Scopri qui se il tuo cane è obeso!🐶

Pubblicità

I salvataggi più belli della Leidaa durante il lockdown per il Covid

volontario-leidaa-con-cane dog-cat-serious

La Leidaa non ha smesso si aiutare i nostri amici a 4 zampe durante il Covid-19.

© Facebook @LE.I.D.A.A.

Gli italiani non smettono di preoccuparsi dei loro animali domestici, neanche durante le difficoltà, come in questo periodo di pandemia da Covid-19. A tal proposito, abbiamo posto delle domande a Manuela Gigante, presidente della Leidaa di Milano e responsabile del Movimento Animalista della Lombardia.

Di Ilenia Colombo

Pubblicato il 28/05/20, 13:04

Gli italiani non hanno dimenticato i loro pets durante il Covid-19: la Leidaa - Lega Italiana Difesa Animali e Ambiente - ci spiega in dettaglio come sono andate le cose.

L'intervista alla presidente della Leidaa Milano

Abbiamo intervistato a questo proposito Manuela Gigante, responsabile del Movimento Animalista della Lombardia e presidente della Leidaa di Milano città metropolitana.

Quali azioni avete intrapreso per aiutare gli animali domestici di chi è in difficoltà a causa del Coronavirus?

«Sono stati due mesi molto intensi, siamo stati contattati da tantissime persone in difficoltà a causa del Covid 19, che si sono rivolte a noi per la gestione quotidiana dei loro amici a 4 zampe», ci spiega Manuela.

In particolare, Manuela insieme ai volontari della Lega Italiana Difesa Animali e Ambiente si sono occupati di portarli fuori a passeggio oppure dal veterinario.

Nei casi in cui gli animali, invece, si sono ritrovati soli in casa, la Leidaa si è impegnata nel trovare loro una sistemazione, temporanea o definitiva.

Il tutto - ci tiene a precisare Manuela - si è svolto nel rispetto delle norme di igiene emanate dal Ministero della Salute (utilizzando quindi mascherine, guanti e guinzaglio) e in collaborazione con la Protezione civile.

 

LEIDAA PER EMERGENZA COVID-19: ECCO COME CONTINUIAMO AD ASSISTERE KIRA E TOBY Siamo sempre stati in prima linea per...

Posted by LE.I.D.A.A. on Sunday, 24 May 2020

Che impatto ha avuto la pandemia da Coronavirus sul vostro lavoro?

«L’impatto più grave è stato il blocco delle adozioni per due mesi imposto dal lockdown, eccetto pochissimi casi motivati da assoluta necessità», afferma la presidente della Leidaa.

E continua:

«Solo dal 15 maggio, a qualche giorno dal termine del confinamento, il Ministero della Salute ha riconosciuto ufficialmente la possibilità di svolgere nuovamente una serie di attività a tutela degli animali, come le adozioni di cani e gatti, lo sgambamento dei cavalli».

Avete riscontrato un maggior abbandono di animali magari in seguito alla confusione iniziale riguardo la probabile trasmissione della malattia da animale a uomo?

«Non direi. Gli italiani fortunatamente tendono a preoccuparsi dei propri animali, come dei membri della propria famiglia quali sono».

Manuela aggiunge che l'associazione continua a dare supporto anche a chi è meno forte moralmente:

«Può capitare che la malattia riduca alla disperazione i soggetti più fragili. Ma proprio per questo noi ci siamo».

 

LEIDAA PER EMERGENZA COVID-19: OGNI ADOZIONE È UN DONO DI FELICITÀ PER I QUATTROZAMPE E LE LORO NUOVE FAMIGLIE! Non...

Posted by LE.I.D.A.A. on Thursday, May 21, 2020

Quali sono le più belle storie di salvataggio che conosce?

«Tra i tanti rimasti nel cuore voglio ricordare la storia di uno sfortunato cagnolone che dopo la morte per Coronavirus dei suoi amici umani, è stato costretto a vagare da solo nei boschi in provincia di Pavia. La Lega Italiana Difesa Animali e Ambiente è intervenuta subito, con un team e un veterinario esperto: dopo averlo recuperato, curato e rifocillato, grazie a molte coccole sta superando il lutto per la perdita della sua famiglia umana e ora aspetta una bella adozione».

«Un altro salvataggio da ricordare - ci racconta Manuela - è stato quello di Cagliostro, micio nero di proprietà di una signora della provincia di Milano ricoverata d'urgenza per Coronavirus».

 

LEIDAA PER EMERGENZA COVID-19: COSÌ CI PRENDIAMO CURA DEL MICIO CAGLIOSTRO Fra le tantissime storie di animali aiutati...

Posted by LE.I.D.A.A. on Saturday, April 18, 2020

La proprietaria era ricoverata in ospedale per cui il gatto è rimasto chiuso in camera per giorni, risciando di morire di inedia.

«Appena venuti a sapere della vicenda i volontari LEIDAA della zona, hanno recuperato le chiavi dell'abitazione della donna salvando il gattino che, visibilmente deperito, si è subito fiondato su due ciotole prontamente riempite di pappa e acqua. Nelle settimane seguenti i volontari si sono presi cura di Cagliostro con affetto in attesa della completa guarigione della sua proprietaria».

Un ringraziamento a Michela Vittoria Brambilla

Manuela ci tiene a ringraziare la Presidente On. Michela Vittoria Brambilla, che, «in un momento difficile come questo, ha voluto dare un aiuto concreto e basilare a tutte le persone colpite da Covid-19 che convivono con uno o più amici a 4 zampe».

Non poteva mancare un ringraziamento anche a tutti i preziosi volontari della Leidaa, «che con grande dedizione - ci spiega Manuela - si sono impegnati giorno e notte, per garantire l’assistenza a chi ci ha interpellato».

Grazie anche da parte del team Wamiz per tutto quello che voi della Leidaa, come pure altre associazioni animaliste, fate in favore dei nostri amici animali e delle loro famiglie umane.