News :

TEST: Che razza di gatto fa per te?😻😻

Pubblicità

Quali sono i calmanti per gatti aggressivi?

<p>Alla scoperta dei calmanti per gatti aggressivi.</p> advice

Alla scoperta dei calmanti per gatti aggressivi.

© Pixabay

I comportamenti del gatto stressato o violento possono essere tenuti a bada grazie all’utilizzo di calmanti per gatti aggressivi. Ecco quali sono i rimedi migliori, naturali e non, che possono essere prescritti ai nostri Mici.

Di Claudia Scarciolla

I calmanti per gatti aggressivi sono delle terapie atte a  migliorare i comportamenti di iperattività e aggressività patologica dei propri gatti.

Prescritti dai veterinari, questi tranquillanti (o sedativi) possono essere veri e propri farmaci o rimedi naturali. Le opzioni che si possono trovare in commercio sono diverse e tutte mirate a migliorare la salute psichica dell’animale, vediamo insieme quali sono.

Perché un gatto è aggressivo?

Le cause dell’aggressività ed iperattività nel gatto sono originate da diverse situazioni. L’aggressività cela:

  • frustrazione dell’animale;
  • paura;
  • noia;
  • traumi precedenti;
  • mal adattabilità all’ambiente che lo ospita, poco adatto alle sue esigenze.

Questo ultimo caso succede ad esempio, quando è costretto a vivere con altri suoi simili con cui non va d’accordo, quando è soggetto a vari cambiamenti della sua routine, traslochi e viaggi frequenti, quando l’ambiente è poco stimolato o resta troppo da solo.

Il gatto ha la tendenza a reagire a situazioni di stress e ansia in maniera aggressiva anche quando è stato allontanato precocemente da mamma gatta (prima dei 2 mesi di vita), quando è malato e prova dolore, quando soffre della sindrome comportamentale Hs-Ha (ipersensibilità-iperattività).

Per saperne di più sulle ragioni dell'aggressività clicca qui

Come calmare i gatti aggressivi?

In linea generale un gatto stressato o ansioso tende ad essere aggressivo e dimostra il suo stato d’animo:

  • inarcando la schiena;
  • soffiando;
  • ringhiando;
  • drizzando il pelo;
  • abbassando e rivolgendo indietro le orecchie;
  • dilatando le pupille.

Un gatto in queste condizioni tende a non attaccare per primo un altro animale o il proprio padrone. Così facendo, infatti, tende solo a dissuadere chi ha di fronte perché consapevole che il suo stato d’animo non sia adatto allo scontro.

In questi casi, è bene per il padrone lasciarlo stare, senza dare troppe attenzioni ai suoi comportamenti aggressivi e, magari, usare il rinforzo positivo per premiarlo quando è calmo. Rivolgersi a lui senza aggressività, ma con fermezza magari utilizzando un espediente (come uno spruzzino con dell’acqua, soffiandogli aria sul viso o utilizzando uno stuzzicamicio).

In alcuni casi, però, l’irruenza dell’aggressività o iperattività del gatto diviene una vera e propria patologia che deve essere seguita da un veterinario.

Sotto controllo del medico, il gatto potrebbe essere non solo inserito in una terapia comportamentale, ma gli potrebbero essere prescritti farmaci tranquillanti.

Calmanti per gatti aggressivi

I tranquillanti per gatti in commercio possono essere sotto forma di spray, snack e diffusori per ambiente a base di feromoni, sostanze odorose capaci di provocare un comportamento.

A seconda della causa dell’aggressività del gatto è possibile che gli vengano prescritti, oltre che una terapia comportamentale, anche dei sedativi, antidepressivi e ansiolitici, a base di benzodiazepine o clomipramine.

Un bravo veterinario sa che prescrivere dei tranquillanti al gatto è una scelta da ponderare, solo se strettamente necessaria. Infatti, nonostante i benefici che questi farmaci possono avere nel comportamento del gatto, a lungo termine possono nuocere alla salute del gatto, in quanto presentano alcuni effetti collaterali.

Gli effetti collaterali dei calmanti per gatti

Tra gli effetti collaterali dei tranquillanti per gatti troviamo:

  • la perdita d’orientamento;
  • l’assuefazione e dipendenza;
  • possibili reazioni allergiche.

E il calmante può avere anche un effetto contrario a quello sperato, ossia aumento dello stress ed eccitazione.

Tuttavia, esistono anche delle alternative naturali che possono aiutare a calmare un gatto particolarmente aggressivo o stressato.

Tranquillanti naturali per gatti aggressivi

Per ridurre l’aggressività del proprio gatto è possibile optare anche per soluzioni naturali come erbe calmanti per gatti o fiori di Bach che, dispersi nell’ambiente, in sacchetti sparsi per la casa, possono giovare allo stato d’animo dell’animale.

Quando si parla di rimedi naturali per i gatti ansiosi, stressati o molto aggressivi, infatti, non si deve pensare a tisane o intrugli vari da fargli bere, ma alla stimolazione olfattiva che faccia leva su quei feromoni segnale di un comportamento errato o in allerta.

Il Rescue Remedy e altre gocce

Tra i fiori di Bach adatti vi è il Rescue Remedy. Questo rimedio alternativo anti stress e ansia per i gatti deve essere privo di alcool e può essere applicato, poiché in gocce, nella cuccia o sui giochi.

Poi ci sono:

  • l’idrolato di lavanda;
  • la camomilla;
  • la valeriana;
  • l'Ignatia Amara;
  • la melissa.

Il veterinario saprà consigliare il miglior rimedio adatto al proprio gatto. 

Leggi anche