Scopri qui come nutrire i cuccioli!

Pubblicità

Come capire se il gatto ha la febbre?

gatto con febbre su muretto

Oggi ti spieghiamo come capire se il gatto ha la febbre.

© Pixabay

I mici hanno una temperatura interna normalmente più alta rispetto all'uomo ma non sono immuni da episodi febbrili. Ecco come capire se il gatto ha la febbre.

Di Anna Paola Bellini

aggiornato il 08/02/21, 15:38

La temperatura corporea di mici e micetti è - normalmente - un po' più alta rispetto a quella degli esseri umani, ma anche loro possono andare incontro a fastidiosi episodi febbrili.

Molti padroni di amici a 4 zampe si chiedono come capire se il gatto ha la febbre: è bene sapere prima di tutto che, in uno stato di normalità, il termometro dovrebbe aggirarsi attorno ai 38 gradi per gli adulti e ai 39 gradi per i cuccioli e che quindi ci si dovrà preoccupare solo quando la colonnina di mercurio supererà questa temperatura.

Come capire se il gatto ha la febbre senza termometro?

I sintomi più comuni di un gatto con la febbre, che può portare anche episodi febbrili, si rispecchiano più che altro nel comportamento dell'amico a quattro zampe.

Se il gatto malato ha la febbre, infatti, tenderà ad apparire piuttosto inappetente e mogio, e a cercare di rimanere da solo in un posto preferibilmente piuttosto isolato. Anche il respiro accelerato può essere un sintomo della febbre nel gatto, mentre in altri casi si possono verificare episodi di diarrea, vomito o tosse.

Normalmente si pensa che quando il gatto ha il naso umido vuol dire che sta bene ma, purtroppo, non sempre è così. Ma allora come capire se il gatto ha la febbre? Per stabilire con certezza se il nostro animale domestico ha l'influenza felina si dovrà quindi procedere alla misurazione della temperatura interna che dovrà avvenire con un termometro rettale.

Come misurare la febbre al gatto?

Il suggerimento, in questo caso, è quello di usare alcune accortezze perché il micio probabilmente non gradirà il trattamento. Meglio, quindi, essere almeno in due e tenere fermo il gatto con tre mani mentre la quarta mano inserisce il termometro nel retto - preferibilmente leggermente lubrificato con olio di vaselina - con un movimento rotatorio molto delicato.

Attenzione, poi, a non usare termometri in vetro - che potrebbero rompersi per uno scatto improvviso del micio - e a prediligere quegli strumenti che misurano la febbre con rapidità.

Cosa fare se il gatto ha la febbre?

Una volta accertata l'effettiva febbre del gatto, quindi, ci si dovrà rivolgere al veterinario. Le cure fai da te per gli episodi febbrili del nostro amico a quattrozampe, infatti, possono essere molto pericolose e solo uno specialista saprà indicare con certezza quali sono le cause della malattia.

Quest'ultima, nella maggior parte dei casi, appare in conseguenza a un colpo di caldo o a patologie che, stimolano il sistema immunitario, scatenando appunto la febbre.

Ma sai come il gatto può contrarre l'influenza felina? Te lo spieghiamo nel nostro approfondimento.

---

Articolo revisionato da

francesco-reina  



Francesco Reina
Assistente veterinario

Domande frequenti (FAQ)

Perché il gatto trema?

Cosa significa quando il gatto ha le orecchie calde?

Quando preoccuparsi di un gatto che starnutisce?