è determinato geneticamente, il che può essere confermato dal fatto che alcune razze tendono a dare alla luce più prole - ad esempio i Siamesi - altre più piccole - ad esempio i Persiani.

Quali problemi possono verificarsi durante il parto della gatta?

Ogni nascita di un gatto comporta dei rischi. Tra le possibili complicazioni possiamo citare:

  • perdita di pressione,
  • blocco del feto nel tratto genitale,
  • cordone ombelicale avvolto attorno al collo del cucciolo,
  • distacco prematuro della placenta o mancata espulsione,
  • troppa stanchezza della mamma gatta, che non ha la forza di prendersi cura dei neonati,
  • feti nati morti o gattini che muoiono poco dopo la nascita.
Fortunatamente, questi non sono problemi molto comuni. Tuttavia, per ogni evenienza, vale la pena avere un numero di telefono del veterinario a portata di mano.
Mamma gatta insieme ai suoi cuccioli: un amore! ©Anna Krivitskaya / Shutterstock

Si può fare compagnia a mamma gatta dopo il parto?

! Contrariamente a quanto si crede, in questo momento importante, le nostre tigri domestiche sono molto felici di accettare la compagnia dell'umano di cui si fidano.

Ad esempio, le gatte randagie che partoriscono, sono spesso accompagnate da altre femmine, solitamente imparentate a loro, che fungono da ostetriche!

La nostra presenza, parole dolci e carezze possono essere di supporto per la madre felina. Questo è particolarmente importante per le femmine che partoriscono per la prima volta, quindi non hanno esperienza e potrebbero sentirsi ansiosi.

Per andare oltre: La convivenza tra mamma gatta e gattino è una buona idea?

Spesso pensiamo che dare alla luce un micio sia puramente istintivo. Tuttavia, non sempre è così. Se è vero che le gatte hanno una conoscenza innata di ciò che devono fare, è vero anche che senza pratica possono commettere degli errori.

Il comportamento della gatta cambia dopo la nascita dei gattini?

Sì, una gatta cambia il suo comportamento dopo il parto, ma questo non significa che diventerà aggressiva nei confronti dei suoi proprietari. Potrebbe capitare che diventi più nervosa, il che è comprensibile, perché deve prendersi cura non solo di se stessa, ma anche della sua prole.

Ecco svelati tutti i segreti del parto di Micia e della nascita di un gatto!

Hai una domanda sulla salute o sul comportamento del tuo gatto? Chiedi aiuto sul nostro Forum!